Candelara e dintorni

La magia del Natale vissuta in un'atmosfera suggestiva di altri tempi.

Diario letto 9016 volte

  • di btmifo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro

1^ Giornata – 5/12/09: Candelara

Partenza in mattinata e arrivo per pranzo all’Hotel Royal di Pesaro (3 stelle), situato nel centro storico, che sarà la nostra base per tutta la gita. Buon rapporto qualità/prezzo. Dopo aver pranzato e riposato, partenza per Candelara, dove ha inizio la sesta edizione di “Candele a Candelara”, la festa dedicata alle fiammelle di cera che animerà il centro dell’antico borgo medioevale.

Arriviamo intorno alle 17 giusto in tempo per andare all’officina di Babbo Natale, dove sono allestiti laboratori di cartonage, creta e candele e grazie alla presenza di addetti, vestiti da folletti, i nostri piccoli possono preparare simpatiche letterine da consegnare a Babbo Natale, disponibile per ognuno di loro a fare una foto e ricambiare con un simpatico cadeu.

Nel frattempo assistiamo al primo dei tre spegnimenti dell’illuminazione pubblica (17:30, gli altri sono previsti alle 18:30 e 19:30), che per venti minuti crea un’atmosfera davvero magica e suggestiva (sembra vivere i tempi medioevali); infatti, il paese è illuminato solo dalle candele che adornano il borgo e dalle luci delle tante casette di legno, ricche di prodotti artigianali, che formano per tutta la città un mercatino natalizio a cielo aperto davvero unico.

L’atmosfera e la temperatura sono davvero natalizie (passano di tanto in tanto cantastorie, zampognari e banda musicale di babbo natale).

Dopo aver girato il borgo, percorrendo quella che viene definita la via dei Presepi, dove si potranno ammirare natività realizzate da artigiani di ogni parte d’Italia con i più diversi materiali (cera, legno, pietra, terracotta,ceramica, argento, sughero), decidiamo di rifugiarci presso la tendo-struttura riscaldata, dove prendiamo delle ottime piadine farcite e del buon vin brulè. Rientriamo in serata in albergo.

2^ Giornata – 6/12/09: San Marino e Borgo San Leo

Facciamo colazione e ci dirigiamo verso San Marino, la prima delle nostre due mete giornaliere, l’altra sarà San Leo. Entrambe le città devono la loro origine a due religiosi e abili tagliatori di pietra provenienti dalla Dalmazia, Marino e Leo, che furono arruolati dagli imperatori romani dell’epoca (257 d.C.), Diocleziano e Massimiano, per ricostruire le mura di Rimini. Terminati i lavori di riedificazione, i due amici si dedicarono alla predicazione del Vangelo, fino al momento in cui decisero di ritirarsi l'uno sul monte Feretrio (oggi dal suo nome chiamato San Leo), l'altro sul monte Titano, dove sorge appunto la Repubblica di San Marino, un piccolo stato diventato patrimonio dell’umanità. Iniziamo la nostra visita dal centro storico, più precisamente dal Palazzo del Governo, sede del potere rappresentato dai capitani Reggenti in carica per un periodo non superiore ai sei mesi. Dopo aver fatto delle foto, ci dirigiamo verso la seconda delle tre Torri, ma prima ci fermiamo alla casa di Babbo Natale, Snow Globe, allestita come una magica bolla di sapone, dove i nostri bambini hanno l’occasione di partecipare a laboratori natalizi, per creare biscottini colorati e giocattoli oppure ascoltare fiabe e racconti nell'Angolo delle Fiabe e fare una foto con le fatine e Babbo Natale. Dopo essere riuscito a convincere i piccoli ad uscire dalla struttura, arriviamo alla seconda torre, detta Cesta o Fratta, che sorge sulla vetta più alta del Titano (755 m). Era utilizzata come torre d'avvistamento già in epoca romana. Oggi è sede del Museo delle armi antiche e vale assolutamente la pena visitarla perché ospita una delle più complete raccolte di armi che si possano trovare. Siamo stanchi e abbiamo fame, ma decidiamo di visitare comunque l’altra torre visitabile, la prima (la terza non è aperta al pubblico), Guaita, che è la maggiore nonché la più antica delle tre rocche che dominano la città

  • 9016 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. danauf
    , 3/9/2010 20:39
    Da non perdersi assolutamente lo spegnimento dell'illuminazione pubblica a Candelara ... l'atmosfera diventa davvero magica e romantica.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social