La magia del Kenya

"Una cosa allora volevo: tornare in Africa. Non l'avevo ancora lasciata, ma ogni volta che mi risvegliavo, di notte, tendevo l'orecchio, pervaso di nostalgia" E. Hemingway

Diario letto 9389 volte

  • di Bech girl
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro

"Una cosa allora volevo: tornare in Africa. Non l'avevo ancora lasciata, ma ogni volta che mi risvegliavo, di notte, tendevo l'orecchio, pervaso di nostalgia" E. Hemingway

…Immensa è la nostalgia del mio grande amore: il Kenya…

Ho atteso un anno intero il giorno del mio ritorno in una terra che ormai sento come se fosse mia, una terra che mi ha regalato tante emozioni, ha fatto nascere nuove amicizie, mi ha fatto riscoprire la gioia di quanto sia bello dare e ricevere un abbraccio, un semplice sorriso. Il tempo è volato ed ora sono qui davanti al computer e con i ricordi degli istanti che ho vissuto provo a raccontavi il mio terzo viaggio con la speranza di riuscire a trasmettere a voi che lo leggerete le mie sensazioni e le mie emozioni.

“Casa dolce casa” è questa la sensazione che provo quando dal finestrino dell’areomobile Neos intravedo la pista di atterraggio dell’aeroporto di Mombasa e le sensazioni vanno aumentando con l’avvicinarsi alla mia adoratissima Watamu, dove so che lì ad aspettarmi ci sarà il mio grandissimo rafiki Zucchero…e non solo.

Il giorno del mio arrivo, con Raffaela che quest’anno è la mia compagna di viaggio, facciamo subito amicizia con Federica e Chiara. Il tempo è nuvoloso e ogni tanto scende pure qualche gocciolina. Sistemiamo con tutta tranquillità i bagagli e prepariamo lo zaino dato che l’indomani siamo già in partenza per il safari che già era stato fissato con Zucchero dall’Italia per il 15 agosto: Tsavo est ed Amboseli!

Suona il tamburo, è l’ora di pranzo e noi affamate non esitiamo a raggiungere il ristorante, dove troverò di nuovo il mio cuoco preferito: Nico. Durante il pranzo facciamo conoscenza con 4 ragazzi che allieteranno la nostra prima settimana con la loro simpatica compagnia. Nel pomeriggio faccio fare un giro turistico dell’Aquarius a Raffaela per mostrarle la struttura e mentre ci avviciniamo alla spiaggia ecco che da lontano s’intravedono i famosissimi beach boys prontissimi per la caccia ai nuovi arrivati “le mozzarelle”.

Verso sera finalmente riabbraccio il mio rafiki Zucchero che ci invita a bere qualcosa allo Spuntino e ci accordiamo per l’indomani.

E’ il 15 agosto, sono le 5 del mattino e fuori dall’Aquarius aspettiamo il pulmino. Sono emozionatissima, rivedrò il carissimo autista Ambrogio e dopo 3 safari allo Tsavo est quest’anno qualcosa di nuovo anche per me: Amboseli! Potrò finalmente scattare delle foto con la mia nuova macchina fotografica: Lamarty, questo è il suo nome di battesimo. Recuperiamo Zucchero e le altre due coppie con cui trascorreremo 3 fantastici giorni tra emozioni e allegria. Dopo la consueta colazione allo Spuntino di Watamu e recuperato il secondo pulmino con altri compagni di avventura ci mettiamo in strada per raggiungere la prima tappa del nostro safari, il parco dello Tsavo Est. Anche quest’anno Zucchero mi nomina sua assistente e mi affida un pulmino. Ripercorrere per la quarta volta la lunga strada non mi fa più alcun effetto, mi sento ormai a casa e non mi sembra nemmeno così lungo e tortuoso il tragitto. Eccoci arrivati, dopo la solita sosta bagno e foto ai coccodrilli c’incamminiamo verso l’ingresso del parco, al quale rispetto l’anno prima, hanno fatto delle modifiche; -meglio- penso tra me e me, almeno le foto avranno qualcosa di diverso! Zucchero ci chiama, tutti a bordo e si parte, incomincia la caccia, che in mattinata sarà un po’ deludente. Forse è solo una mia impressione visto che per me è il quarto safari allo Tsavo e chiedo ad Ambrogio se gli animali se ne sono andati a festeggiare il ferragosto in Tanzania!!!!!

Si avvicina l’ora di pranzo e raggiungiamo il Voi Wildlife Lodge. Come sempre veniamo accolti calorosamente; ci viene offerto un drink e per rinfrescarci ci viene data una salviettina imbevuta d’acqua ed essenze che è utile anche per pulirsi dalla rossa terra della savana

  • 9389 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Bech girl
    , 19/6/2011 02:04
    *********MESSAGGIO DELLA REDAZIONE************
    Niente messaggi promozionali nel forum, grazie
  2. tropic62
    , 28/2/2011 22:41
    Ciao,
    ho letto il tuo bel racconto sul Kenia. se volessimo contattare Zucchero, avresti un suo recapito? Ci piacerebbe andare a Watamu a Dicembre... E' un periodo consigliato?
    Grazie.
    Lino & Vincenzo
    www.mareblu.tk
  3. fravio
    , 21/12/2010 10:46
    Ottimo racconto, complimenti per il viaggio ;-)

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social