Viaggio nel mistero all'isola di Rapa Nui (Isola di Pasqua)

La sensazione di prenotare un lungo viaggio per un posto inesistente, verso l’ignoto, la fantasia di visitare un luogo visto in uno strano documentario con tante domande e nessuna risposta. Teste gigantesche, un popolo Moai, leggende e racconti, 20 ore ...

Diario letto 886 volte

  • di Valerytravels
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Quando prenoti un viaggio non sai mai a cosa andrai incontro, se il posto ti piacerà, se rispetterà le tue aspettative, se i tuoi soldi risparmiati per un anno saranno spesi bene, quindi segui i consigli di un libro guida, scorri le immagini per vedere i posti ma sino a quando non sarai a destinazione non avrai la minima idea di dove andrai a finire, hai delle aspettative altissime, il desiderio di vedere qualcosa di inimmaginabile e la delusione è l’ultima cosa che vorresti. Per l’isola di Pasqua (nome comune a tutto il mondo ma per gli abitanti il nome dell’isola è Rapa Nui) la sensazione è stata di prenotare un lungo viaggio per un posto inesistente, verso l’ignoto, la fantasia di visitare un luogo visto in uno strano documentario con tante domande e nessuna risposta. Teste gigantesche, un popolo Moai, leggende e racconti, 20 ore di volo per raggiungerla, 3 giorni di tempo, ma dove stiamo andando?! Prenotiamo?!? Ma poi arrivi in Cile e il primo passo è stato fatto, ti ritrovi all'aeroporto al gate verso Hanga Roa (l’unica città dell’isola) e hai per lo meno la certezza che il posto esiste, che ci sono altre persone come te che saliranno su quel volo verso quell’isola sperduta nell’oceano Pacifico e da quel momento è tutta una scoperta.

La compagnia Latam, l’unica che effettua voli da Santiago del Cile ad Hanga Roa, impiega 5 ore di volo (ricordatevi che vi è un altro fuso orario dal Cile all’isola di 2 ore). Poco prima di atterrare il primo pensiero di tutti i viaggiatori è di poter vedere dal finestrino una testa gigantesca dall’alto, pensiero errato! Ma si viene accolti da immensi prati verdi, un cielo nuvoloso quasi a creare volutamente ulteriore mistero sull’isola e quella voglia di scoprire tutto quello che c è in quel lembo di terra tra i più isolati al mondo. L’aeroporto Mataveri è piuttosto piccolo e poco prima dell’uscita bisogna assolutamente fermarsi al punto informazioni per comprare i ticket per poter visitare il parco con i vari siti, circa 50 dollari a testa ( informatevi quali sono i siti che si possono visitare più volte e quelli dove invece è concesso entrare una volta sola).

Zaino in spalla e fuori!

Nel parcheggio ci aspetta il ragazzo della cabanas dove abbiamo deciso di pernottare per due notti e ci accoglie con una meravigliosa collana di fiori freschi che sembra quasi finta (meno male, era una pretesa che aveva Samuele per questo viaggio ed ero preoccupata che non avverassero il suo desiderio!).

Ci porta subito al centro della città dove veniamo “lanciati” su un panorama a cui noi non eravamo preparati: le famose teste giganti, i Moai, lì davanti a noi, ovunque intorno a noi, tutte in posa ad aspettare di essere ammirate, fotografate (ma mai toccate, severe regole dell’isola, non infrangetele!) ed è cosi che ti rendi conto che sei in un altro mondo e che quel mondo ti piace ed è reale!

La nostra Cabanas Torkerau è una semplice casa di legno immersa nel verde, con il personale gentile, cani scodinzolanti, una buona colazione e una vista estesa sulle verdi colline dove sembra che il tempo si sia fermato in più si trova vicino al museo dove potete visitarlo gratuitamente. Fortunatamente noleggiano le auto in loco cosi ci possiamo spostare tranquillamente anche perché l’unico modo per visitare l’isola è proprio l’auto! Non vi sono altri mezzi turistici o molti taxi e girando scopriremo che sull’isola non vi è niente di tutto quello che si può vedere in una città: non ci sono grosse fabbriche, palazzi alti e grigi, vi è divieto assoluto di costruire McDonald o Starbucks o qualsiasi multinazionale, niente Hotel che impediscono la vista dell’oceano, tutto è rimasto come era un tempo, con le loro casette di legno, i piccoli negozi di artigianato locale (non esiste in made in China solo made in Rapa Nui), bancarelle di angurie ad ogni angolo della strada e tutto intorno la vista dei prati verdi con i loro cavalli selvaggi. Il tempo in questi 3 giorni è stato clemente, sole e temperature più alte nel pomeriggio mentre il vento è quasi sempre presente data la posizione in mezzo all’oceano, quindi è stato inutile guardare le previsioni del tempo, può variare nel giro di poche ore, la nostra fortuna è stata l’assenza della pioggia

  • 886 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social