Londra con famiglia e amici

Consigli pratici per visitare la capitale (con bimbi al seguito)

Diario letto 12224 volte

  • di picbadaluc
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 8
    Spesa: Fino a 500 euro

Salve a tutti, di diari di viaggio per Londra ne sono stati scritti a centinaia quindi mi limiterò a dare qualche consiglio pratico in modo schematico

PARTENZA: siamo partiti da Roma Ciampino con Ryanair e arrivati a Stansted. Ad avere il secondo bagaglio a mano di pochi cm per lato (questo consentirebbe Ryanair) eravamo solo io e una mia amica, il resto della gente aveva ogni tipo di zaino possibile. Siate però rigorosi con il bagaglio a mano principale, su quello sono fiscali. Arrivati a Londra, tenete presente che i controlli sia in entrata che in uscita sono molto severi e quindi viene perso un po’ di tempo

TRASPORTI: siamo stati 5 giorni e la Oyster card era d’obbligo. A capire come funziona ci metterete meno di un secondo. Vi consiglio però di caricare, ad esempio per 5 giorni, 40 sterline come minimo. Questo per non rischiare di rimanere senza credito di sera tardi o, come è successo a noi, il giorno della partenza, quando eravamo in un ritardo pauroso. Tra l’altro la Oyster non siamo riusciti a restituirla e a farci rimborsare la cauzione di 5 sterline proprio perché eravamo in ritardo e la fila al botteghino era notevole. La metropolitana londinese è una vera città sotterranea. Vi stupirà la frequenza dei treni, passano uno dietro l’altro (attesa media 1 minuto reale) e troverete quasi sempre posto a sedere. Non affannatevi alla ricerca di piantine della metro, ad ogni stazione è pieno di mappe gigantesche e molto chiare. L’unica (minima) difficoltà sta nel fatto che alcune linee si biforcano quindi occorre prestare un po’ di attenzione alla destinazione. Simpatici i bus a due piani, chiaramente più lenti della metro ma considerate che Londra, paragonata alle nostre città, non è particolarmente trafficata, avendo dei mezzi cosi efficienti.

HOTEL: mai scelta fu più azzeccata. Premier Inn. E’ una catena inglese di alberghi sparsi per tutta Londra. Ideale per famiglie con bambini, prezzi ottimi, pochi fronzoli ma nel complesso molto confortevole. Noi abbiamo scelto uno dei meno cari, ad Hampstead, apparentemente un po’ decentrato ma in una bella zona, molto vicino ad una linea di metro fondamentale, la Northern Line. In meno di 8 minuti (reali) ci portava dritti dritti a Leicester Square. Ristorante interno e tutti i servizi a portata di mano. Tranquillo anche di sera. Colazione ottima e abbondante (datemi retta, includetela nella prenotazione, sarà forse il cibo migliore che ingerirete nella vostra vacanza!) Prenotate direttamente dal loro sito (chiarissimo) e scegliete la zona che più vi piace (c’è un Premier Inn molto carino anche accanto alla London Eye).

RISTORANTI: dolente nota. Confermo che, o avete molti soldi da spendere, o mangerete complessivamente male. L’unico posto che mi sento di consigliare vivamente è Poppie’s sulla strada principale di Camden Town. Locale simpatico, ottimo fish and chips (scegliete quello con la frittura mista), sempre stracolmo, anche se il personale è molto bravo a smaltire la fila in tempi rapidi senza per questo sollecitare le persone ai tavoli che hanno finito di pranzare

Come sala da the vi suggerisco Camellia’s. Basta andare a Carnaby Street ed entrare in una piccola rientranza che sbuca su una piazzetta con esercizi commerciali su due piani. Camellia’s si trova al piano superiore. Carnaby street è piccolina quindi ci metterete un attimo a trovarlo.

Il caffè migliore forse l’ho bevuto in albergo. Ai limiti della decenza quello preso da “Caffè Nero”. Evitate di andare da Starbucks dove non ho trovato nulla, ma proprio nulla di buono. Proprio non comprendo come abbia potuto trovare il consenso dei londinesi

Pizza: anche se siete convinti di non appartenere alla solita categoria degli italiani in vacanza, la tentazione di mangiarla sarà piuttosto alta. Noi abbiamo provato pizza express, decorosa, sono riuscita a finirla senza lagnarmi più di una–due volte

MUSEI: non vederne almeno due sarebbe un errore madornale

  • 12224 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social