Marocco, città imperiali e deserto con bambini al seguito

Tre famiglie (con cinque ragazzini) in giro per il Marocco classico, le kasbah e il deserto

Diario letto 20737 volte

  • di beplau
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 11
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ciao, siamo una famiglia genovese e vorremmo raccontarvi la nostra esperienza di viaggio in Marocco fatta in autonomia e con ben cinque bambini (non tutti nostri, s'intende, nel viaggio eravamo in 11, tre famiglie con bambini di età compresa tra i 7 e i 13 anni). Prima di parlarvi del viaggio vorrei dire che tutto è andato a meraviglia e che il Marocco, oltre ad essere splendido, è un Paese assai più evoluto e organizzato di quello che si pensa. E, non è vero, neppure nei vicoli più stretti di Fes, che la gente vi assale e vi tampina ad ogni angolo di strada; certo, ove possibile, cercano di proporvi qualcosa o di presentarsi come guide, ma mai in modo veramente assillante.

Ovunque siamo stati non abbiamo mai avuto problemi (e giravamo con 5 ragazzini); i centri storici (medine) sono talvolta caotici, ma è sufficiente prestare un po' di attenzione; si può girare liberamente tra suq e mercatini, ma si consiglia di portarsi dietro almeno una guida o una mappa, perchè in alcune città è facile perdersi. A Fes, e solo a Fes, abbiamo noleggiato una guida per un giorno, in quanto la medina è veramente un labirinto (ci è capitata la guida che di solito porta i turisti Francorosso, al modico prezzo di 150 dihram (15 eur) per l'intera giornata; alla sera ci ha persino accompagnati al ristorante.

In verità la nostra preoccupazione maggiore, visto il periodo scelto ed il caldo che c'era in Italia, era quella climatica; devo dire però che, ad eccezione forse di Marrakech, la temperatura si è rivelata assai più sopportabile del previsto e che nel deserto abbiamo utilizzato anche le felpe.

Per spostarci tra le città abbiamo preferito utilizzare i treni locali che mettono in comunicazione tutte le città imperiali, sono efficienti, moderni, puntuali e, ahimè, assai più puliti dei nostri (il costo in prima classe è circa un terzo del costo italiano).

Nei giri in città, ove necessario, abbiamo utilizzato i taxi, le cui corse raramente superano il costo di 15 dihram (circa un euro e mezzo).

Per scelta, in tutte le città abbiamo deciso di dormire nei riad, palazzi all'interno delle medine (centri storici), un tempo case di famiglie nobili e ora riadattati a bed and breakfast. Sono strutture molto confortevoli, dotate di aria condizionata e di bagni moderni, arredate con gusto orientale; spesso, essendo in 11, abbiamo occupato l'intera struttura. Il costo a camera raramente supera i 45-50 euro e sovente, quando si è in tanti, è possibile trattare sul prezzo. Un suggerimento; salvo rarissime eccezioni, in Marocco la carta di credito non viene accettata, per cui, ove possibile, suggeriamo di chiedere il pagamento anticipato o comunque di portarsi contanti. In ogni caso prelevare contanti è sempre stato agevole in ogni città.

Solo per organizzare il giro delle kasbah e nel deserto abbiamo preferito optare per un tour organizzato, proposto da un tour operator locale (http://www.radoin-saharaexpeditions.com). Anche in questo caso siamo stati molto fortunati; l'aver scelto una persona del posto (Radoin viene dal deserto ed è per metà touareg e per metà nomade) si è dimostrata la scelta vincente; il ragazzo si è dimostrato un giovane molto preparato, estremamente simpatico coi bambini e disponibile ad ogni variazione di itinerario; abbiamo viaggiato su un pulmino nuovo di zecca, abbiamo dormito in hotel con piscina, abbiamo effettuato uno splendido giro in dromedario al tramonto per raggiungere l'accampamento berbero nel deserto e, oltretutto, cosa che ci ha fatto molto piacere, abbiamo avuto l'onore di mangiare in casa della sua famiglia, che ci ha accolto con tutti gli onori ed un sontuoso piatto di cus-cus e carne. Anche il rapporto qualità prezzo era buono; in tre, con trasferimenti cene, hotel e guida per quattro giorni, abbiamo speso meno di 700 euro

  • 20737 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Ermanno Giraldi
    , 29/12/2012 12:48
    Io e mia moglie abbiamo 76 anni ed in compagnia di una coppia di amici di eguale età ed altra coppia più giovane vorremmo andare in Marocco nel mese di maggio per visitare le cinque città sacre. Vorremmo sapere : quanti giorni occorrono per la visita completa; l'abbigliamento da indossare ; il costo del noleggio di un eventuale pulmino per sei persone; se bisogna farsi delle vaccinazioni e quale compagnia aerea collega Roma al Marocco e quale é la spesa del biglietto aereo pro- capite.
    Nel ringraziare restiamo in attesa di un vostro cortese riscontro. Grazie

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social