Sithonia e Kassandra (penisola Calcidica) e Salonicco

Viaggio in auto (arrivo e ritorno da Roma in aereo) per le penisole di Sithonia e Kassandra e le loro belle spiagge, con una capatina a Salonicco, città graziosa. Una vacanza rilassante e piacevole, rigenerante per lo spirito e gli ...

Diario letto 53069 volte

  • di Emy63
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

SITHONIA E KASSANDRA (PENISOLA CALCIDICA) E SALONICCO LUGLIO 2015

Allora, innanzitutto una breve premessa: grazie a chi, su questo utilissimo sito, ha postato i propri racconti di viaggio nella penisola calcidica: abbiamo seguito molte indicazioni riportate e ci siamo trovati benissimo!

Ma cominciamo il racconto.

Il viaggio è un viaggio in coppia, di 10 giorni, dal 13 al 22 luglio 2015.

Partiamo all'alba di lunedì 13 luglio (decollo alle 6.40 da Ciampino) con volo Ryanair. Volo tranquillo e puntuale, anche se sui bagagli la Ryanair impone prezzi assurdi, cosi come è assurdo che si debba pagare a bordo per prendersi anche solo un caffè...ma il biglietto (80 euro, andata e ritorno) aveva un prezzo ottimo, anche se poi abbiamo dovuto aggiungere il prezzo dei bagagli...

Atterriamo a Salonicco e ci dirigiamo subito al desk della Thrifty, dove ci aspetta l'automobile prenotata grazie ad Autoeurope (ha i prezzi più convenienti di tutti e un ottimo servizio). Abbiamo pagato in anticipo, 304,06 euro per 9 giorni, ma al momento del ritiro dell'auto trattengono una franchigia di cauzione di 750 euro (da rimborsare al rientro della macchina – ma al momento di riconsegnare l'auto mi dicono che il riaccredito non sarà subito ma tra qualche giorno...speriamo bene!). Un furgoncino Avis ci porta al parcheggio li accanto all'aeroporto, ci consegnano l'auto, una Toyota Aygo che non ci darà alcun problema, e cominciamo la vacanza.

Prima destinazione Sarti, nella penisola di Sithonia. Ci arriviamo in circa due ore di viaggio tranquillo (le strade sono in genere larghe e ben tenute). Lì soggiorniamo all'Hotel Stefani (75 euro a notte, bed and breakfast), non lo consiglio: è lontano dalla spiaggia (e anche dalla confusione, questo è vero), stanzette minuscole (un bel balcone), doccia che allagava in parte anche la camera. Colazione molto ricca per la parte salata visti i tanti turisti dell'Est europeo, ma scarsissima per la parte dolce. Quando il mio compagno ha fatto presente la cosa ci hanno parlato di problemi con il personale e il giorno dopo ci hanno fatto trovare alcune fette di torta (tipo ciambellone). Il cibo era tenuto su di un tavolo completamente al sole, yogurt compreso! Spiacevole ulteriore scoperta: in Grecia non hanno il bidet!

Facciamo un giro per Sarti, paesino carino e piccolino, pranziamo con due insalate ad un locale al centro e ci portano un dolce in omaggio.

Un po' di riposo in hotel e poi di nuovo in paese (a 5 minuti di macchina dall'hotel) perche' sia io che il mio compagno abbiamo problemi con il cellulare. Ma in tutto la penisola calcidica pare non ci siano centri di assistenza telefonica, cosi compriamo a 5 euro una scheda che useremo nei vari telefoni pubblici che troveremo (per fortuna ce ne sono abbastanza),

La cena è sul lungomare, da Ta Bpaxakia, si affaccia proprio sul mare, bell'arietta, si mangia molto bene (pesce, ma non solo) e spendiamo in due (con acqua e mezzo litro di vino come bibite) meno di 50 euro.

Passeggiata per Sarti (i negozi sono tutti aperti la sera, sia bar che ristoranti che negozietti di souvenir) e poi rientro in hotel.

Il giorno dopo, martedì, andiamo a Karidi Beach (risalendo da Sarti è prima di Vourvouru). Bella spiaggia, non attrezzata, con la pineta che arriva quasi al mare. Il mare è davvero bello (come dappertutto nella Calcidica) e l'atmosfera rilassante. Pranziamo con un panino e una bibita ad un chioschetto sulla spiaggia (ce ne era solo uno) dove il cibo costa pochissimo. Nel primo pomeriggio ci spostiamo un po' più giù, a Orange Beach. Mare spettacolare, spiaggia (in parte attrezzata e in parte libera) di sabbia (poca) e rocce (molte). La spiaggia è affollatissima e trovare un posticino è un'impresa. Per il mare, dal fondo pietroso e ciottoloso, consiglio di usare le apposite scarpine (ce le siamo comprate anche noi a Sarti, costano 8 euro e proteggono perfettamente il piede da ciottoli e sassi quando si sta in acqua)

  • 53069 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Il Cava
    , 30/3/2016 21:53
    scusa ma 80 euro di volo a/r e rompi le balle perchè non ti offrono il caffè a bordo????abbiamo già capito che razza di viaggiatori siete....andate a Ladispoli l'anno prossimo....

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social