Pesci e coralli a Marsa Alam

Una settimana al Resta Grand Resort

Diario letto 21446 volte

  • di duecuoriazonzo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Vista la positività e i bei ricordi che ancora abbiamo della nostra prima vacanza in Egitto (Taba), abbiamo deciso di ripetere l’esperienza per il nostro viaggio di nozze, questa volta però più a sud, a Marsa Alam. Abbiamo escluso mete come Sharm El Sheik o Hurghada perché luoghi ormai troppo affollati e sfruttati dai turisti, per concentrarci invece su posti più tranquilli, ancora in via di espansione. Anche a detta delle varie agenzie di viaggio contattate, Marsa Alam è un’ottima destinazione, specialmente per chi, come noi, vuole non solo riposare, ma anche assaporare la bellezza della barriera corallina e dei suoi abitanti.

Ci siamo affidati al Tour Operator Eden Viaggi (perché ci offriva un orario di partenza che incontrava le nostre esigenze, in realtà anche altri noti Tour Operator italiani organizzano ottimi pacchetti viaggio per lo stesso villaggio che abbiamo scelto noi). Tra le varie possibilità che avevamo a nostra disposizione, abbiamo optato per un villaggio senza animazione italiana in modo da poter stare tranquilli, non trovarci in mezzo al classico gruppo di italiani chiassosi e pretenziosi anche se in un eccellente 5 stelle e non correre il rischio di essere “prelevati” dal personale per partecipare ad attività assurde.

A questo proposito: quando siamo atterrati a Marsa Alam ci hanno accolti alcuni ragazzi dell'animazione che poi ci hanno smistati in base agli hotel prescelti. I classici ragazzi super abbronzati, super orgogliosi di essere in Egitto, che credono di essere nel film Dirty Dancing, che si atteggiano e aprono bocca credendo di far ridere la gente, ma in realtà fanno pena! Ecco, noi ci siamo subiti una mezz'ora con uno di questi elementi. Avremo voluto nasconderci sotto il sedile in corriera per l'imbarazzo! Lui però era veramente convinto di essere simpatico e coinvolgente…malgrado il silenzio e il distacco dei turisti che, come noi, erano zittiti. Questo soggetto si è unito al gruppetto che si stabiliva nei villaggi con animazione. Per fortuna noi e altri turisti, quando siamo scesi alla nostra destinazione, abbiamo sospirato ed è cominciata la vacanza, quindi: niente canzoncine del Tour Operator la mattina, il pomeriggio e la sera, niente partite interminabili di calcio pallavolo, bocce e freccette e niente balli di gruppo o teatrini patetici! Ed è stato fantastico così!

Il villaggio in cui abbiamo soggiornato era il Resta Grand Resort, con trattamento All Inclusive. C'era l'assistente Eden in loco, con cui tra l’altro ci siamo trovati bene, ma in realtà si trattava di un villaggio internazionale. Insomma, non potevamo sperare in meglio! Solo la sera c'era un po’ di intrattenimento "soft", perlopiù spettacoli tradizionali, per il resto ci siamo goduti il mare, i pesci, due escursioni e la tranquillità!

Ma passiamo ai dettagli: siamo partiti dall’aeroporto di Bergamo il 13 giugno 2010, per rientrare la domenica successiva, 20 giugno. Siamo atterrati a Marsa Alam e, dopo la compilazione di una carta per il visto, i controlli dei documenti e l’incontro sopraccitato con gli animatori, siamo arrivati al Resta Grand Resort che dista pochissimi minuti dall’aeroporto. La prima impressione che abbiamo avuto è stata di meraviglia: un lungo viale ci ha condotti all’entrata del Resort la cui hall è maestosa, molto lussuosa e resa ancora più bella da piante ben disposte e gruppi di poltrone e divani a disposizione dei clienti. Il gentile personale della reception ci ha dato il benvenuto con un fresco cocktail analcolico, ci ha chiesto i documenti e ci ha assegnato la card di accesso alla camera. La struttura del Resort è formata da un blocco centrale con reception, bar, ristoranti e negozi e da varie villette sia sparpagliate attorno alle piscine su un’ampia area verde, sia fronte mare. Ogni villetta raggruppa su due piani 6/8 camere. Malgrado l’orario (22.30 circa) abbiamo potuto cenare nella grande sala “The Space” e, successivamente, siamo stati accompagnati con una macchina elettrica alla nostra stanza: ampia, pulita, ordinata, comoda e fornita di tutti i comfort necessari. La camera, non lontana dalla reception e dalle piscine, aveva anche una bella terrazza con tavolino, sedie e sdraio e si affacciava su un curatissimo giardino

  • 21446 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social