India, un bagaglio pieno di vita

India, un'esplosione di colori, sapori e rumori.

Diario letto 909 volte

  • di samanthasitzia
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Un viaggio che aspetto da anni, ho girato a lungo prima di fare un biglietto per l'India. Mi sono preparata fisicamente, ma sopratutto psicologicamente. Ho iniziato con altri luoghi, più puliti (insomma), più tranquilli (parolone) ma sicuramente più facili. L’India è difficile.

Dicono che per andare in India bisogna essere pronti, ma non sarai mai abbastanza pronto per ciò che troverai. Per l’India non si è mai pronti!

Arrivo a Delhi e dopo ore dopo interminabili ore di controlli, finalmente sono in India. Inizio con la scoperta della parte vecchia di questa città, che mi proietta subito nell'India vera. Dopo la visita alla moschea Jama Masjid, un giro panoramico al Forte Rosso, visito il Raj Ghat, luogo della cremazione di Gandhi. Proseguo con l'India Gate, arco commemorativo dei soldati indiani, martiri durante la prima guerra in Afghanistan.

DELHI / MANDAWA

All'arrivo esploro la città a piedi. Mandawa è conosciuta per i suoi affreschi colorati su una vasta gamma di argomenti che vanno dalla religione all'erotismo. Ogni casa è dipinta con allegri murali, che illuminano il paesaggio arido.

MANDAWA / DESHNOK / BIKANER

Prima di raggiungere Bikaner faccio una sosta a Deshnok per visitare il Tempio Mata Karni (il tempio dei topi): dietro il cancello d'argento camminano centinaia di (sacri) ratti, che sono venerati come reincarnazioni futuri dei sadhu. Nella serata visita del forte di Junagarh, l’Hawa Mahal, il Badal Mahal e l’Anup Mahal.

BIKANER / Kheechan / Ramdevra / JAISALMER

Prima di arrivare a Jaisalmer faccio una sosta a Kheechan e Ramdevra. La città di Jaisalmer è un ricamo in pietra. Nel pomeriggio ammiro il tramonto tra le dune del deserto del Thar. L’indomani dedicato la giornata alla visita di numerosi templi e Haveli come Nathmal Ji Ki Haveli , Salim Singh Ki Haveli e Patwon-Ji-Ki-Haveli. Visita di Gadi Sagar e alla scoperta della "città d'oro".

JAISALMER / OSIYAN / JODHPUR

Lungo il tragitto visito l’oasi naturale del deserto di Osiyan, con numerosi ed interessanti templi induisti e gianisti. Proseguo poi per Jodhpur dove arrivo nel pomeriggio e mi dedico subito al Forte di Mehrangarh (cittadella del Sole) e alla città.

JODHPUR / RANAKPUR / UDAIPUR

Prima di raggiungere Udaipur faccio una sosta al Tempio Jainista di Ranakpur. Continuo il viaggio attraverso le colline e i fitti boschi del Rajastha e sulla strada si possono ammirare tantissime scimmie che vivono in libertà. L’indomani faccio un giro per la città di Udaipur e visito il Tempio di Jagdish. Visito la famosa Scuola di Pittura di Miniature, dove ho avuto la possibilità di interagire con gli artigiani e imparare alcuni suggerimenti su questa arte tradizionale. In serata mi aspetta una gita in barca sulle acque tranquille del lago Pichola.

UDAIPUR / CHITTORGARH / PUSHKAR

Partenza per Pushkar con sosta a Chittorgarh per ammirerete il Forte di Chittor, il palazzo di Rani Padmini, il Vijay Stambha, la colonna della vittoria e il monumento giainista del Kirti Stambha. Arrivata a Pushkar partecipo alla preghiera della sera che si svolge nei templi della città. La mattina seguendo continuo la scoperta del villaggio di Pushkar e visito il tempio di Brahma, che attira pellegrini da tutto il mondo. Nel pomeriggio parto per Jauipur dove all’arrivo visito il Galtaji temple e Birla temple. L’indomani mi dedico ancora a Jaipur e non può mancare la visita al favoloso Amber Fort, dove decido di prendere una jeep e non l’elefante. Proseguo la visita al City Palace e i Osservatori Astronomici cinque Osservatori Astronomici costruiti da Sawai Jai Singh

  • 909 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social