Islanda low cost (ove possibile)

Viaggio on the road lungo la Ring Road (e un poco oltre), fra paesaggi mozzafiato e trekking

Diario letto 8903 volte

  • di moniasvario
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

VOLO

Ben consci del costo elevato dei voli sull’Islanda ed una volta scelto un periodo di bassa stagione come maggio, a febbraio sul sito Skyscanner iniziamo a visionare opzioni con partenza da uno degli aeroporti di Milano. Non avendo proprio due settimane piene a disposizione inizialmente valutiamo solo voli diretti da Malpensa operati da Icelandair e Wow Air; peccato che i primi propongano costi molto alti, sopra i 1000 euro a/r per due persone, mentre i secondi abbiano date e orari per noi non fattibili. Casualità decide di farmi controllare l’aeroporto di Linate includendo anche opzioni con scalo. A sorpresa un ottimo AirBerlin con 588 euro a/r per 2 persone ci fa volare dal pomeriggio del 16 maggio su Dusseldorf con arrivo a Keflavik alle 23, mentre il rientro è previsto di notte, volo all’1 su Berlino Tegel e atterraggio a Linate la mattina del 27 maggio.

AUTO A NOLEGGIO

Una buona fetta del nostro budget se ne va nell’auto a noleggio. Abbiamo verificato un bel po’ di opzioni che includessero assicurazione kasko e seconda guida, vagliando tour operators come Rentalcars, Sunny Cars, Autoeurope ma nessuno offriva l’assicurazione completa (solo rimborso di franchigia, il che significa anticipare l’eventuale costo del danno all’autonoleggiatore per poi farsi rimborsare dal tour operator). Finalmente arriviamo a selezionare 2/3 noleggiatori locali e, tempestati di emails per conferma delle loro condizioni, scegliamo SAGA CAR RENTALS: un’auto simile alla C4 Cactus ci costerà 800 euro per 10 giorni di noleggio, tanto comunque, ma mi pareva quella più completa a livello assicurativo. Abbiamo anche inizialmente valutato l’idea di affittare un minivan con possibilità di dormirci ma il costo era davvero eccessivo e l’idea di prendere pioggia, vento, magari freddo durante tutta la giornata e non avere una doccia calda da fare o un letto comodo in cui dormire ci ha fatto cambiare idea velocemente.

Inoltre stiamo valutando di portare cibo da cucinare…è vero che quei pulmini sono spesso dotati di barbecue e bombolette ma cucinare fuori dal minivan al buio e chissà sotto la pioggia non la vedo come un’opzione allettante. A posteriori la decisione ci è sembrata ottimale: in diverse occasioni abbiamo incontrato in ostello dei turisti che avevano il pulmino, il che mi fa pensare che non sia proprio così comodo per 10 notti filate. Abbiamo anche scartato l’ipotesi di abbinare alcune notti in guesthouse/b&b ad altre da passare in auto poiché avremmo sostanzialmente dovuto far fronte ad un ‘raddoppio’ dei costi dell’alloggio. Comunque, per chi volesse valutare l’opzione ecco alcuni nomi di aziende che affittano minivans/ pulmini adibiti alla notte: *Rent.is *Kuku camper *Happy campers *Camp Easy (questi sono per 2/3 persone Massimo, auto tipo Doblò, Kangoo..per dare un’idea) *Touring cars (camper) *McRent (camper) *Jeep con rimorchio/letto (esempio: Europcar) *Procamper.is (camper) Abbiamo potuto notare che i depositi di alcune di queste aziende si trovano alla periferia ovest di Reykjavik, credo che organizzino sicuramente il servizio di pick up dall’aeroporto. Lo stesso abbiamo sfruttato anche noi: ci è bastato concordare con la compagnia di noleggio il pick up dalla guesthouse l'indomani al nostro arrivo: trasporto gratuito all'aeroporto senza bisogno di prendere un taxi. Sono venuti a prenderci proprio con l’auto a noi assegnata: una Mazda 3, di un bel colore rosso fuoco, ribassata, 2 scarichi, poi abbiamo scoperto essere un 2.0 benzina …accidenti

  • 8903 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social