Holi festival 2008

Festival Holy Marzo 2008 Se vi capita di passare in India tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo sappiate che sarete spettatori e protagonisti di una bellissima festa, la Festa dei Colori , l’Holi Festival. Il nostro viaggio ...

Diario letto 2330 volte

  • di ALICE76
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Festival Holy Marzo 2008 Se vi capita di passare in India tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo sappiate che sarete spettatori e protagonisti di una bellissima festa, la Festa dei Colori , l’Holi Festival.

Il nostro viaggio è partito da molto lontano, tempo addietro ci è capitati di guardare un filmato sull’India che documentava la festa di Holi in India, una sorta di carnevale indiano. Affascinati dalla festa quello che era partita come una battuta del tipo: «Perché non ci andiamo anche noi?» è diventata poi realtà. Decisi a partire dovevamo pianificare il viaggio. La nostra scelta è caduta sulla Shambhoo Travels, uno di noi conosceva la Giordana la titolare italiana che gestisce assieme ad un indiano l’agenzia di viaggi. Abbiamo contattato l’agenzia www.Shambhoo.Com perché oltre a voler esserci per la festa di Holi 2008 volevamo soprattutto visitare l’India. Dopo avere ascoltato le sue proposte e le nostre richieste abbiamo deciso per un giro del Rajasthan, la “terra dei maharaja”, con un itinerario che a partire da Delhi -dove arrivava il nostro volo internazionale- ci porterà a Mandawa-Bikener-Jaisalmer-Jodhpur-Udaipur-Pushkar-Jaipur e prima di ritornare a Delhi siamo usciti dal Rajasthan per andare ad Agra, ci sembrava sciocco rinviare al successivo viaggio in India la visita del Taj Mahal il simbolo per eccellenza dell’India.

16 marzo: Partenza da Milano, scalo a Vienna, il tempo di riempirci lo zaino di scatole di cioccolata e siamo di nuovo in volo, diretti a Delhi. 17 marzo: arriviamo nel cuore della notte, che stordimento che ho in testa, sono lì davanti al nastro trasportatore in attesa del bagaglio con la solita angoscia arriverà o non arriverà? ... passano i minuti, gli altri del gruppo Luca, Pietro, Giovanna, Alessia e Paolo hanno già raccolto i loro bagagli, ed io là che aspetto ... passa ancora qualche minuto e sconsolata mi dico dentro di me “Benvenuta in India!”, tempo neanche di finire la frase che vedo arrivare la mia valigia. Passo la dogana diritta ed esco dall’aeroporto e sono immediatamente colpito da un’aria calda, in un colpo mi lascio alle spalle la gelida aria condizionata ed abbraccio la calda aria umida e appiccicosa che tanto mi piace.

Facciamo subito la conoscenza di Manish quella che sarà la nostra guida indiana, il nostro riferimento quello che ci sopporterà per quindici giorni, stupiti di scoprire che parla un fluente italiano meglio di certi nostri conoscenti italiani. Il tempo di una sigaretta e ci dirigiamo in albergo doccia e mi butto sul letto per riposare un paio d’ore.

Ci ritroviamo nella hall per mezzogiorno, mangiamo un sandwich e poi iniziamo a muoverci ... ecco ho detto muoverci, forse sarebbe il caso di dire farsi trasportare, trasportare dal flusso continuo di macchine, motorini, furgoni, tuk tuk ... andiamo diretti al quartiere vecchio, la Old Dheli e qui la confusione aggiunge livelli ancora più alti. È un continuo di suoni, rumori, odori, colori ... siamo da poche ore in questo paese che tutto ci sembra diverso e strano, siamo positivamente storditi. È un continuo scattare con le fotocamere per immortalare scene, visi, sorrisi, vestiti, uomini e donne che si muovono in questo caos. Ci cerchiamo spesso tra noi con gli sguardi come a chiederci dove siamo capitati. Andiamo a visitare la moschea Jama Masjd, giriamo a piedi nel mercato adiacente, percorriamo piccole vicoli laterali, ci fermiamo ad osservare, a chiedere, e tutto nuovo per noi, guardiamo le colorate bancarelle, tutti ci sorridono e anche noi sorridiamo non capiamo perché ma ci fa molto bene

  • 2330 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social