Hawaii, un posto unico e speciale

Immersi nella natura selvaggia delle isole principali tra snorkeling, trekking e 4x4

Diario letto 42177 volte

  • di Rudy72
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Hawaii, una destinazione decisamente speciale e non solo perché è il sogno di una vita per molte persone, ma perché qualche anno fa avevamo detto che quando avremmo festeggiato il nostro 20 esimo anniversario saremmo andati alle Hawaii... ed ecco che i 20 anni assieme sono arrivati e con loro questo incredibile viaggio.

Per la prima volta voliamo con Korean Air. La nostra scelta è ricaduta su questa compagnia aerea per un paio di motivi: facciamo un solo scalo, a Seoul, anziché 2 se avessimo optato di viaggiare verso ovest, e il costo è anche più vantaggioso. Inoltre le compagnie asiatiche hanno standard migliori rispetto a quelle europee o americane. Il volo della Korean Air non è previsto tutti i giorni ed è per questo che partiamo da Malpensa venerdì sera alle 22, non vogliamo sprecare un solo istante di questi tanto desiderati giorni di ferie.

Arriviamo a Seoul dopo un volo di poco più di 11 h e tutto sommato non è stato neppure troppo tragico. L'aereo era confortevole e il servizio impeccabile e siamo riusciti a riposare per buona parte del volo. Una nota per il cibo offerto dalla Korean Air: si può scegliere anticipatamente sul loro sito il pasto desiderato tra una vasta scelta di cucine, niente male! A Seoul sono le 17 del pomeriggio e dobbiamo attendere fino alle 21.20 per il volo con destinazione Honolulu, ma sgranchirci un po' le gambe è cosa gradita. E l'Incheon Airport è il posto ideale per passeggiare tra tantissimi negozi. Prendiamo un caffè per svegliarci un po' e verso le 19 ci fermiamo a mangiare in un ristorante coreano nella food court ... davvero buono. Il tempo passa veloce e per fortuna è ora di imbarcarsi perché la stanchezza inizia a pesare. Partiamo con una mezzora di ritardo per qualche passeggero che non si è presentato. Questa volta il volo ha una durata di poco più di 8h . Alle 11:30 del mattino di sabato 5 arriviamo a Honolulu. Si può davvero dire che abbiamo viaggiato indietro nel tempo! Appena usciamo dall'aeroporto siamo assaliti dal caldo ... non saranno giorni facili! Abbiamo noleggiato un’auto con Alamo e quindi attendiamo lo Shuffle che ci porta all'agenzia per il ritiro. Abbiamo optato per una economy, una Hundai... e già così ci costa poco più di 300 dollari per 3 gg. È comunque un’auto più che dignitosa e spaziosa per noi due. Con l'aiuto dell'app gratuita Navigator (che è utilizzabile senza connessione dati) ci avventuriamo nel traffico e raggiungiamo in poco meno di 30 minuti il nostro alloggio per le prime 3 notti: Ohana East Waikiki. Facciamo il check in, ma dobbiamo attendere un'oretta per la camera che non è ancora pronta. Ci facciamo indicare il parcheggio convenzionato per lasciare l'auto e dopo una breve passeggiata torniamo in albergo dove fortunatamente la camera è disponibile. Finalmente alle 14.30 possiamo fare una doccia! L'albergo è pulito e in ottima posizione, anche se non siamo molto fortunati con la camera che è proprio a ridosso degli ascensori che sono abbastanza rumorosi. Si tratta di una struttura old style, ma a parte il discorso ascensori non è niente male. La camera è spaziosa e c'è anche un terrazzino dove poter fare colazione.

Dopo esserci resi nuovamente presentabili, usciamo per andare a cercare qualche maglietta della Hawaii University, il college team di football di Honolulu. Facciamo un po' di shopping al centro commerciale di Ala Moana e poi ci spostiamo a Chinatown ... sembra abbastanza deserta e davvero niente di che ... evitate pure. Verso le 19 riportiamo l'auto al parking e facciamo una passeggiata alla ricerca di un posto dove cenare ..

  • 42177 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. marcello41037
    , 2/9/2019 11:23
    Ottimo diario!
    Grazie

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social