No Frills People:viaggio in Abruzzo post-terremoto

Spesso mi sono trovata a scrivere racconti di viaggio: viaggio bellissimi che raccontavano l’incontro con culture diverse, tradizioni, cibi e bellezze architettoniche … Oggi mi trovo a narrare del contrario, di ciò che il terremoto e l’imperizia umana ci hanno ...

Diario letto 1859 volte

  • di cicap77
    pubblicato il
 

Spesso mi sono trovata a scrivere racconti di viaggio: viaggio bellissimi che raccontavano l’incontro con culture diverse, tradizioni, cibi e bellezze architettoniche ...

Oggi mi trovo a narrare del contrario, di ciò che il terremoto e l’imperizia umana ci hanno sottratto. La città de l’Aquila è distrutta, sarà difficile, almeno per i prossimi mesi, poter visitare uno dei simboli della città, Collemaggio, dove sono conservate e venerate le spoglie di Celestino V, il Papa ricordato da Dante nella sua celeberrima opera, colui che nel suo pellegrinare toccò anche Sulmona e si rifugiò nell’eremo a pochi passi da qui. Sarà difficile cancellare dalle menti il ricordo della distruzione e il terrore della morte. Tutti noi conoscevamo qualcuna delle vittime, molti miei concittadini studiavano e lavoravano a l’Aquila, è per questo impossibile non avere empatia per i nostri fratelli e conterranei. Qui non si parla d’altro, centinaia di storie si intreccino e decine di telefonate partono e giungono sul mio cellulare per accertarci che chi conoscevamo si sia salvato. Accanto al dramma della morte, viaggia parallelamente, quello della distruzione e di chi si è trovato senza nulla: di chi proprio oggi doveva sposarsi, ma ha dovuto ovviamente rimandare, di chi aveva comprato casa con molti sacrifici e non ce l’ha più, di chi aveva inaugurato uno studio dentistico ora distrutto, di chi aveva un’attività commerciale, di chi doveva discutere la tesi ... Chi ha perso casa è come se avesse perso la sua identità. Quello che però i nostri conterranei non hanno mai perso e mai perderanno è la fede e la dignità: una vecchietta tirata fuori dalle macerie, dopo aver ringraziato, diceva: “ora datemi un pettine!” e questo dice tante cose sulla dignità ed il pudore delle nostre genti ...

Gli Abruzzesi, specialmente quelli dell’entroterra, della montagna, sono persone senza fronzoli, attaccate alle cose reali, alla terra madre, alle tradizioni, alla famiglia. Tutti gli abruzzesi che ho conosciuto quando anche io lavoravo fuori regione, non hanno mai mancato di tornare a casa, almeno nei giorni di festa ... il richiamo delle montagne abruzzesi è troppo forte: “Mi mancano le nostre montagne” mi disse una volta un amico ...

Spero che alle promesse dei nostri politici facciano seguito opere concrete ... quello che è accaduto è anche causa del disinteresse delle istituzioni e del malcostume generalizzato del nostro Paese tutto, fatto di speculazioni edilizie, di costruttori senza etica che risparmiano sui materiali, di opera pubbliche la cui realizzazione è stata trascinata negli anni, a scapito del cittadino, ma sulle quali in molti si sono arricchiti, facendone decuplicare il costo ... è il solito “magna magna”, come si direbbe nel dialetto locale, che davvero non si può più tollerare ad aver generato tutto questo ... perché il terremoto non è altro che un fenomeno, drammaticamente, naturale, ma la corruzione non deve esserlo!

Questi sono i numeri che attualmente la Croce Rossa ha messo a disposizione di chi volesse aiutare l’Abruzzo terremotato:

800 166 666 e questa è la loro e-mail materiali.Sismaabruzzo@cri.It

L’Abruzzo, come è già accaduto in passato, risorgerà, grazie all’aiuto di tutti noi ... ne sono certa!

  • 1859 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social