In treno verso Iseo per scoprire angoli di storia e la magia del lago

Scoprire la piccola città di Iseo adagiata sul omonimo lago, un'escursione fai da te partendo dalla città di Brescia o anche la meta ideale per un paio di giorni all'insegna del relax

Diario letto 629 volte

  • di travelale
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

La sensazione che proviamo appena saliti sul treno che da Brescia ci porterà ad Iseo è davvero molto strana, quasi un tuffo indietro nel tempo.

Salendo sul treno si vede la locomotrice che sembra quasi essere uscita fuori da qualche film del passato nonostante la compagnia di trasporto è quella nazionale e siamo in Lombardia, una regione,tra le altre cose,famosa anche per i suoi laghi,immensi specchi d'acqua sparsi tra la regione. Il caldo di giugno inizia a farsi sentire e i finestrini fanno fatica ad aprirsi,I sedili del treno sono in legno, scomodi e per nulla ideali per un viaggio lungo ma per fortuna il tragitto che separa Brescia dalla cittadina di Iseo è di soli 30 minuti ed il treno parte puntuale, in compenso il paesaggio fuori dal finestrino è davvero bucolico si intravede il lago e le dolci colline che lo circondano. Scesi dal treno ci fermiamo nel unico e piccolo bar della stazione dove oltre a prendere un "caffè liscio" come lo chiama il barista, riferendosi alla bevanda senza aggiunta di latte,acquistiamo i biglietti per il ritorno a Brescia al costo di 3.20 a persona. I treni sono molto frequenti durante l'arco della giornata e la cittadina di Iseo può essere un'escursione perfetta da fare durante una visita alla bella città di Brescia.

La stazione dei treni di Iseo è distante dal centro pochi minuti e subito si percepisce come l'atmosfera sia rilassata e nonostante questa cittadina sia prevalentemente frequentata da turisti che la scelgono come località di villeggiatura per la presenza del lago non mancano interessanti spunti storici da gustarsi. La passeggiata a spasso per la città di Iseo non può che iniziare da Piazza giuseppe Garibaldi,dove svetta la statua del condottiere Garibaldi, qui rappresentato non a cavallo,come si è abituati a vederlo spesso,ma in piedi su di uno scoglio ricoperto da vegetazione.Questa meravigliosa piazza un tempo era il fulcro del commercio cittadino ed anche oggi poco si discosta da questa immagine, graziose caffetterie, negozi particolari di libri, abbigliamento ed altro generi vari sono inseriti all'interno di antichi palazzi ed hanno conservato un fascino senza tempo.

Ma se Piazza Garibaldi è il cuore pulsante di Iseo è tra i suoi vicoli che si possono scoprire le sue bellezze più nascoste, come la piccola chiesa di Santa Maria del Mercato una costruzione semplice costituita da un'unica navata del XIV secolo, al suo interno interessante la rappresentazione della Madonna del latte posta proprio sull'altare centrale.

Iseo può anche vantare una delle fortificazioni militari più importanti del bresciano, Castello Oldofredi, una costruzione risalente al periodo che passa tra il XII AL XIV secolo.Grazie all'opera del fondo ambientale italiano questa struttura è stata recuperata ed oggi ospita una piccolo museo delle armi e una biblioteca alla quale si può accedere gratuitamente.

Ovviamente dire Iseo è dire lago, intorno al quale gira la vita degli abitanti che spesso vivono e lavorano con il turismo, sopratutto da parte dei tedeschi che vi arrivano per godere delle bellezze del posto praticando trekking o canoa,quest'ultimo uno sport molto amato anche dai locali che si allenano anche giornalmente. Il lago d'Iseo è navigabile come buona parte dei grandi laghi d'Italia e avendoci più tempo a disposizione una buona idea è quella di raggiungere il paese di Monte Isola, considerato uno dei borghi più belli d' Italia, i traghetti sono frequenti in estate ma disponibili anche in inverno,il biglietto può essere fatto direttamente alla banchina e si possono scegliere anche giri turistici del lago per chi vuole fare qualche bella foto o semplicemente godersi il panorama tra acqua e montagne.

Salutiamo i tanti cigni del lago, molto ben disposti verso la gente ed anzi a volte anche spudoratamente invadenti, sopratutto quando si accorgono che nelle mani si ha qualcosa da mangiare. Ritorniamo a Brescia soddisfatti e probabilmente con la voglia di fermarsi a Iseo magari un paio di notti per gustarci ancora di più la bellezza della città, un posto che nonostante il turismo sempre in aumento,riesce ancora a regalare momenti di puro relax.

  • 629 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social