Alla scoperta del Sud Est asiatico

Singapore, tour della Malesia e soggiorno alle isole Perhentian

Diario letto 27210 volte

  • di ashante
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro

ALLA SCOPERTA DEL SUD EST ASIATICO: SINGAPORE – MALESIA – PERHENTIAN ISLAND

Non essendo mai stati in Asia, battezziamo il 2014 per l’anno del Sud Est Asiatico. Assieme a mio marito Stefano e nostro figlio Davide di 19 anni decidiamo per un tour in Malesia con soggiorno al mare e perché no, dato che siamo in zona, qualche giorno a Singapore.

A Marzo di quest’anno contattiamo un’agenzia locale di Kuala Lumpur “Asian Trail”, la nostra referente sarà Alice, una ragazza italiana.

In breve tempo Alice ci invia il programma che prevede 5 giorni di tour con guida italiana e come soggiorno al mare ci propone le isole Perhentian (Kecil) al BuBu Island Resort.

Dopo averlo valutato, aggiungiamo al programma di Alice 3 notti a Singapore, decidendo autonomamente l’albergo e il da farsi in città.

Acquistiamo in Agenzia i voli Air France per le tratte Bologna – Parigi, Parigi – Singapore e al ritorno Kuala Lumpur – Parigi, Parigi - Bologna e in quell’occasione con l’Agenzia stipuliamo un’assicurazione che in caso di mancata partenza prevede il 75% del rimborso dei biglietti aerei anche fino al giorno prima della stessa.

Ci rivolgiamo a Europe Assistance per analoga assicurazione per la restante parte del viaggio (tour e soggiorno) e in prossimità della partenza stipuliamo anche un’ assicurazione sanitaria.

Per quanto riguarda il profilo sanitario non vi è nessun obbligo di vaccinazione, noi però eseguiamo su consiglio medico la vaccinazione antitifica, (siamo già vaccinati per l’Epatite A e B).

Nella valigia mettiamo indumenti estivi, abbigliamento mare, k way, ombrelli, repellenti per le zanzare, felpa per la sera da utilizzare sulle Cameron Higlands e scarpe da trekking leggere.

Il nostro viaggio inizia l’11 Settembre e dopo 13 ore di volo da Parigi arriviamo a Singapore il 12 alle ore 14,10 (ora locale, ci sono 6 ore avanti di fuso orario).

Siamo finalmente in Asia, la giornata è soleggiata e come nei viaggi precedenti l’emozione e l’entusiasmo ci travolgono.

Usciamo dal Changi Airport e il primo impatto l’abbiamo con il caldo-umido di questa città. Saliamo sull’auto che ci porterà all’albergo (trasferimento organizzato dall’Asian Trail) e mentre percorriamo il tragitto restiamo incantati dall’ordine, dai giardini con innumerevoli piante tropicali e dall’imponente skyline che appare ai nostri occhi.

Il nostro albergo Jayleen 1918 è in pieno centro e a pochi passi dalla fermata metropolitana Clarke Quay. Il tempo di appoggiare i bagagli e reflex alla mano siamo fuori, insaziabili di vedere, di esplorare.

Per prima cosa scambiamo dentro ad un centro commerciale gli Euro in Dollari di Singapore, poi visitiamo il Raffles Hotel, struttura che riporta al periodo coloniale britannico e l’Asian Civilisations Museum dedicato all’intreccio di culture e tradizioni del continente asiatico.

Col calare del sole i grattacieli prendono forma, si animano, si illuminano e lo spettacolo è fantastico. Ceniamo in un ristorantino lungo i Quays a ridosso del Singapore River; la zona è caratterizzata da innumerevoli e affollati ristoranti, bar e club. Questa nostra prima giornata asiatica è giunta al termine; ce ne aspetteranno tante altre… questo è solo l’inizio.

13/9 Dopo una buona dormita ci dirigiamo a Chinatown ed a seguire Little India.

In questi quartieri quello che incanta è l’atmosfera: i mercati tradizionali, le bancarelle e gli innumerevoli templi fanno di questi luoghi un tripudio di colori e di spiritualità

  • 27210 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social