Nilo, feluche e faraoni

Dopo tante incertezze parto da sola per un viaggio nelle terre dei Faraoni con l’appoggio di Avventure nel Mondo. Sono un po’ prevenuta per il caldo, gli amici mi dicono che sono “una pazza che si vuole suicidare al sole ...

Diario letto 3421 volte

  • di Momo68
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 12
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Sabato 07/08/2010 – Milano – Il Cairo

Partiamo in nove da Milano con un volo Egyptair alle 15.00 dalla Malpensa. La mia vicina di posto mi racconta che la compagnia negli ultimi due anni ha cambiato tutta la flotta e così ci ritroviamo aerei nuovi, steward e hostess gentilissimi, cibo buono e voli in perfetto orario. Consigliato!! Arriviamo al Cairo alle 19.30 dove ci attendono, provenienti da Roma, gli altri 3 componenti del gruppo. Il nostro corrispondente in Egitto ci porta in albergo ( Salma Hotel - 12 Mohamed Kamel Morsi Street Dokki). Albergo non centrale, conosciuto da pochi (nessun taxista sapeva dov’era) ma comodissimo per gli spostamenti e per vivere in mezzo alla vita della città. Ci ritroviamo dopo un’ora circa per andare a mangiucchiare qualcosa, il nostro referente ci porterà prima a gustare delle Falafel in un baracchino nelle vicinanze dell’albergo e poi a bere del thè e a fumare narghilè in un locale in mezzo alla strada frequentato solo da cairoti.

Domenica 08/08/2010 – Il Cairo

Ci alziamo alle 8.00 circa e ci accingiamo, con l’aiuto del pulmino prenotato il giorno prima, a visitare la Cittadella che altro non è che la fortezza costruita nella parte alta del Cairo e che fu sede del potere per 700 anni ( lasciate stare le guide che vi assaliranno perché vi diranno solo quello che c’è già scritto su qualsiasi guida). Il panorama è maestoso: moschee, musei e una splendida vista sul Cairo. Iniziamo visitando la Moschea en-Nasir poi la moschea Mohammed Ali, un'aggiunta recente del sito ma che per la sua posizione e le sue dimensioni è il monumento più appariscente del Cairo, il museo della Polizia ( squallido) e infine ci godiamo una splendida vista sulla città da una delle tante terrazze. Da lì ci spostiamo e andiamo nel vivo della città, con la scorta di un poliziotto al seguito (l’unica di tutto il viaggio) che farà anche da “guida” e visitiamo prima la Moschea di Sayyidna al-Hussein, poi la Madrasa di Qalaun (bella) e infine scivoliamo attraverso piccole viette nel vivo della città e cioè nel suq di Khan Al-Khalili. Spezie, colori, urla e gente del posto ci accolgono in questo “GRAN BAZAR”. Ci fermiamo a mangiare qualcosa in uno dei bar che si trovano all’interno del suq e ripartiamo alla volta del Museo Egizio. Sono le 16.00 quando arriviamo davanti all’entrata, decidiamo di comune accordo che ognuno è libero di visitare con la propria guida quello che viene considerato “ il più importante museo di storia antica al mondo”. L’indecisione su dove iniziare è molto forte perché il museo è stracolmo di reperti sparsi , senza senso, nelle varie stanze. L’unico piano attrezzato decentemente è il primo piano, dove si trovano le stanze di Tutankhamen, splendide!!!Lascio a voi la curiosità di vederle. Se siete appassionati andate a vedere la stanza delle mummie. In serata decidiamo di andare in un locale tipico (Abu Tarek) del centro a mangiare il loro piatto tipico (kushari) e poi a nanna.

Lunedì 09/08/2010 – Il Cairo – Piana di Giza

Ci alziamo alle 8.00, secondo i miei canoni sempre troppo tardi, e ci dirigiamo verso le Piramidi. Prima puntiamo su Saqqara e visitiamo il “complesso funerario di Zoser”, dove si trova (si dice) la costruzione della prima piramide, la Piramide a Gradoni. È in fase di restauro ma il sito è da visitare anche per l’ampiezza e la bellezza di tutto ciò che c’è intorno. Da lì ci spostiamo verso quello che rimane di Menfi, la capitale dell’Alto Egitto. All’interno del sito non c’è veramente niente a parte un piccolo museo, con una grande statua di Ramesse II, e all’esterno la Sfinge di Alabastro. Finalmente sotto il sole cuocente delle 13.00 (!!!) arriviamo nel grande sito della Piana di Giza…uno spettacolo infinito. Potete decidere voi varie combinazioni di biglietti, noi decidiamo di poter visitare tutta l’area compresa l’entrata all’interno della Grande Piramide di Cheope. Un omone all’esterno della Piramide vi chiederà di lasciare giù la macchina fotografica, lasciatela pure, la ritroverete al ritorno. Chi soffre di claustrofobia eviti..all’inizio il cunicolo è basso e stretto e solo dopo essersi inerpicati per una strada ripida e impressionante si finisce nella camera tombale. Nel sito sarete “turisti da spennare”… anche per farvi una foto vi chiederanno soldi!!E decidete voi se visitare il sito a piedi, a cavallo o con cammelli. Noi l’abbiamo girato tutto a piedi tranne per andare alla Sfinge. E’ troppo distante e sotto il sole di mezzogiorno è devastante!!! Mangiamo qualcosa nel McDonald del posto e infine ci dirigiamo in albergo perché in serata abbiamo un treno da prendere che ci porterà ad Assuan. Cena e colazione sono biscotti, succhi e patatine presi in una drogheria vicino all’albergo. Lasciate stare i treni economici, noi l’abbiamo preso ma sono al limite della decenza e della comodità, inoltre all’interno degli scompartimenti ci sono 5 gradi …abbiamo dormito nel sacco a pelo!!

