Condividere una magia: il viaggio di uno spettacolo!

Patrizio ci tiene a condividere con tutti i Turisti per Caso un viaggio molto particolare, quello di uno spettacolo che sta girando l'Italia fuori dalle organizzazioni teatrali; spettacolo che a sua volta racconta di un viaggio nella storia recente, quella ...

 

Patrizio ci tiene a condividere con tutti i Turisti per Caso un viaggio molto particolare, quello di uno spettacolo che sta girando l'Italia fuori dalle organizzazioni teatrali; spettacolo che a sua volta racconta di un viaggio nella storia recente, quella dell'ACNA di Cengio. Il testo, infatti, è basato sul libro del giornalista e scrittore Alessandro Hellmann "Cent'anni di veleno. Il caso ACNA, l'ultima guerra civile italiana" (Stampa Alternativa), che è già alla sua seconda edizione e ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Il Saggio del Centro Studi Storici di Eboli e la menzione speciale al Premio AcquiAmbiente ed è stato tra i finalisti del Premio Carver. A portarlo in tournée gli attori e cantastorie Andrea Pierdicca e Federico Canibus. Vi presentiamo l'iniziativa anche per dar voce al loro appello per trovare nuovi spazi dove andare in scena nel 2010.

Lo spettacolo: Il racconto del fiume rubato

Di Andrea Pierdicca e Federico Canibus

Non è uno spettacolo teatrale ma è l'umile e magica narrazione di un cantastorie, Andrea Pierdicca, che racconta liberamente i passi salienti del capolavoro di Alessandro Hellmann "Cent'anni di veleno. Il caso ACNA, l'ultima guerra civile italiana" (Stampa Alternativa). La Resistenza durata un secolo, gente comune, persone che hanno reagito, contadini, sindacalisti, poi le masse in movimento, il popolo in azione, conflitti tra contadini e operai, interessi e convenienze politiche, la guerra contro il mostro, un crescendo di tensione dalla fine dell'Ottocento al gennaio 1999, la chiusura della "fabbrica della morte".

Una lotta sul piano ambientale, della salute, della vita; una guerra che va presa come esempio per tutte le guerre attuali (movimento NO TAV, NO al Ponte sullo Stretto, al Terzo Valico, alla Gronda autostradale, comitato per Scarpino, comitato NO API Falconara, comitati no inceneritore, al nucleare, alla Tirreno Power, alla Cokitalia, alla piattaforma Maersk, contro il MOSE, centrali a carbone di Civitavecchia, rigassificatore di Brindisi, ecc.). Quando la verità dei fatti non viene condivisa, si crea il terreno per l'indifferenza, l'ignoranza, la paura, la carriera, il silenzio. Conoscere aiuta a trovare il coraggio di cambiare giorno per giorno. L'indifferenza e il cinismo hanno rotto i coglioni, questa storia lascia l'amaro in bocca ma il cuore pulito, alimenta la fiducia nel buon fine di ogni gesto antagonista. Aiutaci a diffondere questo progetto, il passo più difficile di ogni viaggio è quello per uscire dalla porta di casa. Grazie!

L'iniziativa: Etica del viaggio

Di Andrea Pierdicca e Federico Canibus Da un anno il progetto ha trovato una rete alternativa ai teatri convenzionali attraverso la quale restituire a tutti una storia di tutti, rovesciando il meccanismo di vendita e tassazione, perseguendo la strada della reciproca e libera offerta tramite la forma e il linguaggio del quasi estinto cantastorie. E' stato accolto finora da aziende biologiche, centri sociali, circoli, scuole, musei, sale di ritrovo e riunioni, biblioteche, librerie, studi, laboratori, teatri e cinema, piazze, prati, parchi e spiaggia, abitazioni, feste popolari, vivai, borghi, gelaterie, bar, fienili, stabilimenti balneari e altri ritrovi spontanei. Cerchiamo ancora altri spazi di qualsiasi tipo, nel gennaio 2010 saremo ancora in giro per l'italia. Confidiamo nella tua collaborazione a contattare chi può essere interessato a questa iniziativa, se continuiamo questo viaggio oggi è grazie al calore e al sostegno di chi ci ha aiutato e accolto finora

Parole chiave
,
  • 592 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social