Slow Tour Padano, 3 puntata: Alle origini del Trentingrana

Sabato 6 novembre su Rete4. Al villan non far sapere quant’è buono il Grana Padano con le mele!

La puntata è già disponibile on line su Italia Slow Tour a questo link

Slow Tour Padano va anche oltre la Pianura Padana! Nella puntata di questa settimana, infatti, Patrizio Roversi segue le tracce di Michele Marchesi che negli anni 20, dopo aver appreso l’arte del casaro nel mantovano, è tornato a casa sua in Trentino, innestando la tradizione del Grana Padano nella grande tradizione lattiero-casearia di questa regione e aprendo la strada allo sviluppo del famoso Trentingrana. In nome della vocazione all’ecocompatibilità di questo suo nuovo slow tour, per raggiungere la regione italiana più green, Patrizio viaggia su un motociclo simile a quello che usò Marchesi, un Aquilotto, ma elettrico!

Elettro-pedalando raggiunge la Val di Non dove, a Rumo, trova sia la casa che il vecchio caseificio dove arrivò e lavorò Marchesi nel secolo scorso. Qui è nata la prima forma di Trentingana, e qui (anzi poco più su) oggi c’è il nuovo caseificio moderno del Consorzio dei produttori agricoli di Rumo. Il Trentingrana fa parte della famiglia del Grana Padano, di cui sottoscrive il disciplinare, la particolarità è la zona di produzione: vallate alpine che danno un latte di montagna che trasmette i suoi aromi anche al formaggio.

Anche in questa puntata Patrizio va cercando idee sostenibili che traghettano la tradizione nel futuro. Trova l’ultimo caseificio turnario del Trentino, a Pejo, dove ancora il latte viene munto a 2 mila metri in alpeggio e scende a valle scorrendo in un tubo ogni mattina alle 7. Trova una centrale idroelettrica che viene dal passato – la Centrale di Pont, a Cogolo –, un monumento di archeologia industriale, che funziona nel presente ed è una soluzione energetica per il futuro. Trova un orto di permacultura a Coredo gestito come una farm community – l’azienda agricola Predaia e Casa Sebastiano –, dove si coltiva tanto la biodiversità vegetale quanto quella umana!

Una parte della puntata è dedicata ovviamente al prodotto-principe del Trentino: le mele. Una produzione che determina il paesaggio, l’economia e l’ambiente. Ma cosa si fa per rendere la filiera più ecocompatibile? A San Miche all’Adige, alla Fondazione Edmund Mach, assieme all’Università di Trento si stanno portando avanti importanti ricerche in questo senso. Patrizio è molto curioso: che cos’è un “frutteto pedonabile”? Cosa significa “lotta biologica integrata? Chi vince tra la Vespa Samurai e la Cimice Asiatica?

Per stoccare in modo ecologico tutte queste tonnellate di frutta, a San Romedio c’è chi si è inventato un frigorifero ipogeo naturale, andando a impilare cassette di mele negli spazi vuoti lasciati dagli scavi di una miniera di dolomia. Se non è economia circolare questa… Tonda come una mela! Di cui non si butta via niente, persino le bucce, che possono diventare pellemela.

La terza puntata di Slow Tour Padano sabato 6 novembre alle 15.35 su Rete 4, in replica giovedì in seconda serata e on line su Italia Slow Tour poco dopo la messa in onda! Per anteprime e contenuti esclusivi c’è la newsletter di Italia Slow Tour.

Guarda la gallery

Azienda agricola predaia e casa sebastiano (4)

Caseificio rumo andrea merz

Caseificio rumo patrizio e remo marchesi

Caseificio rumo (1)

Caseificio rumo (21)

Castel valer (4)

Castel valer (6)

Centrale idroelettrica di pont cogolo (3)

Fondazione mach, san michele all'adige (3)

Fondazione mach, san michele all'adige (7)

Miniera di san romedio (3)

Patrizio in trentino

Pejo caseificio turnario (5)



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
Patrizio Roversi Slow Tour padano

Slow Tour Padano: tutte le puntate della seconda serie

La seconda serie di Slow Tour Padano è andata in onda su Rete4 dal 23 ottobre al 4...

Città bellissima

città bellissima

L’Antica Salumeria a Roma, Piazza Rotonda

L'Antica Salumeria a Roma, Piazza Rotonda

Leggi i Diari di viaggio su Italia
Diari di viaggio
Roma

Viaggio nella Città Eterna

Ottobre 2021, io e la mia ragazza avevamo da tempo deciso di prenderci una settimana di vacanza a metà mese per un viaggio a New York, ma...

Diari di viaggio

Fuga di fine estate in Valsugana

Amo camminare e scoprire mete diverse, le temperature africane hanno allentato un pò la presa e quindi parto da Milano Centrale alla volta...

Diari di viaggio

Salento Ionico

Giorno 1 Siamo partiti da Brindisi in due la mattina del 18 agosto e dopo 2 ore di auto (100 km) siamo arrivati a Torre San Giovanni...

Diari di viaggio

LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

24/07/21 Inizia una nuova avventura in sella. Oggi giornata dedicata al trasferimento da casa a Trieste in treno. Pedaliamo fino alla...

Diari di viaggio

MARCHE A TUTTO TONDO!

Finalmente come ogni anno le nostre solite ferie settembrine stanno per arrivare, cosi insieme a mia moglie e la nostra piccola Azzurra di...

Diari di viaggio

Presepe vivente a Civita di Bagnoregio

Domenica 5 gennaio 2020 La destinazione della nostra gita è Civita di Bagnoregio. In questa giornata, vigilia dell’Epifania, ammiriamo...

Diari di viaggio

SPRING BREAK SICULO

DAY 0 – LUN 23/04/2018 Reduci dai bagordi dell’indimenticabile weekend a Malta per il matrimonio del caro amico Beppe, atterriamo verso...

Diari di viaggio
Mazara del Vallo la città del muezzin e del suono delle campane

Mazara del Vallo

Mazara del Vallo è davvero una di quelle città che non ti aspetti, un crogiolo di Italia e Africa del nord che vive in perfetto...

Diari di viaggio
Oristano - Basilica Santa Giusta

IN SARDEGNA TRA STORIA E NATURA

Sabato 11 maggio Dal ponte scoperto del traghetto Nuraghes della Tirrenia, partito da Genova alle 20,30 della sera precedente, assisto alle...

Diari di viaggio

Brescia, Leonessa d’Italia

Io vivo in provincia di Brescia e mi ero da tempo ripromesso di fare il turista nella mia città e di visitarla con occhi diversi, senza lo...