Iceland: Wild at heart

Viaggio itinerante alla scoperta di un paese dalle bellezze naturalistiche straordinarie

Diario letto 20557 volte

  • di LEOBEA
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Dopo 26 anni siamo riusciti a coronare il sogno di ritornare in Islanda, un paese dal clima imprevedibile con temperature abbastanza fredde anche d’estate con il sole che fa fatica a districarsi tra le nuvole e dove le bellezze storico/architettoniche sono una vera e propria chimera. Ma allora perché uno dovrebbe desiderare di trascorrere anche solo qualche giorno in questo paese apparentemente così anonimo e inospitale? Semplicemente per il fatto che qui la natura da il meglio di sé disegnando paesaggi unici dai colori incredibili costellati da una moltitudine di cascate, vulcani e ghiacciai che contribuiscono a darle il nome di terra del ghiaccio e del fuoco. Evidentemente un viaggio in Islanda deve essere affrontato da chi ha voglia di scoprire anche a discapito di comodità e relax …. Per tali motivi è molto importante partire solo dopo aver ben programmato la propria vacanza. Pertanto prima di incominciare a raccontarvi quello che è stato il nostro girovagare sul suolo islandese vogliamo darvi alcuni consigli che pensiamo possano essere molto utili non solo in un’ottica organizzativa ma anche per farvi capire se l’Islanda può essere o meno la meta dei vostri sogni.

COSTI:

In Islanda come in tutti i paesi scandinavi il costo della vita è molto alto; ci sono però degli accorgimenti che possono ridurre sensibilmente il vostro budget, il più importante dei quali è quello di prenotare in largo anticipo soprattutto i voli aerei e gli alloggi (anche sei mesi prima). ⦁ Volo aereo: Le soluzioni più economiche sono quelle che prevedono di fare uno scalo intermedio che nella maggior parte dei casi può essere ad Amsterdam, Francoforte, Londra o Copenhagen. C’è un motore di ricerca molto affidabile che si chiama "Sky scanner" utilissimo a tal fine che vi da tutte le possibili opzioni. Abitando in provincia di Bergamo abbiamo scelto la comodità dell’aeroporto di Orio al Serio scegliendo di fare scalo su Copenhagen (volo Ryanair) dove all’andata abbiamo dovuto attendere 4 ore il volo per Reykjavik dell’Icelandair mentre al ritorno le ore d’attesa essendo ben 12 ci hanno dato la possibilità di dare una bella occhiata alla capitale danese che non avevamo mai visto il cui centro è raggiungibile in soli 15 minuti prendendo il metro che si trova proprio sotto l’aeroporto trasformando così quello che poteva essere un grande disagio in un’opportunità. Il prezzo del volo a/r è stato di € 310 (da tenere presente che per motivi famigliari la prenotazione per il mese di agosto l'abbiamo potuta fare solo a maggio; probabilmente se fossimo riusciti a farla a febbraio avremmo pagato ancora meno). ⦁ Alloggio: Le strutture ricettive sono molto limitate rispetto a quella che è la domanda soprattutto nei mesi estivi. Da qui i prezzi elevati e la necessità di prenotare in anticipo onde evitare di rimanere a piedi. Gli Hotel sono la soluzione più comoda ma anche la meno economica dove ci si trova a pagare prezzi da cinque stelle per delle strutture che a mala pena in Italia di stelle ne avrebbero due! Un' alternativa all’hotel e quella dei bed & breakfast che è poi quella da noi prediletta. In particolare abbiamo prenotato tutto tramite Airbnb, network valido e serio già utilizzato in altri viaggi con cui ci siamo trovati sempre molto bene. Basta iscriversi (gratuitamente) e procedere con le prenotazioni un po’ come accade per booking o trivago. Il costo medio per una sistemazione per tre persone in appartamento (spesso rappresentato da un bilocale) è stato di € 150. Volendo il costo può essere ulteriormente ridimensionato (- 40%) se si è disposti a rinunciare ad un po’ di privacy condividendo con altri gli spazi comuni della casa (bagno, cucina e salotto)

  • 20557 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social