Ibiza, la isla bonita

4 giorni alla scoperta dell'isola più famosa e selvaggia delle Baleari

Diario letto 5448 volte

  • di glo.travel
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Sono partita dall'aeroporto Marconi di Bologna martedì 18 settembre e dopo circa due ore di viaggio sono atterrata ad Ibiza. Da lì, avendo prenotato un hotel in centro, vicino al porto, ho preso l'autobus n.10 che in circa 20 minuti collega l'aeroporto ad Eivissa, quindi al porto.

Durante il mio soggiorno ad Ibiza, mi muoverò con i mezzi pubblici e in alcuni casi con i taxi: per gli autobus, i biglietti si possono acquistare direttamente sull'autobus, i prezzi variano in base alla durata e lunghezza della tratta.

Essendo arrivata intorno alle 16.30, decido, una volta appoggiato il bagaglio e fatto le operazioni di check-in in hotel, di cambiarmi e di recarmi a Playa d'En Bossa, la zona più famosa per i locali e le discoteche ibizenche. Dal centro prendo l'autobus linea 14 per appunto fermarmi a Playa D'En Bossa, dove mi reco al famoso Bora Bora per una bevuta. Devo dirvelo: nel locale i prezzi aumentano dopo le ore 16 (siamo pur sempre ad Ibiza, no?!). Terminata la mia sosta al Bora Bora, faccio un breve giro in spiaggia, ma ammetto che a livello di mare, questa spiaggia non ha particolare fascino... mi convinco invece di fare serata all'Ushuaia, così passo davanti ai vari baracchini di pr e in uno di questi decido di acquistare il biglietto (€ 45, ma varia in base alla serata...) per l'Ushuaia, la cui serata era già iniziata alle 17 e sarebbe finita alla mezzanotte. Per le ore 20.00 sono dentro alla discoteca: mai vista discoteca all'aperto più bella in 27 anni di vita. La serata è letteralmente volata, tra bella musica e spettacoli di luce ed anche se ero da sola, non ho avuto episodi di gente sopra le righe. Una volta terminata la serata, ho ripreso l'autobus notturno per tornare in centro e sono rincasata.

MERCOLEDÌ 19 SETTEMBRE

Inizia la mia scoperta alla volta dell' Ibiza più autentica, quella delle spiagge e delle acque cristalline. Decido di fare la zona Ovest dell'isola, quindi prendo l'autobus linea L3 da Eivissa a Sant Antony e successivamente l'autobus L34: alla fermata Cala Saladeta scendo e mi dirigo verso la spiaggia. Il tempo non è dei migliori, ma appena esce uno spiraglio di sole il colore dell'acqua assume un colore blu-verde bellissimo. Prendo un sentiero che mi dirige a Cala Salada. Entrambe queste spiagge confinanti sono leggermente piccole e verso mezzogiorno sono praticamente piene. Non ci sono lettini ed ombrelloni e neanche bar, ma tranquilli, nel caso abbiate sete o fame, passano per la spiaggia con sandwich e con eventuali cocktail, a prezzi ovviamente fuori mercato. Nel primo pomeriggio riprendo l'autobus per Sant Antony per prendere il bus linea L4 direzione Cala Comte. La spiaggia più famosa di Ibiza, non particolarmente lunga, è semplicemente magnifica. Anche qui non esistono stabilimenti balneari, esiste un solo ristorante, il Sunset Ashram Restaurant, dai prezzi medio-alti, con annesso bazar per eventuali acquisti d'oggettistica artigianale ibizenca. L'ultimo autobus da Cala Comte parte alle 18.45, arrivo a Sant Antony giusto in tempo per andare ad ammirare il tramonto al famosissimo Cafè Del Mar. Se volete godervi il tramonto seduti nei tavoli che danno sul mare bisogna prenotarsi per la cena, altrimenti potrete scendere sui primi scogli della spiaggia e godervi il tramonto con un bel drink o un bel bicchiere di vino come ho fatto io. Che dire, un'esplosione di colori sul mare con il sottofondo musicale del Cafè Del Mar... uno dei più bei tramonti mai visti, nonostante la quantità di gente che a mio avviso disturbava un po' il momento..

  • 5448 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social