Un Capodanno in giro per mercatini

Tre giorni fra i più caratteristici mercatini del Trentino Alto Adige alla ricerca dell'atmosfera natalizia e delle tante bontà gastronomiche di questa regione

Diario letto 10627 volte

  • di Redeyes5
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Per questo Capodanno, essendo appena tornati da una settimana nel Mar Rosso, decidiamo di andare tre giorni in Trentino con una coppia di amici per visitare i famosi mercatini di Natale: Alessio (viene da Roma) non li ha mai visti e io sono circa 12 anni che non ci vado..

Prenotiamo su Airbnb un paio di mesi prima un bellissimo appartamento vicino al centro di Bolzano, zona tribunale, che a sorpresa ha anche il posto auto condominiale riservato e gratuito in questo periodo (una manna dal cielo visto il costo dei parcheggi) a euro 220 totali per due notti e per 4 persone. L’appartamento è spaziosissimo, molto silenzioso, pulitissimo e la cucina è fornita di qualsiasi cosa! Siamo partiti da Modena alle 6.30 di mattina il 31 dicembre e senza traffico sulla Brennero siamo arrivati a Bolzano verso le 9.30; dopo la consegna delle chiavi ci rechiamo subito a OberBozen. La cittadina di OberBozen è molto caratteristica, immersa tra le montagne è il tipico paesino dolomitico; purtroppo non c’è neve quindi il panorama è un po’ diverso da quello che mi aspettavo. Ci fermiamo in una macelleria tipica per acquistare alcuni prodotti tipici da mangiare la sera del 31, in quanto abbiamo deciso di preparare un cenone casalingo, a base di spatzle, bistecche e wurstel.

La mattinata prosegue con una bella scarpinata su per le stradine del paese fino ad arrivare all’agriturismo Erlebnishof Kaserhof dove vengono allevati lama e alpaca; questo allevamento è il più importante in Italia, partecipa a diversi concorsi di bellezza ed è anche molto istruttivo per i bambini. Ci sono anche tanti altri animali da cortile e da fattoria: galline, cavalli, capre eccetera. Ci fermiamo qui per il pranzo e ordiniamo come antipasto un tagliere di salumi e formaggi da dividere in 4, diversi tipi di canederli (quello in brodo, quello classico con speck e formaggio, quello di rapa rossa e quello di spinaci) e la rosticciata, carne di manzo saltata in padella con patate e cipolle. Tutto buonissimo, per una spesa onestissima!

Torniamo verso Bolzano e dopo aver disfatto le valigie decidiamo di andare ai mercatini, ma a malincuore scopriamo che tutto il centro è transennato in occasione di una maratona, i negozi hanno chiuso anticipatamente in occasione del capodanno e anche il mercatino è stato notevolmente ridotto dopo il Natale… peccato.

Però riusciamo a vedere lo stesso qualche stand e ad assaggiare lo strauben una sorta di frittella gigante, servita con un cucchiaio di dolcissima marmellata.

Visitiamo il duomo in piazza Walther, molto particolare in quanto assembla elementi romanici (soprattutto all’interno) e gotici, aggiunti durante la ricostruzione dell’edificio a seguito dei bombardamenti della 2° guerra mondiale che lo hanno distrutto. L’elemento più interessante è sicuramente il tetto, ricoperto di decorazioni verdi e oro.

La sera purtroppo Bolzano non organizza niente di particolare per il capodanno, valutiamo se spostarci dopo cena a Merano, dove vengono fatti i fuochi artificiali sul fiume, ma un po’ per il freddo un po’ per la stanchezza desistiamo e tra partite di poker, spatzle e dolci vari passiamo una divertente serata casalinga!

Il primo gennaio alle 10, dopo un buon strudel come colazione, siamo già pronti per il secondo mercatino, quello di Merano.

Il paese di Merano è molto carino, con il fiume Passirio che lo attraversa e le montagne con la cima innevate che fanno da sfondo al centro. Il mercatino, che si svolge lungo il fiume, ha degli stand molto più carini e caratteristici rispetto a Bolzano. Innanzi tutto è “specializzato” nella gastronomia tipica quindi se cercate qualche souvenir di questo tipo siete nel posto giusto: speck, strudel, formaggi, grappe aromatizzate, marmellata (noi abbiamo preso quella al vin brulè!) e dolcetti di ogni tipo della tradizione locale. Ovviamente i prezzi non sono bassissimi.. bisogna anche un po’ cercare

  • 10627 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Marco Donini
    , 31/1/2016 03:22
    ci sarebbero da visitare anche i mercatini vicino agli hotel spa trentino Alto Adige del gruppo www.belvita.it

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social