Bologna tour

Bologna 07-01-05 Diario di bordo di Samuele · Pontedera venerdi mattina ore10.45 Eccomi qua’… finalmente sul treno che da Pontedera porta a Firenze, direzione Bologna con agli orecchi Masini sparato a foo!! Cerchero’ di descrivere questo momento: sono contento, emozionato.. ...

Diario letto 3703 volte

  • di Samuele Cervelli
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo

Bologna 07-01-05 Diario di bordo di Samuele · Pontedera venerdi mattina ore10.45 Eccomi qua’... finalmente sul treno che da Pontedera porta a Firenze, direzione Bologna con agli orecchi Masini sparato a foo!! Cerchero’ di descrivere questo momento: sono contento, emozionato.. Come direbbe Carmen Consoli:”confuso e felice” sono carico di aspettative su Bologna e’ da tempo ormai che aspettavo questo momento e anche se questa citta’ in se per se forse nn sara’ cosi’ incredibile il fatto di essere solo, di immergermi tra i Bolognesi mi elettrizza!! Credo proprio che sara’ un esperienza indimenticabile!!! · Eurostar Firenze-Bologna ore 11.49 Ovvia!! Siamo in carrozza, ora la prox fermata e’ quella bona. Ho preso un biglietto di prima classe spendendo ben 19 euro per fare lo sboroooone, e per curiosita’ .. Si, anche perche’ nn sapevo che servizio danno in piu’ in prima classe. Dopo aver preso un buon caffe’ al vagone ristorante( dove c’era un barrista dall’accento romano, che mi ha fatto pensare a vale e cosi’ gli ho fatto uno squillo)sono arrivato alla carrozza n4 posto 52 la mia,..Certo che la prima classe e’ forte:seggiolini maculati rossoneri con vetri in plastica che insonorizzano gli scomparti a 4, io avevo un posto a 2 e sopra al mio tavolo c’erano n.1 bustine monodose di canestrini(preti)con zucchero velato sopra e n.1 salviette rinfrescanti monouso.

Mi siedo e noto a fianco a me un personaggio stranissimo, o meglio semplicemente “cecato”! portava gli occhiali e al posto delle lenti aveva due fondi di bottiglia!! Quelle lenti saranno state spesse 2 cm, praticamente una talpa! Il buffo e’ stato nel momento in cui cercava di comporre il numero di telefono sul suo cellulare, e per leggere ogni numero che poi avrebbe dovuto digitare portava il cell fino quasi a toccare le lentiJ , nn so come ho fatto a nn ridergli in faccia ... lo giuro!!! Prima di scendere ci ho scambiato due chiacchiere e con stupore ho scoperto che era un emerito professore che guariva le malattie con la musicoterapia... forte vero’...J( l’essenziale e’ invisibile agli occhi.).

· Scrittura postuma:venerdi 08-01-05 ore 13:00 Sono arrivato finalmente... La stazione era esattamente come mela ricordavo..Immensa! Voglio fare un giro x qui prima di iniziare a vedere la città, cerco il box informazioni che e’ vicino alla fermata dei bus, vado li e mi informo sui musei aperti e sugli ostelli x dormire, la ragazza al box è gentilissima e mi da informazioni sull’ostello che pero’ rimane un po’ fuori mano, decido cmq di fare il mio primo tentativo li.

Una volta fuori incontro un tipo barcollante che con una voce spenta e con gli occhi piu’ spenti ancora , mi chiede dei soldi, al mio primo rifiuto lui si giustifica dicendo: nnon sono drogato io, nnon sono drogato io, per varie volte e poi rinuncia.. Impugno la cartina di Bologna e inizio il mio giro per prima cosa mi trovo di fronte a piazza xx settembre dove ora ha sede un’associazione di protezione dei diritti degli animali(credo).

Prendo per via indipendenza che è una delle vie principali di Bologna e sulla sx vedo il parco della montagnola e’ un parco a forma circolare con due scalinate bianche ai lati separate al centro da una magnifica fontana che ovviamente ho fotografato.

Il mio viaggio prosegue x via indipendenza che è caratterizzata da gallerie su entrambi i lati sorrette da archi ( tipo loggiati) dove sorgono negozi di ogni tipo, vicino al primo incrocio che porta per Piazza dell’VIII agosto noto un mercatino dove passo il resto della mattinata scattando foto e girando x le bancarelle ascoltando in sottofondo w la liberta’ . Dopo tanto girare mi sono diretto alla fermata del bus , direzione ostello di san sisto, li noto una ragazza che aspetta come me il bus, ma nn immaginavo che poco piu’ tardi sarebbe diventata mia compagna d’avventura.J Prendiamo il 93° e appena salito, mi preoccupo subito di informare il conducente che se facciamo un incidente...No scherzoJJ, lo informo che nn ho il biglietto e lui mi invita a domandare a qualcuno se me ne vende uno, ovviamente nn l’ho fatto!!. Dopo 20 minuti scendo a San Sisto e con me scende anche quella tipa...Io la guardo e penzo..J voi vede che ..., lei mi guarda e poi biascia qualcosa in inglese che io li x li un capisco, poi mi indica l’ostello e allora tutto diventa chiaro, la invito a venirmi dietro e nel tragitto ci si presenta::::::Jlei si chiama Punita ha 23 anni e’ figlia di genitori indiani che pero’ si sono sposati in Inghilterra dove lei e’ nata e che dopo essersi credo laureata velocemente ora insegna in austria(e’ prof d’inglese)e stava girando l’italia aveva visto Napoli, Roma e Pisa ma questultima solo per tre ore, quanto basta x vedere il duomo e fare una foto sotto la torre. Entriamo nell’ostello e li mi offre la possibilita’ di dormire con lei.. E un amico che l’avrebbe raggiunta, siccome era un tipo simpatico mi son detto wy not? E cosi ci informiamo, ma ben presto mi accorgo che nn mi conviene rimanere li, avrei dovuto pagare 16 euri x il letto e ben 17 per una tessera obbligatoria x un valore di 33 euri , per di piu’ alle 11:30 tutti sotto coperta e come se nn bastasse era lontano dal centro6 km, quindi tutto questo mi ha fatto optare per un Hotel a 50 euri a stanza ma a un passo dal centro storico

  • 3703 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social