Primavera in Irlanda

Dublino e non solo: viaggio on the road tra natura, cultura, arte e storia

Diario letto 29468 volte

  • di tea per 2
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Avevamo sempre voluto visitare l’Irlanda, ma non con in viaggi organizzati, e non limitandoci solo a vedere Dublino. Eravamo interessati all’atmosfera delle campagne, delle brughiere, dei piccoli villaggi colorati. Ciò che ci invitava a soprassedere era la guida a sinistra, delle auto. Ma Dario e Roberto hanno dato la loro disponibilità, quindi… finalmente siamo riusciti a realizzare questo nostro mitico progetto. E tutto è stato proprio come ce lo aspettavamo, grazie a loro. Abbiamo scelto il mese di maggio perché le statistiche lo davano come il meno piovoso dell’anno irlandese, curiosamente. Usando il sito Skyscanner, avevamo scelto le date meno costose per i voli, la compagnia aerea migliore a parità di prezzo con la Ryanair che non amiamo molto. Come itinerario, dovendo per forza escludere almeno metà del territorio abbiamo scelto di visitare il sud-est.

VENERDì 29 aprile 2016: MILANO - DUBLIN

Partenza! Da mesi aspettavamo questo momento. Ci siamo ritrovati, tutti e sei, in aeroporto di Malpensa al Terminal 1… prestissimo. Un ragazzo della Aer Lingus, ma pachistano, ha aperto il check-in per noi… che eravamo i primi, in fila. Gentilissimo, ci ha imbarcato gratuitamente i trolley a mano. Siamo partiti leggeri, in lieve ritardo e senza birre a bordo, con il volo Aer Lingus EI 437 alle ore 21.45. Gli irlandesi imbarcati sul volo precedente avevano bevuto tutta la birra, e non c’era stato tempo per rifornire il nostro volo. Ma il pilota ha preso in mano la cloche e ci ha fatti atterrare in perfetto orario, all’aeroporto di Dublino, Terminal 2, alle ore 23.15 locali (2 ore di volo, circa. Il costo a persona è stato di euro 124 a testa, inclusa una valigia stivata, ogni due persone. A causa del clima irlandese, era sconsigliabile viaggiare dieci giorni con il solo bagaglio a mano, così avevamo optato per pre-acquistare anche il trasporto di una valigia grande, con 20 kg di peso, per ogni coppia di persone (e meno male che l’abbiamo fatto! Abbiamo indossato, giorno dopo giorno, tutto quello che c’era nella valige! Ogni giorno, il clima varia inaspettatamente).

Ripresi i bagagli, abbiamo facilmente trovato il parcheggio dei taxi, anche se era notte e pioveva, dato che l’aeroporto è piccolo. Abbiamo preso due taxi, per non aspettarne uno solo più grande, vista l’ora tarda. Abbiamo così raggiunto il B&B Saint Martha’s, in 15-20 minuti circa (entrambi gli autisti si erano.. persi!). Indirizzo: 45 Hollybank Road | Drumcondra, Dublino. (Costo cad. taxi: 21 euro, 7 euro a testa). E’ una bella strada, molto ben tenuta. Sono tutte casette in fila, tutte di mattoni e con le porte di colori vivaci. Proprio come nei film. La signora Una ci aspettava. Per ringraziarla, le abbiamo regalato un pezzo di formaggio grana. Non è una nostra usanza, ma tra tutti i gestori di B&B di Dublino era stata l’unica disponibile ad accoglierci anche dopo un nostro arrivo a mezzanotte ed oltre. Se lo meritava! E ha mostrato di apprezzarlo molto, il nostro Italian parmesan! La sistemazione nelle camere… è stata faticosa: il B&B si sviluppa su ben tre piani di scale. Nei giorni seguenti avremmo compreso, verificando di persona, che tutti i B&B non hanno ascensore. (Fatevi bagagli leggeri, meglio due piccoli e bilanciati, sulle due spalle!) Due camere avevano il bagno interno, io e mio marito lo avevamo al piano di sopra. Ma così è Dublino: trovare un B&B con tre camere libere e tutte con il bagno privato… è veramente difficile. Tra l’altro era il ponte del 1° maggio! Ma le camere erano discrete, piacevoli senza essere super. Chi è già stato a Dublino sa che solitamente i B&B e molti degli alberghi lasciano a desiderare. Questo, invece, è buono. Pernottamento ottimo, nel totale silenzio della via. Letti e materassi comodi, per le nostre schiene. Ambienti puliti. Una amica ci aveva consigliato questo quartiere di Dublino, per la sua efficace posizione: a metà strada tra aeroporto e città, e per il prezzo inferiore ai B&B in centro

  • 29468 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Chispira
    , 28/6/2016 17:00
    Grazie mille!!! Utilissime informazioni riportate in una piacevolissima lettura. Bravi diario ben fatto. Sicuramente seguiremo alcuni vostri consigli. Ancora grazie
  2. siso
    , 30/5/2016 16:31
    Diario ben fatto e con molte indicazioni interessanti e utili,
    per il nostro prossimo viaggio in Irlanda del 6 giugno pv.
    che sarà più o meno lo stesso percorso fatto da voi.

    Irlanda arriviamooooooooooooooooooooooo

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social