Variazioni in crema islandese

....dove la crema è non solo metaforica visto che ce la siamo trovata in tutte le zuppe di pesce che abbiamo mangiato (peraltro buonissime, togliendo la crema)! Eravamo in tre (mia moglie, mia figlia Giulia di 10 anni ed io), ...

Diario letto 600 volte

  • di Francesco Pirozzi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6

....dove la crema è non solo metaforica visto che ce la siamo trovata in tutte le zuppe di pesce che abbiamo mangiato (peraltro buonissime, togliendo la crema)!

Eravamo in tre (mia moglie, mia figlia Giulia di 10 anni ed io), con una station wagon e le sistemazioni prenotate dall’Italia sulla base di un itinerario costruito autonomamente.

Il nostro itineraio è stato il seguente:

06-lug in volo \ REYKJAVIK

Pernottamento a REYKJAVIK all'Hotel LOFTLEIDIR

07-lug in giro per Reykjavik

Pernottamento a REYKJAVIK all'Hotel LOFTLEIDIR

08-lug tunnel di Akranes, Borganes, penisola dello Snaefellsjokull

Pernottamento a STYKKISHOLMUR in un B&B

09-lug traghetto per Brjanslaekur e giro della penisola del Latrabjarg

Pernottamento a RAUDSDALUR alla FARM 175

10-lug attraversamento dei fiordi occidentali

Pernottamento a ISAFJORDUR all’Hotel ISAFJORDUR

11-lug costa fiordi occidentali, Holmavik, Laugarbakki

Pernottamento a BREKKULAEKUR alla FARM 260

12-lug Vatnses, Blonduòs, Varmahliò, Glambaer, Hofsòs

Pernottamento a DALVIK alla Guesthouse ARGERDI

13-lug Akureyri, Godafoss, giro della zona del lago Myvath

Pernottamento a SKUTUSTADIR alla FARM 420

14-lug Husavik con giro di avvistamento delle balene

Pernottamento a HUSAVIK all’Hotel HUSAVIK

15-lug Tjornes, Asbyrgi, Hliodaklettar, Dettifoss

Pernottamento a EGILSSTADIR all’Hotel EDDA ME

16-lug dintorni di Egilsstadir, costa est e zona Hofn

Pernottamento a SMYRLABJORG alla FARM 592

17-lug laguna glaciale e parco nazionale Skaftafell

Pernottamento a KIRKJUBAEJARKLAUSTUR all’Hotel KIRKJUBAEJARKLAUSTUR

18-lug gita al Landmannalaugar (con bus della BSI)

Pernottamento a KIRKJUBAEJARKLAUSTUR all’Hotel KIRKJUBAEJARKLAUSTUR

19-lug Dyorhòlaey, Skogar, Skogafoss, Seljandfoss, Hveragerdi

Pernottamento a SELFOSS all’Hotel SELFOSS

20-lug Kjolur route, Hveravellir, Gulfoss, Geysir pernottamento a SELFOSS all’Hotel SELFOSS

21-lug Eyarbakki, Kleifarvatn, Krisuvik

Pernottamento a HAFNAFJORDUR alla Guesthouse VID LAEKINN

22-lug Hafnafjordur, penisola di Reykianes e laguna blu

Pernottamento a KEFLAVIK all’Hotel KEFLAVIK

23-lug partenza per Italia, via Amsterdam

Tot km percorsi: 3500

Per chi conosce l’Islanda risulta evidente come questo sia l’itinerario circolare classico con l’aggiunta di qualche variazione.

Beh, il bello è stato quasi tutto nelle variazioni!

Intendiamoci: facendo la strada circolare si incontrano moltissimi luoghi deliziosi, ma è soprattutto lasciandola che abbiamo avuto le esperienze più belle (e che ci sentiamo di consigliare). Anche perché, se si abbandona la strada circolare, il già scarso traffico automobilistico sparisce del tutto e si percorrono chilometri su chilometri in assoluta solitudine.

Alcuni esempi: le scogliere del Latrabjarg,, le penisolette del Vatnses e del Tjornes, il conosciuto Landmannalaugar, la strada interna Kjolur, le estreme propaggini della penisola di Reykjanes.

In questi posti abbiamo potuto constatare come l’Islanda sia non solo un luogo dove la natura è pressochè incontaminata ma talora anche inquietante per dei cittadini come noi: alla ricerca delle foche su una spiaggia siamo stati attaccati da alcune sterne artiche che evidentemente non gradivano “invasioni” del loro territorio, in altre due o tre località non abbiamo letteralmente potuto scendere dalla macchina perché centinaia di uccelli ce lo impedivano fisicamente….

L'Islanda è sicuramente uno dei posti più belli al mondo che abbiamo sinora visto (e abbiamo girato abbastanza!!): è un luogo di paesaggi estremi, di eccessi atmosferici, di sensazioni forti, che restano impresse nella memoriaE tutto questo facendo un viaggio del tutto “ordinario”: niente trekking ma qualche passeggiata, niente campeggi ma soluzioni decisamente confortevoli, un’auto normale e non un 4x4 iperattrezzato, insomma un viaggio da famiglia.

Alcune conferme:

Si, è vero, fa freddo (dai 5 ai 12 gradi mediamente) e il tempo è prevalentemente grigio

Si, è vero, costa decisamente non poco

Si, è vero, le strade sono “pazzesche

Si, è vero, i posti bisogna andarseli a cercare, anche con fatica…

… ma a nostro avviso ne vale davvero la pena.

Un bacione a Giulia che è stata bravissima e a mia moglie che si è davvero dimostrata superadattabile.

  • 600 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave