Viaggio nel Kurdistan turco

Meta inedita per una gita scolastica - prima parte

Diario letto 2935 volte

  • di farefagotto
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 30
    Spesa: Fino a 500 euro

“Il Kurdistan turco per noi comincia qui. È in questo luogo così estraneo dalle rotte della Istanbul dei turisti a caccia di sensazioni da mille e una notte che, senza saperlo, iniziamo a conoscere i suoi odori. A riconoscere i suoi volti, ad attutire – stringendo i denti – i suoi primi pugni nello stomaco. Schietti come un bicchiere del nostro Barbera”; scrivono Gandolfi e Maugeri nel libro “A est di Hamilton road”.

Per me, ed i 23 studenti dell’istituto Podesti di Ancona in visita d’istruzione in Turchia con il progetto “Adotta un conflitto”, il Kurdistan inizia in una delle vie principali di Istanbul, all’interno del MKM - Centro culturale della Mesopotamia.

Ad accoglierci c’è Sarya, ragazza dai capelli lunghi e scuri con al collo il tradizionale foulard curdo. Sarya ci accompagna su per una scala ripida e buia. Il desiderio di vedere e di capire ci spinge ad entrare. All’interno del centro l’ambiente è curato ed informale; attorno a noi ci sono libri, poster, cd e riviste. Seduti ai tavoli, ci viene offerto il čai, tipico tè curdo dal colore rosso, servito in bicchierini di vetro affusolati, su un piattino di ceramica con le zollette di zucchero a fianco. Qui conosciamo Francesco ed Emanuela, due studenti della facoltà di “Relazioni internazionali” di Cagliari, anche loro ad Istanbul per approfondire la questione curda. I due giovani italiani si lasciano andare a domande ed interviste, materiale che servirà per la loro tesi di laurea. Chiacchierando fra i tavoli abbiamo la conferma della complessità della vita per i curdi che risiedono nella capitale turca. Delimitare anche solo geograficamente il Kurdistan, è più che altro un’operazione politica: cominciano qui le problematiche della questione curda. Non avendo confini naturali ben precisi, il Kurdistan è quella “regione” divisa tra Turchia, Iran, Iraq, Siria e le repubbliche ex sovietiche di Georgia ed Armenia. La parte più grande del Kurdistan è costituita dall’Anatolia orientale e rappresenta un terzo dell’intero territorio dell’attuale repubblica turca. La posizione ufficiale della Turchia nei confronti della questione curda è riassunta nel discorso del primo ministro Nihat Erim del maggio del 1971 il quale disse: “Non accettiamo altra nazione abitante la Turchia se non quella turca. Come possiamo vedere c’è una ed una sola nazione in Turchia: la nazione turca. Tutti i cittadini che vivono in varie parti dello stato sono soddisfatti di essere Turchi”.

Ma sentendo le parole di Sarya, non sembra essere così. “Nel 1990 è nata l’esigenza e la volontà di fondare il Centro culturale della Mesopotamia per mantenere viva la nostra identità. Il Centro è un luogo di aggregazione e la musica è il linguaggio scelto per affermare la nostra esistenza, mantenere la nostra lingua, la nostra cultura, le nostre tradizioni da trasmettere alle nuove generazioni. I musicisti ed i cantanti hanno oggi la possibilità di esibirsi qui al Centro, o di portare in giro per l’Europa le loro canzoni ed i loro testi, ma non di esibirsi per le strade e per le piazze della Turchia. Dall’apertura del Centro culturale della Mesopotamia, molti membri hanno subìto arresti e discriminazioni”.

Con sorpresa scopriamo che le opere del Premio Nobel Dario Fo, rientrano nel loro repertorio teatrale. Non a caso proprio Dario Fo e Franca Rame lanciarono, nel 2009, un appello a favore della causa curda.

Per distendere la tensione un uomo inizia a suonare, e subito una donna gli si affianca con la voce. Ne esce una musica profonda e remota. “La musica svolge un ruolo di funzione sociale fondamentale: dalle cronache alla poesia lirica, passando attraverso le epopee e alcune opere della letteratura scritta, tutto è musicato per essere meglio memorizzato e tramandato”, ci dicono. A seguire ritmi sempre più sfrenati e coinvolgenti, una miscela di folk e rock, in un turbinio di canti e balli che scaldano l’anima e il cuore Silvia Argentati www.farefagotto.it

  • 2935 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social