Martedì 10/08/2010 - Assuan

Arriviamo verso le 10.00 circa ad Assuan, stanchi morti e con un caldo impressionante. Veniamo prelevati da un pulmino che ci porta nel nostro albergo ( Hator Hotel) comodo, pulito, con una piccola piscina sul terrazzo ( ideale per rinfrescarsi la sera) e una vista mozzafiato sul Nilo e sull’Isola Elefantina. Giornata di riposo, in serata giriamo per Assuan. Come città non ha molto da offrire se non il suq, diverso da tutti quelli visti finora, pulito - ordinato e incredibilmente “pavimentato”. Per quanto riguarda il cibo, a mezzogiorno ci siamo lasciati consigliare da un abitante del luogo e abbiamo mangiato il solito kushari all’interno di un ristorantino vicino all’albergo e la sera siamo andati in un ristorante nel suq (Chef Khalil) dove la specialità è il pesce ma si può trovare anche dell’ottimo pollo alla griglia. Lo consiglio vivamente.

Mercoledì 11/08/2010 – Isola Elefantina – Monastero San Simeone

Sveglia alle 8 , visita all’Orto Botanico di Assuan che si trova sull’Isola Elefantina e a un villaggio nubiano. Lasciate perdere tutte e due le cose… oddio,se amate gli Orti botanici andate ma è un normalissimo parco dove potersi rilassare. Mentre il villaggio nubiano è un posto dove la gente è rinchiusa nelle case, stanca di vedere turisti che gironzolano nei dintorni e gli unici che girano per le “strade” sono i bambini che ti cantano canzoncine in cambio di caramelle, biro o quant’altro abbiate con voi. Invece se volete vedere qualcosa di spettacolare visitate il Monastero di San Simeone, splendido edificio in mezzo al deserto abitato anni indietro da monaci, “noleggiate” ( mi raccomando, contrattate! ) cammelli e asini per arrivarci perché è difficile camminare nel deserto soprattutto se il sole picchia... Arrivati salite lungo il perimetro del muro esterno, vedrete uno spettacolo incredibile!!! Per il pranzo non ci siamo fermati all’Orto botanico, è carissimo, ma siamo tornati ad Assuan e la sera abbiamo cenato in uno dei ristorantini che si trovano nei vicoletti di Assuan

  • 3421 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Momo68
    , 7/10/2011 13:58
    Grazie mille Arkadius..io sono rimasta molto affascinata dall'Egitto.Splendida terra di faraoni che spero veramente di rivedere.Monica
  2. arkadius
    , 2/9/2011 00:01
    Bellissimo e sinteco allo stesso tempo report di viaggio che mi ha permesso di conoscere anche alcuni aspetti che nelle piur due settimane trascorse fra Egitto africano. Egitto asiatico + Sharm non avevo avuto modo di conoscere. complmenti e speriamo di tornarci tutti un giorno in quella manifica terra.
  3. arkadius
    , 2/9/2011 00:00
    Bellissimo e sinteco allo stesso tempo report di viaggio che mi ha permesso di conoscere anche alcuni aspetti che nelle piur due settimane trascorse fra Egitto africano. Egitto asiatico + Sharm non avevo avuto modo di conoscere. complmenti e speriamo di tornarci tutti un giorno in quella manifica terra.
  4. arkadius
    , 2/9/2011 00:00
    Bellissimo e sinteco allo stesso tempo report di viaggio che mi ha permesso di conoscere anche alcuni aspetti che nelle piur due settimane trascorse fra Egitto africano. Egitto asiatico + Sharm non avevo avuto modo di conoscere. complmenti e speriamo di tornarci tutti un giorno in quella manifica terra. Arkadius
  5. arkadius
    , 1/9/2011 23:58
    Bellissimo e sinteco allo stesso tempo report di viaggio che mi ha permesso di conoscere anche alcuni aspetti che nelle piur due settimane trascorse fra Egitto africano. Egitto asiatico + Sharm non avevo avuto modo di conoscere. complmenti e speriamo di tornarci tutti un giorno in quella manifica terra. Arkadius
  6. Momo68
    , 8/10/2010 11:11
    @genesio:
    Ti ringrazio molto. Lo scopo del mio racconto è proprio mettere la voglia di vedere il luogo che io ho apprezzato...e se riesco a far provare questa sensazione a persone che l'hanno già visitato mi fà solo che piacere.Grazie ancora
  7. genesio
    , 6/10/2010 09:00
    Bellissimo racconto.Mi hai fatto rivivere i giorni passati in Egitto.Molti di quei posti li ho visitati anch'io.Mi manca il caldo, mi mancano i profumi che ho cercato di memorizzare per portarli sempre con me e l'atmosfera che mi circondava.
    Col tuo racconto hai contribuito a far crescere in me la voglia di ritornarci.Grazie.
    Genesio Ciccone

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social