Islanda in auto

Immersi nella natura del sud: parchi, ghiacciai, cascate e geyser

Diario letto 24641 volte

  • di Lombo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Finalmente dopo parecchi anni di rinvii per svariati motivi quest’anno passeremo 6 giorni nella fredda e spettacolare Islanda.

Prima di tutto le notizie generali

Periodo: Quello scelto da noi 1-7 Aprile è di bassa stagione, e questo certamente ha influito sui costi. Tuttavia è un periodo che non mi sento di consigliare perché la temperatura è ancora rigida e quindi tante siti non si possono vedere in tutta la loro bellezza (la portata delle cascate, la fauna migratoria, Jokulsarlon con pochissimi iceberg, l’improbabilità delle aurore boreali, piste interne chiuse), e, nel contempo non c’è la spettacolarità dell’inverno.

Voli: Non è vero che i collegamenti sono costosi. Oggi parecchie compagnie lowcost volano verso l’Islanda. Bisogna solo adattarsi a fare scalo e cambiare volo. Noi per esempio abbiamo volato con Easyjet facendo scalo a Londra, ma abbiamo notato che ci sono voli per Reykjavik ad es. da Bristol e Manchester. Quindi basta passare qualche ora su Internet e, prenotando con un certo anticipo, una soluzione conveniente la si trova. Noi abbiamo speso circa 800€ in 3 con un bagaglio da stiva (costo del bagaglio per le 4 tratte 200€) tutto con Easyjet.

Macchina: E’ vero, il noleggio costa abbastanza (ma sempre meno che in Italia), ma i prezzi si sono abbassati negli ultimi anni. A noi, una Chevrolet Trax 4x4 con Sixty è costata 450€ (sempre 6 giorni) assicurazioni complete comprese.

Alloggi: Tralasciando la soluzione sacco a pelo ed ostelli, noi abbiamo adottato la soluzione Cottage che costano un pochino di più (una media di 210€ per 2 notti), ma ci ha permesso di usufruire di una cucina completa e quindi di evitare i costosi ristoranti locali, comprando il necessario nei supermercati.

Abbigliamento: Abbiamo trovato giornate di sole a -8° e giornate di pioggia con 8°.Quindi l’escursione è notevole. La cosa che invece non è mai cambiato è stato il vento sempre impetuoso. Quindi l’imperativo è un ottimo antivento impermeabile e un copripantalone impermeabile per il resto vestitevi a cipolla.

Tutto ciò ci ha permesso di viaggiare in pieno comfort con una spesa complessiva di circa 2.500€ (imprevisti compresi).

Veniamo ora al nostro tour. Abbiamo deciso di limitare la nostra visita alla parte meridionale perché non amiamo molto stare in macchina e quindi abbiamo fatto tappe corte ad esclusione di quella per la laguna ghiacciata di Jokulsarlon.

Martedì 31 marzo 2105

Il volo Milano Malpensa – Londra Luton è previsto per le 21:00, ma un ritardo (e scopriremo che è una caratteristica frequente per questo collegamento) ci fa decollare un’ora dopo. La cosa è abbastanza scocciante perché a Luton avevamo preso una camera, a caro prezzo, in un hotel appena fuori il terminal per dormire visto che oggi abbiamo lavorato regolarmente ed il giorno di arrivo in Islanda sarà già un giorno intenso. Atterriamo alle 23 ed ora che ci buttiamo nel letto è mezzanotte passata.

Mercoledì 1 aprile 2015 150 Km

Partiamo alle 7:30 da Luton ed atterriamo a Keflavik verso le 10:30. Ci dà il buon giorno un bel cielo azzurro ed un sole splendente. Ritiriamo i bagagli e ci dirigiamo verso il punto di ritrovo della Sixty che ha gli uffici fuori dall’aeroporto collegati con un sevizio navetta. Quando usciamo ci accorgiamo quanto è ben riscaldato l’aeroporto, e quanto è impetuoso il vento, ma l’aria stessa frizzante e limpida ci rende felici……SIAMO IN ISLANDA! Non ci sembra ancora vero. La dura realtà ci fa tornare con i piedi per terra quando entriamo negli uffici della sixty. L’impiegato appena tocca a noi ci chiede i documenti e poi con un grande sorriso se ne va, tornando una decina di minuti dopo con un caffè fumante. Allibiti lo guardiamo riprendere la nostra pratica per dirci, dopo una telefonata, che la nostra auto non è ancora pronta e che ci sarà da attendere una ventina di minuti?!

Va be, siamo ancora felici di essere in Islanda, o, forse siamo intontiti da solo 3 ore di sonno, aspettiamo

  • 24641 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social