London calling... finalmente!

Long weekend nella capitale britannica dove a farla da padrone sono la metro infinita e il meteo variabile

Diario letto 11017 volte

  • di Gianlu95
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

E' anni ormai che Giada ed io viaggiamo alla ricerca di posti nuovi da scoprire in tutte le loro bellezze e particolarità, ma una domanda risiedeva spesso nelle parole dei nostri amici e, in fondo, anche nelle nostre teste: perchè non siete mai andati a Londra?In effetti la capitale britannica viene spesso scelta da molti come primo viaggio perchè organizzata benissimo sia come voli sia come trasporti, sicura e anche piena di cose da vedere che corrispondono ai gusti di chiunque voglia visitarla. Per il ponte del 25 aprile, quindi, nonostante i voli Ryanair da Bergamo avessero avuto un notevole rincaro di prezzo, prenotiamo l'aereo per Londra, con atterraggio a Stansted la mattina del 25 e ritorno il 28 aprile. Come albergo, vista la grande mole di turisti che ha optato per la nostra stessa idea (solo in seguito scopriremo che il 28 si sarebbe svolta la London Marathon, motivo per cui gli alberghi erano pieni più del solito), non abbiamo molta scelta, ma, nonostante ciò, riusciamo a prenotare il bellissimo Millennium & Copthorne Hotel at Chelsea Football Club, che, come avrete capito dal nome, è attaccato (letteralmente!) allo Stamford Bridge, casa del Chelsea ad oggi allenato dall'italiano Maurizio Sarri.

GIORNO 1 Alle ore 6:30 l'aereo decolla puntualissimo da Bergamo e, con ben quindici minuti d'anticipo sulle due ore previste, atterra a Stansted. Da casa avevamo prenotato già i biglietti per lo Stansted Express, treno che in 45 minuti ti porta sino alla stazione Liverpool Street, nel centro città, e, particolare da non trascurare, permette scaricando dei voucher di usufruire della promozione 2x1 su moltissime attrazioni. Per i trasporti invece dal sito (in italiano) www.visitbritain.com è possibile far arrivare comodamente a casa la Visitor Oyster Card, carta ricaricabile con la quantità di denaro desiderata, che permette di viaggiare sulla metro e sui bus della capitale; per 4 giorni di permanenza dovrebbero bastare 35 £ come quota iniziale. Dalla stazione di Liverpool Street prendiamo la metro fino a Fulham Broadway da cui in neanche 5 minuti di cammino si raggiunge l'hotel. Finalmente possiamo iniziare le nostre visite e, dopo uno scroscio d'acqua pazzesco lungo ben 5 minuti, arriviamo alla St. Paul's Cathedral, la cattedrale dall'inconfondibile cupola che ricorda vagamente quella di San Pietro a Roma; il biglietto costa 20 £ ed include un audioguida e la salita alla cupola, davvero faticosa e non proprio adatta a chi come me soffre di vertigini; purtroppo non è possibile scattare fotografie ed è un peccato visti i capolavori presenti all'interno. Dopo esserci rifocillati con un buon sandwich, ci dirigiamo verso la fermata della metro Temple, così chiamata perchè vicinissima alla Temple Church, chiesa costruita dall'ordine dei Templari, molto famosi nella storia medievale perchè custodi dei luoghi di Cristo in Terrasanta; inoltre, a pochi passi, per chi fosse patito del thè inglese vi è il negozio-museo della Twinings, da dove potrete portare a casa souvenir graditi ad amici e parenti. Vista la sveglia all'alba, per il primo giorno abbiamo optato per un programma soft, per cui ci spostiamo verso Oxford Circus, da cui, attraversando Carnaby Street, si raggiunge il cuore pulsante della città, la bellissima Piccadilly Circus, piazza punto di ritrovo di turisti e locali, che di sera, grazie alle pubblicità led appese sui palazzi si trasforma in una piccola Times Square; ovviamente in queste vie sono imperdibili i negozi, tra cui segnalo, per la particolarità dell'edificio, Liberty, grande magazzino che all'esterno ricorda le case presenti nei libri di Dickens

  • 11017 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social