Weekend lungo a Matera e Bari

Visita a Matera capitale della cultura e Bari.

Diario letto 3919 volte

  • di franz1
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Weekend lungo a Matera (e Bari).

Il 16 febbraio festeggio il mio cinquantacinquesimo compleanno e mi viene in mente un bel weekend lungo a Matera, capitale europea della cultura, ovviamente con Donatella. Per quanto riguarda gli spostamenti è un viaggio veramente low cost, 32 euro andata e ritorno il volo Genova Bari con Ryanair, 10 euro andata e ritorno il Flixbus Bari Matera.

Venerdì 15 partiamo da Genova in serata e pernottiamo a Bari.

Sabato 16 visitiamo Bari, dalla stazione centrale andando verso il mare si estende il centro della città. Il “centro” della città è costituito dalla città vecchia (Bari vecchia dovè nato Antonio Cassano per intenderci) e dal Borgo murattiano. La città vecchia, sita su un'appendice di roccia calcarea affacciata sul mare, ha il tipico impianto urbanistico medioevale (caratterizzato da strade strette che formano una raggiera irregolare, con al centro le due chiese principali,Basilica di San Nicola: uno dei simboli della città di Bari. L'edificio fu eretto tra il 1087 ed il 1197, allo scopo di custodire le reliquie di san Nicola, trafugato da Myra da alcuni marinai nel 1087. La sua struttura è uno dei migliori esempi di architettura romanica pugliese e la cattedrale di San Sabino eretta tra XII e il XIII secolo, dopo la distruzione della città (avvenuta nel 1156). Come la basilica, anche questa chiesa è uno dei migliori esempi di Romanico pugliese: ha una facciata semplice, come il resto del complesso, si caratterizza per la presenza di lesene, archi, bifore e monofore. In alto presenta un maestoso rosone dalla cornice variegata,degno di menzione nella città vecchia anche il castello Normanno-Svevo. Il Borgo murattiano è invece in tipico stile ottocentesco,fu fatto costruire da Gioacchino Murat ai tempi di Napoleone, costruito infatti con isolati “a scacchiera” e strade larghe. Nel murattiano si trovano molti negozi di grandi marche (degni di nota quelli d'abbigliamento), ristoranti e bar raffinati. Da vedere anche il Teatro Petruzzelli è il quarto teatro italiano per dimensioni e il più grande teatro privato d'Europa. La notte tra il 26 e il 27 ottobre 1991 il teatro venne distrutto da un incendio doloso. L'ultima opera rappresentata fu la Norma di Vincenzo Bellini che, ironicamente, si chiude con la scena di un rogo. Nel 2008 si sono conclusi i lavori di ripristino. Cenato a Bari vecchia con le tipiche orecchiette prendiamo il Flixbus che in un ora ci porterà a Matera. A Matera pernottiamo due notti al Chiostro delle Cererie un ex convento adibito ad hotel che fino a poco tempo fa ospitava i migranti.L'hotel appena ristrutturato ha un buon rapporto qualità prezzo ed è in un ottima posizione.

Domenica 17 febbraio

Dedichiamo tutta la giornata alla visita di Matera,con i suoi due sassi "caveoso" e "barisano" attoro alla civitas ed a picco su l dirupo che termina nella Gravina di fronte alle Murge. Che dire di questa città unica, che è stata il palcoscenico di moltissimi film tra cui spiccano il vangelo secondo Matteo di Pasolini e la passione di Cristo di Mel Gibson, essendo capitale della cultura europea 2019 non starò a dilungarmi in descrizioni poichè tutti questo anno ne parlano e la descrivono, prendo in prestito questa descrizione di G.B.Pacichelli storico del 1600, descrizione ancora attuale anche se siamo nel 2019 «La città è di aspetto curiosissimo, viene situata in tre valli profonde nelle quali, con artificio, e sulla pietra nativa e asciutta, seggono le chiese sopra le case e quelle pendono sotto a queste, confondendo i vivi e morti la stanza. I lumi notturni la fan parere un cielo stellato.»

Ceniamo con ferritelli con peperone Krusco e mollica e maialino in riduzione di aglianico.

Lunedì 18 febbraio Ripartiamo da Matera per Bari con il Flixbus e torniamo a Genova con Ryanair.

  • 3919 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico