Israele, 10 giorni in libertà

Viaggio in autonomia in varie zone di Israele: Gerusalemme, Masada e il Mar Morto, Acri, Tiberiade, Tel Aviv per luoghi storici e religiosi

  • di RosaLuca
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Siamo due coppie di amici non più giovanissimi, ma ci piace viaggiare fai da te.

Abbiamo scelto Israele per curiosità e per conoscere una realtà così particolare di cui tanto si parla, ma che incute anche una certa preoccupazione per la situazione politica controversa e spesso in prima pagina. Infatti, proprio poco prima della nostra partenza, si erano riscontrati eventi pericolosi sia nella striscia di Gaza che sulle alture del Golan. Ci siamo dunque mantenuti sempre informati attraverso il sito della Farnesina, registrati nella sezione Dove siamo nel mondo nonché mandata una mail informativa sul nostro viaggio, come consigliato, all’Ambasciata d’Italia in Israele.

Viaggio dal 28 maggio al 6 giugno 2018, in totale 10 giorni 9 notti

Volo Ryanair Bergamo-Tel Aviv. Prezzo ottimo, orario di partenza da Bergamo non proprio… 7.30 di mattina! Comunque ce la facciamo partendo a mezzanotte da casa e saltando la notte di sonno! Parcheggiamo al P2 prenotato on line e l’imbarco è super liscio. Questa volta, viste le nuove normative ci siamo procurati anche la priority e il posto assegnato. Compreso tutto il volo è costato poco più di 100 € a testa andata e ritorno. Ovviamente però ci vuole il passaporto quindi, per chi non l’avesse, bisogna farlo per tempo, con relativi costi, perché è necessario per entrare nel paese e già a partire dal check in! Gli alberghi li abbiamo prenotati da Booking, tutti con colazione, posizione centrale e cercando prezzi contenuti, per Israele cosa quasi impossibile. Infatti capiamo subito che la vita è piuttosto cara, soprattutto se confrontata al medio oriente in generale.

Abbiamo anche prenotato sempre da internet una macchina a noleggio per 4 giorni presso l’agenzia Hertz di Gerusalemme che restituiremo a Tel Aviv città. Scegliamo sempre la Hertz, anche se alle volte potrebbe apparire più cara, perché ha sedi super capillari, siamo registrati da anni ed è chiarissima nei prezzi e nelle tipologie di cover che offre. Spesso danno anche gratuitamente l’upgrade della categoria ai clienti affezionati. Anche se con costi aggiuntivi scegliamo sempre l’abbattimento totale delle franchigie sia per danni che per furto. Una sola volta ci è capitato infatti il furto della macchina intera…..e ce ne hanno dato un’altra e finita lì, da cui ci tuteliamo sempre serenamente. Meglio risparmiare su altro!

La scelta dell’itinerario e delle cose da vedere non è stata semplice. Abbiamo utilizzato tre guide (Lonley planet e Touring per Israele e territori palestinesi, la Cartoville di Gerusalemme, sempre la migliore, nonché un numero speciale dei Meridiani uscito fresco fresco per il giro di Italia partito proprio in Israele e che ci ha dato interessanti informazioni) e una carta stradale (Freitag & Berndt, 1:150.000, fantastica) e valutato cosa scegliere e cosa scartare. Abbiamo anche fatto ricerche in internet e letto alcuni diari tpc molto ben fatti ed interessanti. Siamo comunque riusciti a vedere quasi tutto ciò che volevamo e le rinunce non ci hanno fatto soffrire più di tanto! Abbiamo anche ragionato molto sulle date (giorni della settimana per programmare tenendo conto del sabato che vede tutto paralizzato a partire già dal venerdì pomeriggio e del ramadan in corso in quel periodo) in modo da distribuire visite e spostamenti senza avere imprevisti

  • 26784 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social