Marocco, ultimo tour off-road prima della pandemia Covid-19

6 giorni intensi off road attraverso le montagne dell’Atlante, i campi di zafferano, le piste sabbiose del deserto; non poco impegnativi gli sterrati per raggiungere le oasi, paesaggi lunari, villaggi sommersi dalla nebbia nei monti

Diario letto 2036 volte

  • di Mara Agostini
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Tour novembre 2019

6 giorni off road alla scoperta del Marocco.

1 giorno Marrakech/Taliouine

Si parte da Marrakech verso le montagne dell’Alto Atlante attraversando il passo del Tizi-n-Test a 2093mt.slm. La giornata è tersa da un sole accecante ma il vento freddo ci fa rabbrividire quando scendiamo dall’auto per una sosta in un localino lungo la strada per assaporare un buon thè caldo.

Il passo del Tizi n’Test è spettacolare la strada però è un po' pericolosa, in alcuni tratti bisogna fare attenzione ed è sconsigliabile in condizioni meteorologiche avverse (pioggia abbondante o neve).

Arriviamo a Taliouline (città famosa per la produzione dello zafferano) e raggiungiamo il Riad prenotato precedentemente su booking. Una bellissima sorpresa! La Maison d’Hotes Escale Rando si trova in una antichisssima kasbah ormai in rovina da cui hanno ristrutturato una parte di essa.

Il luogo è magico e suggestivo soprattutto visto dalla splendida terrazza sul tetto dove non si può perdere il tramonto e l'alba.

Riad pulito e curato da una carinissima famiglia che ci abita.

Il meraviglioso giardino interno sembra un'oasi con uccellini cinguettanti, piante di ulivo e melograno e tartarughe che girano indisturbate. Il sole era ancora alto quindi siamo andati a curiosare i dintorni, nel vicino villaggio troviamo un mercato che ormai stava chiudendo ma abbiamo fatto in tempo ad acquistare lo zafferano ad un prezzo accessibilissimo. Questi mercati sperduti nei villaggi sono la mia passione, qui si vede ancora l’autenticità del Marocco.

Tornando in albergo lungo la strada, ci incuriosisce una strana costruzione in lontananza somigliante Tempio della Concordia nella Valle dei Templi, ovviamente andiamo ad esplorarla e ad occhio ci ha dato l’impressione che fosse un tribunale. Dopo il tramonto assaporiamo un’ottima cena preparata con prodotti coltivati direttamente dalla famiglia che gestisce il Riad.

2 giorno Taliouine/Foum Zguid

Al mattino presto lascio dormire la mia compagna di stanza e mi vado a godere un’alba strepitosa tinta di viola.

Dopo una abbondante e sana colazione partiamo alla ricerca dei campi di zafferano, purtroppo l’orario non è quello giusto, bisognerebbe andare al mattino presto prima del sorgere del sole, noi siamo arrivati che le donne avevano già il loro raccolto nelle ceste. Sono state molto gentili ci hanno comunque lasciato ammirare da vicino questi bellissimi fiori e fare alcune foto.

Lasciamo la strada provinciale N10 e deviamo per la P1743 fino al villaggio rurale di Ifri a visitare il suo granaio (agadir) collettivo.

Si può accedere facilmente al villaggio di Ifri in auto e parcheggiare di fronte alla scuola, guidati da Aïcha il custode si attraversa questo villaggio e si continua in un facile sentiero

tra i campi.

Già a distanza notiamo l’imponenza di questo granaio, una miriade di porticine sparse qua e la incastonate nella roccia, alcune celle sono esterne altre sono collocate alla fine

di corridoi sotterranei, noi siamo saliti abbastanza in alto tanto da ammirare il paese e l’arida campagna circostante. Ormai questo granaio è fuori uso ma un tempo gli abitanti

dei villaggi custodivano i loro averi più cari; cibo quotidiano come datteri, fichi, pane di sale o oggetti più preziosi come pelli di pecora, armi e munizioni, abiti da festa, henné,

titoli di proprietà .....

Proseguiamo lungo la pista P1743 verso il Sud che si snoda tra tratti di sterrato, piste veloci e canyon, un percorso spettacolare dove incontriamo piccoli villaggi con la sua

Popolazione accogliente e ospitale

  • 2036 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social