Un salto nel passato alle Isole Borromee

Una giornata tra le perle del Lago Maggiore.

Diario letto 1099 volte

  • di Elly767
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Giornata splendida di sole, un peccato restare chiusi in casa, quindi decidiamo di prendere l'auto e di andare sul Lago Maggiore a vedere con i nostri occhi quelle magnifiche piccole Isole Borromee ammirate solo in foto. Arriviamo a Stresa per una strada piena di tornanti e panoramica, ci fermiamo per ammirare il lago dall'alto e le sue isole che andremo ad esplorare. Pregustiamo già i colori dell'acqua e della vegetazione. Scendiamo fino al centro di Stresa e riusciamo a trovare un posto per l'auto in uno dei tanti parcheggi gratuiti, tra l'altro proprio lungo il lago e a pochi passi dalla partenza dei traghetti. Prendiamo il biglietto di Libera Circolazione valido per tutto il giorno (18 euro a testa) che ci permette di salire e scendere liberamente dalle imbarcazioni della Navigazione Pubblica (quando si compra il biglietto, danno il depliant con gli orari e le tratte). Saliamo sul battello e sembra proprio una mini crociera, cerchiamo posti a sedere in alto, all'esterno come sempre, per poter avere una vista completa e fare le nostre immancabili foto.

Isola Bella

Scendiamo come prima tappa all'Isola Bella e capiamo subito il perché di questo nome...C'è un piccolo borgo in pietra con scale, ci sono strette stradine in salita, piccoli e romantici locali con terrazze e verande sul lago. Ci avventuriamo ed esploriamo ogni piccolo angolo, divertendoci a salire e scendere, a trovarci davanti scorci di lago sempre nuovi e magnifici. Sembra di essere in un covo di pirati, difatti diversi locali e imbarcazioni fanno riferimento col loro nome a questi avventurieri di mare. Dopo numerose foto, pranziamo in un locale con veranda e tavolini sul lago per ristorarci la pancia e gli occhi. Con nuove energie in corpo, prendiamo un biglietto cumulativo per l'entrata ai palazzi e ai giardini Borromei dell'Isola Bella e dell'Isola Madre (circa 20 euro a persona). Il palazzo dell'Isola Bella è interessante, all'interno ci sono numerosi quadri con ritratti e paesaggi..i paesaggi più belli però li vediamo affacciandoci dalle finestre aperte e dai balconcini delle varie sale..sembrano quadri sul lago e sulle isole, ricchi di colori, grazie anche alle piante in piena fioritura. Camminando per le varie sale del palazzo ci si immagina la vita al tempo dei Borromeo con balli, passeggiate nei giardini, musica nei salotti o lettura di libri all'ombra di palme, di grossi cespugli di ortensie e di oleandri in fiore. E' bello anche ricordare la storia al tempo del Medioevo quando i membri di questa famiglia erano feudatari, uomini di fiducia di imperatori e sovrani, e che in seguito ai loro servigi, hanno ricevuto il titolo nobiliare e le terre...e che terre! Curiose sono alcune stanze del palazzo, quasi ad altezza lago, completamente ricoperte di conchiglie e sassi di lago. Nei giardini ci sono fontane con statue di dei e di cupidi che guardano le acque del lago, impassibili agli sguardi e alle foto dei turisti. In mezzo a prati e cespugli di fiori o sugli alberi si vedono pavoni bianchi con le loro lunghe ed eleganti code reali. Si lasciano fotografare ormai abituati alla presenza e vicinanza degli uomini. Bellissimi e giganteschi i cespugli di ortensie con colori che vanno dal lilla al fucsia e che si trovano un po’ ovunque sull’isola. Scopriamo anche una voliera con pappagalli dai colori sgargianti sulle tonalità del verde, giallo e rosso. E' divertente cercare e ritrovare ovunque immagini dell'unicorno, di questo mitico cavallo, emblema della famiglia Borromeo. Nello shop si trovano saponi profumati ed essenze di fiori oltre a matite o altri souvenir sempre con soggetti di fiori e uccelli. Prendiamo il battello e ci dirigiamo verso l'Isola Madre

  • 1099 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social