Aloha, siamo alle Hawaii

Arcipelago da sogno nel mezzo dell'Oceano Pacifico. Un viaggio itinerante, immersi nella natura primordiale circondati da vulcani attivi, foreste pluviali e spiagge paradisiache

Diario letto 30158 volte

  • di Elena Innocenti
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Dopo un lungo on the road sulla West Coast americana decidiamo di terminare il nostro viaggio di nozze alle Hawaii. Questo meraviglioso arcipelago, sicuramente non è una destinazione low cost, ma organizzandosi per tempo e in maniera autonoma siamo riusciti a visitare luoghi bellissimi senza spendere una fortuna. Abbiamo soggiornato alle Hawaii per 14 giorni, visitando 3 delle principali isole: Oahu, Big Island e Kauai.

Per quanto riguarda gli hotel ed il noleggio delle auto sulle varie isole, abbiamo prenotato tutto in anticipo, prima di partire da casa. Il nostro aereo decolla da Los Angeles alle 7 a.m e dopo circa 6 ore arriviamo finalmente a Honolulu. Waikiki Beach, e il sogno diventa realtà. L'aeroporto di Honolulu pur essendo il più grande di tutto l'arcipelago hawaiano,è comunque molto piccolo rispetto agli altri aeroporti americani, così in breve tempo ritiriamo i nostri bagagli e ci dirigiamo verso il noleggio della Alamo per ritirare l'auto. Ci viene assegnata una Chevrolet Aveo completa di navigatore. Ci dirigiamo subito verso l'hotel Aqua Palms di Waikiki, dove pernotteremo per i prossimi 4 giorni. Questa struttura è situata in ottima posizione, vicinissima alla famosa Waikiki Beach e al centro del paese. Lasciati i bagagli ci facciamo un giro a piedi, prima tappa la spettacolare Waikiki Beach. Con nostro stupore ci accorgiamo subito che non ci sono molti turisti in spiaggia, anzi ci sono ampi spazzi vuoti dove è possibile sdraiarsi al sole in santa pace. La spiaggia di sabbia finissima e chiara degrada dolcemente verso l'oceano, che quì è molto calmo perché riparato dalla barriera corallina. Rimaniamo subito molto soddisfatti, il primo impatto con quest'isola è molto piacevole. Dopo un po di relax in spiaggia, ci concediamo un sandwich, per poi fare due passi nel centro di Waikiki dove ci sono moltissimi negozi. Verso le 14, decidiamo di andare in hotel, dove ci viene assegnata la nostra stanza, così ne approfittiamo per riposarci un po' e fare una doccia rigenerante. Nel tardo pomeriggio, raggiungiamo nuovamente Waikiki Beach, e dopo una breve passeggiata ci sediamo sotto le palme vicino alla statua di Duke Kahanamoku per ammirare il nostro primo tramonto hawaiiano.

Oahu: sole, mare e spiagge tropicali

Questa mattina il fuso orario si fa sentire (alle Hawaii ci sono 4 ore in meno rispetto a Los Angeles, e 12 in meno rispetto all'Italia) e alle 5.30 siamo già in piedi. Ci prepariamo un caffè e decidiamo l'itinerario della giornata. Verso le otto partiamo dall'hotel e decidiamo di visitare la parte est di Oahu. Percorriamo la strada costiera che ci porta verso Kailua, e decidiamo di fermarci a Lanikai Beach dove ci dedichiamo al totale relax in spiaggia. Raggiungere Lanikai Beach, però non è semplice in quanto la spiaggia non è segnalata. Giunti nel paese di Lanikai ci sono moltissime villette affacciate sull'oceano tra le quali bisogna trovare gli accessi pubblici alla spiaggia. Armati di un po di pazienza dopo aver parcheggiato l'auto lungo strada, riusciamo a raggiungere la spiaggia e veniamo ripagati con un paesaggio tropicale fantastico. Lanikai Beach è meravigliosa, forse tra le più belle di tutte le Hawaii. La sabbia finissima è di un bianco accecante e il mare turchese è straordinario. In questa zona ci sono molte altre spiagge, tra le migliori è da segnalare quella di Kailua Beach, una lunga distesa di sabbia chiara con mare cristallino adatta anche alle famiglie

  • 30158 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social