Mon Maroc... sorprese e meraviglie

Il mio Marocco ogni volta mi sorprende con panorami da favola

Diario letto 3019 volte

  • di Mara Agostini
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Vi voglio raccontare del mio ultimo viaggio in Marocco, amo questo paese e la sua gente che mi hanno conquistato il cuore. L’agenzia locale di Merzouga Vacanze Nel Deserto è ormai diventata la mia fedele compagna di viaggio perché ogni volta mi fa vedere e scoprire posti meravigliosi . Questa volta non mi voglio soffermare troppo nella descrizione delle varie tappe perché più avanti vi racconterò una piacevole sorpresa !

Partiamo da Marrakech con jeep 4x4 alla volta di Merzouga. Iniziamo a salire il Col du Tichka a 2260mt. costeggiando villaggi mimetizzati nella natura scendendo poi da tornanti mozzafiato. Raggiungiamo attraverso un fuoripista la famosissima kasbah Ait Benhaddhou, patrimonio dell’Unesco e utilizzata anche per numerosi film. Questa kasbah assomiglia a un maestoso castello di sabbia adagiato in un campo di mandorli che il tramonto regala dei giochi di luce bellissimi! Proseguiamo per Ouarzazate, capitale del cinema per i suoi studi cinematografici. Verso il tramonto arriviamo alla Valle del Dades con le sue rocce di calcare dalle forme strabilianti dove sostiamo per la notte in un grazioso albergo con vista nella vallata.

Al mattino partenza per le Gole del Todra, costeggiamo le montagne a picco nel torrente adatte per praticare lo sport di arrampicata. Pranzo e poi si riparte per il deserto, la vegetazione lentamente sparisce per lasciare posto a paesaggi aridi e villaggi berberi, ed ecco in lontananza le imponenti dune dell’Erg Chebbi e il villaggio di Merzouga. I dromedari sono già pronti, il tempo di sistemare i bagagli e si parte per l’oasi.

La sabbia dorata mi abbaglia, la distesa delle dune mi commuove, il silenzio del deserto mi invita alla meditazione. Arriviamo in tempo per salire nella grande duna per goderci un tramonto spettacolare. Ci sistemiamo nelle tende e per cena M’barek ci porta un tajine fumante che mangiamo tutti assieme seduti sui cuscini. Passiamo la serata al suono dei tamburi e canti degli amici berberi, a racconti di deserti e uomini nomadi … e un manto di stelle bianchissime ci fa da cornice… mi addormento felice.

Al mattino sveglia all’alba per goderci un sole che pallido spunta dalle dune fino a regalarci la luce ,si riparte e, arrivati alla base dopo una doccia e una abbondante colazione riprendiamo la via del ritorno. Facciamo una tappa a Rissani, antica capitale economica del marocco perché da qui partivano le carovane per attraversare il deserto. Merita una visita il suo variopinto mercato rimasto ancora uno dei pochi “veri” mercati per la gente del posto e non turistico ! Attraversiamo la verdissima Valle del Draa , distese di palmeti che costeggiano il fiume per quasi 200km, nella graziosa cittadina di Agdz facciamo tappa per la notte in un albergo circondato da palme cariche di datteri. Al mattino seguente facciamo un’altra tappa a Ouarzazate per visitare la Kasbah di Taourirt , residenza del pachà di Marrakech, molto ben tenuta con meravigliose stanze ricche di stucchi dipinti e soffitti decorati di legno di cedro.

Riprendiamo il viaggio ed ECCO LA SORPRESA! Vi voglio parlare di una delle più affascinanti strade panoramiche dell’Alto Atlante, la P1506 , antica pista carovaniera denominata anche la Via del Sale. E’ una strada che da Ouarzazate arriva al valico del Tichka a 2260mt. , attraversa la bella e suggestiva Valle dell’Ounila, il suo nome è dato dalle vecchie miniere di Anemiter . Ora è asfaltata ma assolutamente da non fare se piove (e li si sa che che le piogge sono torrenziali). La Via del sale si snoda sul fianco ripido della montagna, dove domina il rosso ferroso e, in basso, in grande contrasto, le coltivazioni e i villaggi di terra che sembrano una creazione da favola , tutto frutto di lavoro di generazioni. La pista termina nel grazioso villaggio di Telouet di origine dell’ultimo Pascià di Marrakech dove ha costruito una imponente kasbah di terra che purtroppo con il tempo si è in parte sgretolata, ma all’interno ci sono ancora delle stanze con dei bellissimi mosaici.

Mi sono rimasti impressi i colori di questa valle... sarà stata la bella giornata, con un cielo terso macchiato qua e la da nuvole bianchissime e mano a mano che salivamo i nuvoloni si facevano sempre più scuri fino a trovare la pioggia e una temperatura notevolmente più bassa di quella che avevamo lasciato, fino a intravedere le più alte cime dell’Atlante imbiancate di neve!

Le parole non rendono giustizia a quello che i miei occhi hanno visto, una parte del Marocco ancora autentica!

Proseguiamo per Marrakech, arriviamo quasi al tramonto. Jemaa El Fna si sta animando, ci sistemiamo in una delle tante terrazze che si affacciano sulla piazza e sorseggiando un thè alla menta ci lasciamo trasportare da questa atmosfera magica della città rossa

Già mi assale la malinconia perché domani si ritorna a casa ma intanto sto già pensando che ritornerò ! Ringrazio l'agenzia e M’barek disponibile e attento come sempre!

  • 3019 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Mara Agostini
    , 15/3/2016 10:22
    E' vero il Marocco ti prende il cuore ! Ormai sono anni che ritorno in questo Paese fantastico soprattutto per rivedere il deserto che ogni volta mi stupisce ancora.
    Io mi affido sempre all'agenzia locale Vacanzeneldeserto.com che è una garanzia !
    Organizza tour super in Marocco e in alcuni periodi applica delle offerte speciali da prendere al volo.
  2. unicapetra
    , 18/11/2015 23:08
    In Novembre sono stato in Marocco un tour di 3 giorni 2 notte . iniziato il mio tour da Fez a Marrakech . Una notte in tenda berbera nel deserto,siamo appena tornati dal Marocco io ed il mio ragazzo dopo 3 giorni e già mi manca.
    E' qualcosa di magico, un mondo parallelo, e questa magia l'abbiamo potuta assaporare grazie a Mohamed il nostro autista del 4x4, sempre attento ad ogni nostra richiesta e puntuale ad ogni occasione, una guida diventato poi un grande amico di viaggio, e Mohamed e la sua puntuale organizzazione in tutto e il suo gusto nella scelta di alberghi e nel scegliere l'esperienza più adatta ai suoi clienti. Era tutto organizzato nel dettaglio e ci hanno trattati davvero da signori, senza farci mai mancare niente.
    Personalmente abbiamo fatto un lungo tour, e trascorso 3 giorni e 2 notti nel deserto. Una esperienza che solo chi vive può comprendere davvero. Lontano da tutto e tutti, circondati da persone con un grande cuore,Per maggiori informazioni Contattare l'agenzia Toursinmarrakech.com

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social