Tra Masai e giraffe- riserva Kimana

Ll Kimana Wildlife Sactuary è una splendida riserva faunistica nei pressi della strada che collega il parco di Amboseli allo Tsavo Ovest. Nasce nel 1996, in seguito ad un'interessante alleanza tra Masai ed autorità locali (KWS-Kenyan Wildlife Service). I Masai ...

Diario letto 750 volte

  • di letiziax
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: 3500

I bambini avevano chiari in faccia i segni di una cattiva alimentazione e della mancanza di vitamine: qui frutta non ce n'è e i Masai allevano bestie, ma non coltivano nulla. Mangiano carne, bevono il latte e il sangue degli animali. Il sangue abbassa il livello di colesterolo, che altrimenti sarebbe elevatissimo. Le vitamine, però, rimangono un grosso problema e ciò era ben visibile dalla pelle butterata e dalla dentatura non sana delle persone che abbiamo incontrato.

Le altre uscite sono state interamente rivolte alla fauna: babbuini, giraffe, elefanti, sciacalli, zebre, facoceri, kudù, antilopi alcine, bufali, cervicapre, antilopi nere, orici, gnu, dik dik, impala, gazzelle e uccelli coloratissimi di cui non ricordo i nomi... Anche qui non abbiamo visto i grandi predatori...Peccato.

La sagoma del Kilimanjaro ci ha accompagnati per tutti i tre giorni. Al mattino presto si scorge la vetta innevata, che al pomeriggio è di solito offuscata dalle nubi.

Ci è stato detto che in Tanzania le piogge sono state molto meno abbondanti e che, quindi, gli animali si sono spostati qui dal Serengeti . Che fortuna! Come accade sempre, le uscite più belle sono state quelle del primo mattino ( partenza alle 6). A quell'ora c'è più fresco e gli animali non dormono rintanati nella boscaglia, come accade nelle parti più torride della giornata.

Mi è piaciuta tutto di questo safari: il progetto da cui nasce la riserva, l'esempio di come si possano coniugare tradizioni ed esigenze turistiche...Ho apprezzato i tentativi di preservazione ed implementazione della fauna e il grande rispetto dell'ambiente da parte delle comunità locali.

Ho visto animali liberi e placidi e uomini che si occupano di loro senza interferire troppo nelle loro abitudini.

Il Kimana è valso da esempio ad altri progetti simili, che per fortuna, si stanno espandendo a tutto il territorio. Ottimo, no?

  • 750 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social