Lecce, Salento e Matera a Pasqua

Un giro alla scoperta del Barocco leccese e salentino e della città lucana e i suoi curiosi Sassi

Diario letto 35941 volte

  • di Lurens55
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Vedremo.

Venerdì 25-03-16

Ore 8: apro le persiane e il cielo è nuvoloso con qualche microscopico squarcio di azzurro e l'aria è tutt'altro che calda. Scendiamo a fare colazione dove assaggiamo il famoso pasticciotto leccese. Decisamente goloso. Verso le 10 usciamo diretti verso il centro. È abbastanza soleggiato, ma c'è un vento freddo molto parente della bora. Prima sosta da Angiulino per prenotare un tavolo per questa sera. Stavano pulendo una montagna di "rape", specie di broccoletti che da noi non ho mai visto. Le assaggerò questa sera con le orecchiette. Poi in via Umberto I ci fermiamo all'atelier della cartapesta e ci facciamo spiegare le varie tecniche per realizzare oggetti con questo materiale. Una chiacchierata molto interessante.

Visitiamo all'interno la Chiesa di Santa Croce e poi proseguiamo la passeggiata fino a piazza Sant'Oronzo dove ci fermiamo un po' a prendere poco sole e tanto vento prima di proseguire per il Duomo. Oggi piazza Duomo con il sole mette in risalto tutto il suo splendore. L'esterno del Duomo è un capolavoro. L'interno invece non mi è piaciuto. Troppo orpelloso. Con la modica spesa di 1€ siamo entrati nel chiostro del Museo Diocesano dove al centro c'è un bellissimo pozzo.

Proseguiamo il nostro giro andando al Museo Faggiano (ingr. 3€). Un piccolo museo privato, non citato dalla Lonely, ma che merita assolutamente la visita.

La signora alla biglietteria ci racconta che il museo era fino a non tanti anni fa un piccolo esercizio commerciale, poi è diventato una abitazione fino a quando non si è reso necessario spaccare il pavimento per sostituire il collettore fognario. Quando hanno cominciato la demolizione hanno trovato svariati strati di pavimenti fino ad arrivare a incontrare un pavimento molto antico (pare di epoca messapica - V sec. a.C.). Da lì l'idea di ampliare l'opera di demolizione che ha riportato alla luce muri medievali, pozzi, cunicoli di epoca romana, ecc. Un po' come per l'esercito di terracotta di Xi'an scoperto grazie ai lavori di scavo di un pozzo. Un museo molto interessante.

Nel frattempo si è fatta l'una passata e l'idea di mangiare una succulenta puccia si fa strada. Chiediamo consiglio ad una ragazza che ci spiega come arrivare da 9cento nei pressi del Duomo. Un ottimo suggerimento. Ottima sia la puccia con friarielli e salsiccia sia quella con mozzarella di bufala; cotte al momento (7€ l'una).

Soddisfatto il bisogno alimentare, oziamo un po' su una panchina al sole nel vano tentativo di scaldarci le ossa e poi andiamo a visitare il Castello Carlo V. Alla biglietteria ci dicono che buona parte del Castello non è accessibile a causa dei lavori di restauro. Purtroppo è chiuso pure il museo della cartapesta situato nel sotterraneo. Andiamo ugualmente (biglietto ridotto 4€, intero 5€), ma è un po' una delusione. Non c'è nessun arredo, saloni completamente spogli. Ben meglio il museo Faggiano.

Usciti dal castello girovaghiamo a caso per i vicoli perdendoci volutamente. Ogni tanto girato un angolo si trova qualcosa di interessante; un edificio, un portone, una balconata, una piazzetta e così via. A forza di girare a caso ci ritroviamo al Duomo da cui raggiungiamo i giardini (niente di speciale) e poi in camera per riposare un po'. A cena da Angiulino con "orecchiette e rape" e "ciciri e tria" (minestra densa di ceci e lasagnette di pasta in parte lesse e in parte fritte) insuperabili. Ho preso le cicorie (cioé tarassaco) saltato in padella con le olive ed era buonissimo pure questo. E dire che, di suo, il tarassaco non è proprio una prelibatezza. Da Angiulino fanno miracoli in cucina! Lunga passeggiata digestiva e poi in camera un po' provati dalla quindicina di km a piedi fatti oggi

  • 35941 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social