Malesia in famiglia

Singapore, Borneo, Perhentian e Kuala Lampur

Diario letto 6525 volte

  • di cicca
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Dopo il bellissimo viaggio dello scorso anno in Cambogia e nord Thailandia, sempre sulle orme di Pechino Express siamo voluti ritornare in Asia scegliendo la Malesia includendo una tappa a Singapore.

I voli sia internazionali che interni li abbiamo acquistati molto in anticipo in modo da ottenere prezzi e operativi a noi favorevoli così tra fine ottobre e novembre l'estate 2015 era già stata programmata.

Il 7 agosto partenza da Milano destinazione Singapore, arrivo previsto il giorno seguente nel pomeriggio ora locale.

Dormire a Singapore è abbastanza costoso e la scelta ha richiesto la lettura di molte recensioni su Tripadvisor e il Bayview è risultato il miglior compromesso che includeva prezzo, location e qualità, l'hotel è un po' datato nelle parti comuni ma la posizione molto centrale vicinissimo alla metropolitana e la tripla che ci hanno riservata è risultata molto ampia e confortevole con due camere da letto, due bagni e una zona living, pulizia impeccabile, buona la colazione.

Dal Bayview molti luoghi sono raggiungibili a piedi, per i più distanti abbiamo approfittato dei trasporti gratuiti offerti a tutti il 9 agosto in occasione dei festeggiamenti per il 50° anniversario della nascita della città stato.

Questa città ti sorprende per l'ordine e la pulizia che trovi ovunque, anche le zone che notoriamente in ogni luogo risultano più sporche e disordinate come quelle arabe o Chinatown, qui sono impeccabili quasi innaturali.

Noi ne siamo rimasti catturati e ci piacerebbe includerla nuovamente in un prossimo viaggio in zona. L'unica perplessità è l'assenza di supermercati dove poter comprare frutta e qualcosa di semplice per un panino, ci sono centinaia di negozi ovunque ma per vestiti scarpe e profumi con brand super lusso, per un pacchetto di biscotti solo i 7eleven.

Da non perdere lo spettacolo luci e musica sotto i Garden Trees ma risparmiate i 5 $ per la passerella aerea, una cavolata.

I tre giorni e mezzo a Singapore sono volati e in serata con volo Airasia di un'ora siamo andati a Kuala Lampur che è la base di partenza per tutti i voli interni. Abbiamo trascorso la notte in un albergo nelle vicinanze dell'areoporto – lo Sri Enstek – che con circa 60 euro incluso il pickup ci ha riservato una bella e moderna tripla confortevole e molto pulita.

Mezz'ora per raggiungerlo non è poco e con il senno di poi probabilmente farei una scelta diversa cercando soluzioni meno distanti. Due volte nel nostro viaggio abbiamo dormito al Sri Enstek prenotato dall'Italia e avendo scelto coincidenze con Air Asia prestissimo, la distanza e i pick up ad orari stabiliti ci ha costretto a levatacce assurde.

Dopo Singapore l'itinerario prevedeva di raggiungere Sandakan che è la base di partenza per il Borneo malesiano. A Sandakan avevo prenotato una notte al Four Points, favoloso hotel in una cittadina terrificante, una alternativa al Four Points è l'Ibis lì accanto, sicuramente più economico ma solo camere doppie. Consiglio tantissimo il ristorante sotto l'Ibis, veramente buono tutto quello che propongono e, valutando la concorrenza e ciò che circonda il porto di Sandakan, non c'è sicuramente l'imbarazzo della scelta.

Prenotando molto presto ero riuscita a riservare direttamente con Crystal Guest una notte su Turtle Island, la riserva naturale dove viene monitorata e protetta la sopravvivenza delle tartarughe.

Mi associo a tutti quelli che hanno scritto che vale la pena solo se si riesce a prenotare direttamente con loro perchè il prezzo è di circa 1/3 (che è comunque eccessivo ) rispetto ai tour operator locali

  • 6525 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social