Indonesia, una, nessuna, ventimila... isole

Da Flores a Bali, passando per Lombok

Diario letto 32730 volte

  • di Mixer
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ogni volta che pensavo di partire per un viaggio in Indonesia, scartavo immediatamente l’idea, perché il periodo più favorevole per visitarla va da maggio ad ottobre, e noi amiamo partire tra novembre e dicembre, ma soprattutto, perché nella mia zucca di rapa, associavo questo Paese soltanto a Bali e Giava!

L’Indonesia occupa la zona sud-orientale dell'Asia, con una propaggine (Papua) che si estende verso l’Oceania. E’ uno dei Paesi più vasti e popolati del Continente e, come cita wikipedia, è composta da 17.580 isole! Detto questo e avendo deciso di rinunciare al “solito” viaggio di dicembre, approfitto di una ghiotta occasione di Singapore Airlines che con 506 euro a testa ci permetterà di arrivare senza scali a Singapore.

Questo l’itinerario di massima: Singapore-Giava-Flores-Lombok-Gili-Bali-Singapore

1 EURO= 12.000 RUPIE INDONESIANE

Dall’Italia abbiamo prenotato il tour a Flores (1000 euro per autista/guida/benzina + crociera in pensione completa di 3 giorni a Komodo per un totale di 9 giorni, 8 notti) con questo itinerario: Maumere-Moni-Riung-Bajawa-Ruteng-Labuan Bajo-Komodo-Rincha-Labuan Bajo (Dino Lopez www.flores-overland-online.com/dino_mof@yahoo.com).

Voli internazionali ed interni per due persone circa 1667 euro:

Singapore – Yogyakarta (Air Asia 102 euro)

Yogyakarta-Denpasar (Lion Air 70 euro)

Denpasar – Maumere (Lion Air 210 euro)

Labuan Bajo – Denpasar (Sky Aviation+Wings Air 180 euro)

Denpasar – Singapore (Air Asia 102 euro)

Alcuni di questi voli sono stati acquistati attraverso la Perama tour; servizio veloce ed affidabile.

Ecco la cronaca di questo viaggio.

27 maggio

Roma, Fiumicino, siamo in attesa della chiamata del nostro aereo per Singapore.

Come ho messo piede in aeroporto sono entrata in quello strano universo parallelo, dove non esistono stagioni, nazionalità, orari e cittadinanza, solo viaggiatori; quelli che transitano, quelli che attendono, quelli che bivaccano, quelli che dormono come possono e quelli che bighellonano lungo i vari corridoi dei duty free, intenti ad acquistare imperdibili oggetti che troveranno ovunque in analoghi aeroporti internazionali!

Volo noioso e lunghissimo, rimpiango un pò i defaticanti scali nelle varie città asiatiche servite da altre compagnie aeree!!

28 maggio

Arrivati a Singapore dobbiamo cambiare Terminal (gli internazionali sono al T3 e i low cost generalmente al T1); le indicazioni per lo Skytrain si trovano appena si esce dall’aerea doganale; passa ogni 4 minuti ed è velocissimo, quindi quello che temevo potesse succedere, ovvero la possibilità di perdere la coincidenza con l’aereo Air Asia, visti i tempi ristretti, non si è verificata, anzi siamo arrivati con notevole anticipo al check in!!

La prima tappa ci porta a Giava, Yogiakarta.

Abbiamo scelto questa città, perché, per la sua collocazione, permette di raggiungere agevolmente i siti archeologici che vogliamo visitare.

Yogia (l’acronimo con il quale viene comunemente chiamata), come ogni città orientale che si rispetti, presenta un caos continuo di motorini, becak, auto, persone e animali! Fortunatamente è una città piccola e il traffico è concentrato perlopiù nella zona centrale, il Malioboro.

Le nostre visite cittadine si sono limitate al Kraton ove abbiamo assistito ad una piuttosto soporifera rappresentazione di una orchestra gamelan,al piccolo museo della musica, al Taman Sari (Water Castle) e ad un velocissimo passaggio al Bird Market che, non consiglio a nessun amante degli animali, perché come me, potreste trovarvi ad inveire contro tutti, piangendo, e valutando se tentare di liberare ognuna di quelle piccole creature imprigionate, evidentemente sofferenti, che con le loro grida (altro che canto….) straziano il cuore!!

Il nostro alloggio presso la De Pendopo Homestay si rivelerà validissimo! (dependopo@gmail.com): 18 euro con colazione (banana pancakes e caffè)

  • 32730 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Jack Burton 4
    , 4/3/2014 20:52
    Avete avuto una bella esperienza con il Lopez vedo. Se vi va leggete invece la nostra di esperienza ingirosullestradedelmondo.blogspot.it/2013/08/whos-dino-lopez.html

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social