Islanda & Faer Oer

Strade panoramiche che costeggiano fiordi, cascate imponenti, ghiacciai (visitati a bordo di gommoni) e lo spettacolare Blue Lagoon

  • di Rudy72
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

8 agosto 2015

Un altro dei nostri desideri sta per realizzarsi: l'Islanda!

Volo diretto Malpensa - Keflavik con WOW Air, una low cost islandese.

Purtroppo il volo, schedulato in tarda serata, pare con un ritardo di 2 h e atterriamo a Keflavik alle 2.30 del mattino m aeravamo a conoscenza del fatto che spesso i voli per l'Islanda subiscono ritardi quindi non ci scomponiamo troppo... Siamo in vacanza!

Ritiriamo l'auto, un Suzuki Jimny, prenotato tramite Blue Car e raggiungiamo in 6 minuti il Bed & Breakfast Home Guesthouse, scelto per la sua posizione strategica vicino all'aeroporto.

La camera è davvero graziosa e ci concediamo qualche ora di sonno.

9 agosto 2015

Facciamo colazione scambiando due chiacchiere con la padrona di casa. Ci dice che ha ospitato tanti italiani e spagnoli quest'anno... presumiamo che tutti scappino dal caldo... qui la temperatura è fantastica, 10 gradi.

Poco prima delle 11 iniziamo il nostro giro esplorativo di questa tanto sognata isola.

Il paesaggio è fantastico. Alla nostra sinistra l'oceano e alla nostra destra distese brulle si alternano a montagne levigate dalla lava e dal vento.

Ci fermiamo per pranzo a Borgarnes, grazioso villaggio a nord di Reykjavik. La nostra scelta è per il Blómasetrio Kaffi Kirro un negozio di fiori che è anche una caffetteria. Il posto è da favola, davvero accogliente.

Proseguiamo poi fino a Hellnar, nelle cui vicinanze si trova il Gatklettur, un bell'arco di roccia lavica in mezzo al mare. Mentre percorriamo la strada tortuosa possiamo ammirare alla nostra destra il ghiacciaio dello Snæfellsjökull.

Facciamo poi una sosta anche per ammirare il Malariff un bel faro.

Proseguiamo verso nord a Öndverõarnes dove sono situati altri 2 fari.

Poco prima delle 19 siamo al Grundarfjordur Hostel a Grundarfjordur. Struttura semplice e pulita. Ceniamo al vicino RuBen accogliente pub che offre un po' di tutto.

10 agosto 2015

Lasciamo l'albergo per le 9 e iniziamo il lungo trasferimento in direzione di Patreksfjordhur. La strada è spesso sterrata ma il panorama ci ripaga della pazienza. Abbiamo scelto di fare in auto questo tratto poiché il traghetto che collega Stykkisholmur a Brjanslaekur effettua servizio in orari che non erano adatti alla nostra tabella di marcia.

Pranziamo nel buon ristorante dell'Hotel Bjarkalundur.

Poco prima delle 16 siamo a Latrabjarg dopo 40 km di strada sterrata (la Örlygshafnarvegur). Le pulcinella di mare ci accolgono numerose ed è una gioia essere finalmente riusciti a vedere dal vivo questi buffi uccelli che inseguivamo da anni.

Per le 18.30 siamo al Radagerdi Hostel. La camera, seppur con bagno in comune, è graziosa e con una bella vista sul mare.

Ceniamo al Heimsendi ottimo e grazioso ristorante.

11 agosto 2015

Dopo la colazione, inclusa nel costo della camera, iniziamo la lunga strada sterrata in direzione di Isafjordur. Il paesaggio è incredibile, sembra di essere ad alta quota sulle Alpi, circondati da ghiacciai, invece siamo a poche centinaia di metri sul mare ... mare che è sempre lì dietro l'angolo. Una vista unica. Arriviamo per le 11.30 alla bellissima cascata di Dynjandi. Passiamo qui un po' di tempo per poterla ammirare in tutto il suo splendore. I turisti sono davvero numerosi.

Per pranzo siamo a Þingeyri allo Simbahöllin Café. Il locale è molto grazioso di per se, ma è davvero preso d'assalto dai turisti e la scelta del menu è inesistente. Emy mangia una zuppa e io un waffle belga, specialità della casa (??)

  • 14132 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social