Le forti emozioni del nostro primo Kenya

Primo incontro con il Kenya attraverso i parchi Tsavo e Amboseli

Diario letto 1170 volte

  • di lauretta1611
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Lunedì 10.02.2020

Africa, un continente esteso che per molti ha un solo significato: safari. Se penso all’Africa le immagini vanno alla savana, agli animali selvatici che la popolano, alle scene romantiche de “La mia Africa”. Partiamo per questo viaggio in questa terra a noi ancora sconosciuta, carichi di emozioni e di tante aspettative.

Voliamo da Milano a Mombasa con scalo di due ore a Doha. Atterriamo nel piccolo aeroporto di Mombasa di prima mattina e la città ci accoglie con temperature alte e afa. Con gli occhi ancora socchiusi, Mombasa ci dà il benvenuto mostrandosi caotica, affollata, rumorosa, a prima vista decadente. Sorge su un’isola che è collegata alla terraferma per mezzo di traghetti che trasportano mezzi di ogni tipo e tanta, tanta gente che quotidianamente si sposta per studio, lavoro, turismo. Sono scene mai viste, un caotico groviglio di persone, auto, jeep, pullman, carretti, tutti ammassati per questo viaggio di pochissimi minuti. Dopo circa mezz’ora arriviamo al nostro primo hotel situato sulla spiaggia di Diani dove resteremo per due giorni. La spiaggia è molto bella, lunga e profonda durante le basse maree e questo ci permette di fare bellissime passeggiate, sempre in compagnia dei beach boys, che vista la nostra pallida carnagione ne approfittano per cercare di venderci la loro merce.

L’acqua del mare è caldissima, ed immergersi è puro piacere.

Giovedì 13.02.2020

Sveglia alle 4 di mattina, breve colazione e poi ci aspetta la nostra guida Abdul che per quattro giorni ci accompagnerà in questo safari prenotato dall’Italia tramite agenzia locale keniota.

Arriviamo a Mombasa e già di prima mattina il traghetto è affollatissimo di gente che si reca al lavoro, bambini che vanno a scuola, pullman di turisti e poi ci siamo noi con la nostra jeep 4x4 enorme, dal doppio serbatoio di carburante.

Lasciata la caotica e brulicante Mombasa, prendiamo la strada ha ci porterà all'ingresso del primo parco, Tsavo Ovest. Il viaggio é lungo e la strada è percorsa da moltissimi camion che procedono in direzione Tanzania, Uganga e Somalia. Causa fuso orario e sveglia mattiniera, non riusciamo a tenere gli occhi aperti, ma dopo una pausa caffè ci riprendiamo e alle ore 11.00 circa entriamo nel parco e già iniziamo a respirare un'aria particolare. Terra rossa, alberi ad ombrello, baobab, strade sterrate, jeep con turisti le cui teste sbucano fuori dal tetto aperto. Il paesaggio assomiglia più a una foresta, gli alberi sono a bordo strada, non riusciamo a scorgere lontano, però dopo poco riusciamo a vedere i primi elefanti la cui pelle è rossa dal rotolare per terra, le prime giraffe e zebre. Vediamo una specie animale a noi sconosciuta, le antilopi nane e sono veramente piccolissime e magre. Arriviamo al nostro lodge in tempo per il pranzo e per un riposo fino alle ore 16.00. Pranzo a buffet delizioso che ci permette di gustare la cucina africana.

Rigenerati in parte da stanchezza, sonno e fame, risaliamo sulla jeep per il game drive pomeridiano. Ora la guida procede a passo lento e ci permette di avvistare gli animali della savana. Non sono molti ma comunque ci entusiasma questa sorta di gioco di cercare tra cespugli, dietro un albero.

Raggiungiamo delle piccole cascate che confluiscono in un fiume, dove placidamente avvistiamo un ippopotamo.

Il sole adesso inizia a calare, sale un aria fresca che resta comunque tiepida pur essendo a ben 2700 metri di altezza. Rientriamo verso il nostro lodge, ma sentiamo un po’ di concitazione arrivare dalla radio della nostra guida che in lingua swahili discute con altri colleghi. Prima di fare l'ingresso nel lodge prende una deviazione e li vediamo le altre jeep che procedono lentamente

  • 1170 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social