5 amici in islanda....1989

****PREMESSA**** in questo resoconto di viaggio non troverete molte informazioni sull’Islanda, quali alberghi, ristoranti, trasporti….anzi, praticamente nulla di tutto ciò! Il viaggio risale al 1989…e più che altro serve a me per ricordare un viaggio meraviglioso, con amici stupendi in ...

Diario letto 2182 volte

  • di Paolo Motta 2
    pubblicato il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro

Abbigliamento del VATE: giacchino levis peloso, 1 maglioncino di lanetta, scarpe da trekking.

Abbigliamento del BIKER: maglione di lana, cerata NON imbottita, scarpe da tennis.

Mio abbigliamento: 1 felpa, leggera, leggera, giacchino di jeans NON peloso, 1 camicia da taglialegna e gli anfibi…..e che anfibi

***piccola parentesi sugli anfibi***

Andai a comprarli alla “bottega dell’operaio” sul naviglio grande, allora era un negozio piccolo di vestiti militari e da operai di seconda mano e nuovi, a prezzi molto bassi. Presi un bel paio di anfibi alti un 10 cm in più degli abituali anfibi, con un numero impressionante di asole per le stringhe. Peculiarità era la suola a carroarmato ma non zigrinata, liscia come un pesce. Adattissima per il deserto. Infatti andavo in Islanda. Oggi la bottega dell’operaio è un megaemporio dove vanno a vestirsi i ragazzini dei centri sociali e dei no-global, quelli contro le mode, contro le marche , contro l’assimilazione, e che infatti sono vestiti tutti uguali, più o meno un incrocio tra il cane di peter tosh e un campesinos boliviano. Aggiungo che se un campesinos boliviano li vedesse mentre si sorseggiano delle birre al Leonka e si fumano l’equivalente del suo stipendio mensile in haschish, guardando un concerto che inneggia ai poveri e sfruttati contadini sudamericani, probabilmente li prenderebbe a roncolate sulla nuca. Il cane gli urinerebbe semplicemente sui loro costosi anfibi presi alla bottega dell’operaio!

***Chiusa la parentesi***

Quindi il nostro abbigliamento era ottimo per i 30° del Lussemburgo …per l’islanda?

Arriviamo nel pieno centro città. Mangiammo in un bar di curdi, poi ci piazzammo in una fantastica piazzetta. Davanti a moi un meraviglioso palazzo (non so se dei granduchi del Lussemburgo, o del parlamento), e in mezzo una bella fontana.

Fa caldo…molto caldo…ci denudiamo…siamo in jeans…e basta…entriamo nella fontana, prima cucciamo i piedi, poi il LUNGO resta in boxer e si fa il bagno!

Il BIKER si avvicina alla fontana, lui è ancora totalmente vestito, è un attimo, lo scagliamo dentro, con passaporto e soldi., lui esce che è una furia, urla, afferra il PLAYBOY, lo lancia dentro la fontana, e nello slancio ci ricade dentro…degenera il tutto, ci tuffiamo nella fontana….galleggiamo e ci fumiamo una sigaretta…la gente passa intorno a noi, alcuni ci guardano ridendo altri con disgusto…noi stiamo come dei re!

Sirene….arrivano 2 volanti della polizia.

Ci fanno uscire urlando, ci maltrattano, vogliono i documenti, noi glielidiamo, IL BIKER, gli consegna una palla fradicia di carta, il suo passaporto.

Ramanzina, cazziatone, infine se ne vanno.

Noi ci asciughiamo al sole e infine via ll’aeroporto. Arriviamo in enorme anticipo….cosa fare per ammazzare il tempo? Compro un cassa da 18 lattine di birra. Arriva il momento dell’imbarco…è vietato portarle sull’aereo! Ce le beviamo rapidamente. Saliamo visibilmente alterati…decollo…volo…pranzo…le hostess girano con bottiglie di vino bianco e rosso tra i sedili….beviamo…ribeviamo…

Mi sono dimenticato di dire che il VATE ed il PLAYBOY AFFRANTO sono 2 ottimi chitarristi, sanno a memoria centinaia di canzoni e non si imbarazzano assolutamente a cantarle ovunque.

Il problema è che le hanno portate tutti e 2! In Islanda! Oltretutto per paura che venissero danneggiate le hanno portate come bagaglio a mano

  • 2182 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico