India 2014

Rajasthan e Varanasi

Diario letto 2791 volte

  • di Rodriquez Gabriele
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

INDIA 2014 - APPUNTI DI VIAGGIO

Era da molto tempo che io e mia moglie desideravamo andare in India, tanti amici mi avevano raccontato di quanto fosse un mondo incredibile, atmosfere, colori, odori. Prima i figli, poi questi dovevano diventare grandi, e poi … Gli indiani dicono che era destino che andassimo in questo preciso momento perché così era il nostro Karma. Comunque sia credo che un fondo di verità ci sia. Questa esperienza ha coinciso forse con uno dei mie momenti più intensi da un punto di vista fotografico. Ritengo che effettivamente ci sia un momento per tutto. E questo era il mio momento. Dieci anni prima probabilmente non avrei avuto la sensibilità o la preparazione tecnica o gli strumenti necessari a cogliere quanto ho fatto in questo lavoro. Probabilmente hanno ragione gli Indiani. C’è un momento per tutto. Come tutti i viaggiatori, ci si prepara sia da un punto di vista culturale, emotivo e perché no anche fisico. Ci si prepara ad accogliere quanto i nostri sensi riescono a percepire e sicuramente, come reale, non tutto. Prima di partire come uno studente il giorno prima dell’esame riprendo in mano per l’ennesima volta l’ultimo libro di McCurry e di Salgado. Malgrado la preparazione, i video, i libri i documentari, Youtube, Wikipedia e le tutte guide di questo mondo la realtà ci ha sorpresi. Sinceramente non pensavo che fosse così. Così come? Così distante dal mio modo di concepire la vita; così distante dal mondo nel quale vivo. In ogni caso il mio scopo era un altro, era più specifico. Volevo documentare la vita quotidiana di un paese che non è uguale a nessun altro. In tantissimi lo hanno fatto prima di me. E molto bene anche. Quindi sono certamente uno dei tanti. Mi fa piacere pensare che posso aver contribuito anch’io nel mio piccolo a svelare aspetti di vita normale. Non sono in cerca delle fotografie cartolina o di ambientazioni false e artefatte nel loro costruzione. Con pochi euro e un pò di pazienza ti compri il tempo di uno o due Sadhu, colorati nei loro sari, li collochi al tramonto o all’alba presso un tempio piuttosto che su una barca e li fai girare come tante marionette. Ho visto fare anche questo. E ci sono servizi interi fatti così. Non mi interessava.

Per quanto possibile volevo documentare la vita quotidiana delle persone nelle loro botteghe, nei loro laboratori a cielo aperto, i volti dei bambini che vanno a scuola o che lavorano per strada o delle donne che lavorano trainando carretti o trasportando pietre, che chiacchierano, che pregano nei tempi , madri che accudiscono i loro figli, che fanno compere ai mercati. Mi interessavano i visi degli anziani nei mercati con le loro facce piene di rughe che sembrano delle carte geografiche. Insomma, credo di essere riuscito, almeno in parte, a presentare una piccola testimonianza di tutto ciò.

Al di la dell’aspetto fotografico, sicuramente l’aspetto ambientale è incredibile.

Devo dire che la gente su mia richiesta è sempre stata disponibile e divertita nel vedersi ritratta. Il contatto umano è stato straordinario. E’ un popolo gentile e mite, anche curioso e aperto. Molto rispettoso e nella stessa maniera deve essere ricambiato. Per cui gli approcci sono sempre stati gentili, anche con la difficoltà della lingua ci si capiva comunque con il segno universale dei gesti. Le difficoltà piuttosto sono ambientali dovute al caos frenetico che ti avvolge in qualsiasi dove. Vacche, scooter, moto, biciclette, tuk tuk, Rickshaw, macchine, camion, persone, il tutto in una cacofonia di rumori, clacson, scampanellii e tutto ti gira in torno in modo vorticoso. Poi le buche nelle strade, la sporcizia, gli odori le pozzanghere. Una mia amica mi ha chiesto dove mettevo i piedi, e non è stata un’osservazione sbagliata. Infine il clima con la sua umidità devastante. Da noi si usa dire: “sudare le sette camice”. Ecco, ho capito cosa vuol dire. L’India è un Sub continente popolato da 1,2 miliardi di persone ma secondo me sono molte di più. Te ne accorgi per strada quando ti sfrecciano a poca distanza in 4 minimo sui loro scooter o le loro moto. Sono in continuo movimento, non si fermano mai sia che stiano lavorando o che stiano pregando. Ed è stancante il solo vedere tutto ciò. Malgrado ti prepari fisicamente ed emotivamente, la realtà ti sorprende. E non doveva essere diversamente. Il percorso seguito è stato il classico Rajasthan con l’opzione a Varanasi. Ritengo che per vedere l’India più intensa sia sufficiente andare direttamente a Varanasi ma credo anche che occorra affrontare tutto il percorso prima, senza scorciatoie. Il viaggio che ti conduce a Benares è una sorta di allenamento necessario per arrivare preparati e pronti all’apoteosi a Varanasi appunto. La somma di tutto quanto visto e vissuto precedentemente si ripropone amplificata in questo luogo con l’aggiunta di un aspetto che fino a quel momento hai solo sfiorato: il misticismo. La concentrazione di persone, di pellegrini, di caos organizzato, in quel luogo viene amplificata da 2 situazioni che scandiscono la giornata, la prima alla sera durante la cerimonia dell’Aarti e la seconda, che si svolge durante tutto il giorno e la notte, e che non si manifesta con evidenza ma che sai che c’è, e sono le cerimonie di cremazione dei defunti, delle persone che vengono a morire nella loro città santa sperando di interrompere così il ciclo della reincarnazione

  • 2791 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social