Islanda, viaggio ai confini della natura

Un tour in Islanda significa viaggiare liberi, senza vincoli di nessun tipo alla scoperta di meraviglie naturali come fiordi, cascate, geyser…

Diario letto 23463 volte

  • di hummin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
>

Se non ti piace il tempo islandese adesso aspetta cinque minuti, probabilmente peggiorerà”.

Quando ho letto questo proverbio sull'Islanda l'ho trovato perfetto, ho pensato che rispecchiasse perfettamente, anche se in maniera velatamente ironica, l'esperienza appena vissuta in questa terra straordinaria.

L'Islanda per me ha sempre rappresentato il viaggio di una vita, terra lontana, irraggiungibile, costosissima e per anni mi sono limitato ad invidiare chi invece aveva la possibilità di andarci. Nel tempo mi sono reso conto che per viaggiare ci vuole anche un po' di coraggio e determinazione, ho semplicemente deciso che era arrivato il momento giusto per trasformare una fantasia in realtà.

Parlo al singolare perchè il malato di viaggio sono io, ma in tutte le mie esperienze ho avuto la fortuna di godere della straordinaria presenza di mia moglie, con pazienza e curiosità mi ha sempre assecondato, sostenuto e mantenuto in equilibrio. Lei che non è amante dei climi freddi si è lasciata trascinare anche in questa avventura, che spero l'abbia colpita e affascinata quanto me.

Avendo a disposizione una sola settimana abbiamo deciso di non fare il giro completo dell'isola, inizialmente ci siamo rivolti ad un tour operator, più per curiosità che per reale volontà di utilizzarlo, ci è comunque servito per avere un'idea più precisa di percorso ma alla fine il fai da te si è rivelato come sempre la soluzione migliore.

Parlando di numeri sapevamo in partenza che i voli e le sistemazioni sarebbero state le voci di spesa maggiori per questo viaggio, anche per questo ci siamo mossi parecchi mesi prima nella speranza di trovare delle tariffe ragionevoli.

I voli ci costano poco più di 1000 euro in due a/r con partenza da Bologna, aeroporto più comodo per noi che siamo di La Spezia. Una spesa non esagerata se si considera che voliamo con due compagnie di linea (Lufthansa e Sas) e facendo scalo entrambe le volte, come sempre utilizziamo la rete trovando l'offerta su un noto motore di ricerca di viaggi.

Per gli hotel (parola impropria riferita all'Islanda) il discorso è più ampio, una volta deciso il percorso da seguire ci si deve anche un po' adattare, la scelta delle sistemazioni non è facile ed i prezzi sono alti, noi per esempio optiamo sempre per camere con bagno privato e questo di sicuro ci ha portati a spendere di più, mentre molti utilizzano gli ostelli o addirittura le camere con bagno condiviso che in Islanda vanno per la maggiore.

Anche l'auto è irrinunciabile (400 euro circa per una settimana), per quanto leggerete che si può far tutto anche in bus io sono dell'opinione contraria, è una terra inospitale e in parte selvaggia ed avere la propria libertà negli spostamenti è essenziale, da decidere soltanto se prendere una 4x4 (io lo sconsiglio a chi non è già esperto) per tentare la sorte nei molti sterrati presenti o preferire una vettura tradizionale.

Da tenere sempre in considerazione che lo stato delle strade islandesi è pessimo, anche la 1 che è quella principale e che compie il periplo dell'isola in molti suoi tratti è al limite della percorribilità , potete immaginare quali siano le condizioni degli sterrati senza considerare che alcuni percorsi non sono fattibili con auto a noleggio, pena severe multe della polizia islandese (sempre che riusciate mai a vederla!)

  • 23463 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social