Scimmie, tequila e magia

CANCUN – MERIDA – CAMPECHE – PALENQUE – FLORES (GUATEMALA) – SAN CRISTOBAL DE LAS CASAS – TULUM – BOCA PAILA (MAR DEL CARIBE!) – PLAYA DEL CARMEN - CANCUN Premessa: L’equipaggio era composto da: Io (Tullio), mia moglie Silvia ...

Diario letto 3271 volte

  • di terminator72
    pubblicato il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

CANCUN – MERIDA – CAMPECHE – PALENQUE – FLORES (GUATEMALA) – SAN CRISTOBAL DE LAS CASAS – TULUM – BOCA PAILA (MAR DEL CARIBE!) – PLAYA DEL CARMEN - CANCUN Premessa: L’equipaggio era composto da: Io (Tullio), mia moglie Silvia ed il libro della guida Routard (Messico, Guatemala e Belize).

Le uniche prenotazioni effettuate sono state l’auto all’aeroporto di Cancan e la cabana per gli ultimi giorni sul Mar del Caribe, nella Reserva de la Biosfera Sian Ka’An. Pur conoscendo bene l’inglese è stato molto meglio non usarlo, visto il pessimo feeling che corre tra i messicani e “los americanos”; quindi abbiamo perfezionato un messicano maccheronico misto tra dialetto Veneto, dialetto Trentino e qualche parola di spagnolo appresa alla TV (grazie a Speedy Gonzales!).

La nostra avventura è stata sì faticosa, ma ci ha permesso di vedere il vero Messico e la spettacolare flora e fauna, che i turisti dai viaggi organizzati che si barricano in hotel all-inclusive o villaggio turistico che sia, non potranno nemmeno mai immaginare! 09-Maggio VENEZIA – CANCUN E’ il momento tanto atteso, la partenza per il Messico! Dopo anni di Fly & Drive in USA, decidiamo infatti di variare un po’ le nostre mete abituali puntando un po’ più a sud.

Partiamo al mattino dal rinnovato aeroporto di Venezia con la peggior compagnia aerea mai usata fin’ora: IBERIA.

Ad aggravare la cosa ci si è aggiunto anche l’inospitale aeroporto di Madrid, dove abbiamo effettuato il primo scalo; per non parlare poi del secondo noioso scalo a Miami per poi ripartire una terza volta con destinazione Cancan.

Tocchiamo il suolo messicano alle 17.50 dello stesso giorno, ma ora locale della destinazione.

Semaforo verde al controllo bagagli e subito fuori a cercare il banco della Europe-Car per il ritiro dell’auto: una Volkswagen Pointer.

Ritirato il mezzo partiamo subito verso il centro città (evitando accuratamente il passaggio per la sintetica e iperturistica zona hotelera).

Troviamo alloggio presso l’Hotel Colonial, molto economico, pulito, piacevole, vicinissimo allo Zocalo e accoglienza molto cordiale.

Ritiriamo un po’ di pesos al bancomat di là della strada e poi facciamo la spesa per il giorno dopo al vicino supermercato.

Tra le cose comperiamo Jamon de Pavo, un prosciutto di tacchino a fette da ½ centimetro di spessore... La notte assistiamo allo spettacolo nello Zocalo in onore della festa della mamma (lì festeggiano un giorno dopo!?).

Musica, balli e spettacoli molto belli; un sacco di gente molto divertita e festante! Poco dopo andiamo a mangiarci una deliziosa Crepe nei paraggi, tanto per dimenticare la sbobba denominata “pasto” dalla Iberia.

Rientriamo al Colonial e regoliamo la sveglia alle 05:30 del mattino successivo.

10-Maggio CANCUN – MERIDA Sveglia presto, e partenza con colazione in auto a base di yogurt e brioches del supermarket.

Direzione sito archeologico Maya di CHICHEN ITZA.

Alla ricerca dell’imbocco dell’autostrada che ci avrebbe poi portato in prossimità del sito, chiediamo informazioni ad un tipo in bicicletta, e dopo esserci sbracciati e usato il nostro spagnolo maccheronico, scopriamo che autostrada si chiama “autopista”.

La raggiungiamo facilmente e la percorriamo per due o poco più ore di noiosissima foresta con qualche tizio in bicicletta contro mano, sotto un sole rovente.

Il sito ha un’entrata tipo Gardaland (suggeriamo di parcheggiare al vicino Club-Med, 50 metri a sinistra dell’entrata, in modo da evitare i 10 pesos per l’auto).

Le costruzioni principali sono evidentemente ricostruite e l’intero parco è ben tenuto e pulito

  • 3271 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social