Dalla Turchia alla Grecia: Efeso, Pammukale, Ayvalik, Lesvos

La vacanza è stata bellissima e ci ha permesso di unire mete conosciute come Efeso e Pammukale allo splendido mare greco di un'isola ospitale e sicuramente ancora poco conosciuta dagli italiani

Diario letto 6251 volte

  • di giobest
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

20-8-2013

Voliamo da Bergamo con volo Pegasus con scalo a istanbul per arrivare a izmir alle 21,15. Ad aspettarci puntualissimo un rappresentante dell'autonoleggio Almira che ci fornisce l'auto prenotata tramite www.economycarrentals.com € 154 per 3 giorni con drop off ad Ayvalik.

L'hotel Paris prenotato con www.booking.com è a Selcuck dopo circa 40 mm di auto. Il costo € 18 con colazione. Può andare bene solo per una notte e se non si hanno grandi esigenze.

21-8-2013 Efeso

Alle 8 siamo al parcheggio in basso dove lasciamo l'auto al costo di LT 8. L' ingresso costa lt 25, entrando alle 8 siamo tra i primi e in 2 ore ultimiamo la visita di questa splendida città. Essendo in auto non abbiamo problemi a trovare la Grotta dei dormienti. Niente di che e col senno di poi sarebbe stato meglio non perdere tempo. Seguendo le indicazioni stradali arriviamo alla Casa di Maria: anche qui paghiamo il parcheggio lt 8 + ingresso.

Il posto è molto suggestivo e non essendoci folla possiamo entrare nella piccola cappella e soffermarci per tutto il tempo che vogliamo.

Riprendiamo la strada in direzione Pamukkale. Guidiamo senza nessun problema su strade anche a doppia corsia ammirando i giardini che non mancano in ogni cittadina che attraversiamo. Appena dopo Nizili il nostro primo rifornimento di carburante alla shell riserva l'incontro con i gentilissimi gestori che ci offrono anche una bibita fresca. LT 150 di benzina e un ottimo pranzo nel vicino locale : € 10 per 2 pizze turche pomodori e peperoni 1 cola grande e 2 acqua.

Arriviamo a Pamukkale dopo un paio d'ore da Efeso. Qui abbiamo prenotato 1 notte

All'Hotel Ozbay € 25. Buona la cena con 2 birre tl 50.Visto che siamo in anticipo sulla tabella di marcia decidiamo di vedere il sito nel tardo pomeriggio anziché al mattino dopo.

Entriamo al sito dalla parte sud . Saliamo alle 18 e rientriamo per le 21. Una volta saliti dalle vasche di travertino conviene stare sulla sx e andare subito alla piscina romana che chiude alle 19,30 poi fare tutto il giro per vedere l'antica Afrodisia e rientrare lungo le passerelle sulla dx ( giro circolare). Dalle terrazze si gode un bel tramonto.

22-8-2013

Mattinata di relax in piscina dopo un breve giro di Pamukkale... le montagne di travertino a quest'ora si perdono un po' nella foschia mattutina , ma sono già prese d'assalto e alle 9 fa già caldo. Partiamo alle 11 alla volta di Salihili . Ci mettiamo circa 1 ora e mezza . Prima di fare il check in al Lyda Sardes hotel ci permettiamo 2 gozleme . Non capiamo assolutamente niente e ci appare evidente che, appena fuori dai circuiti turistici, il turco è l'unica lingua parlata.

In hotel ci spaparanziamo in piscina. Ci facciamo anche un bagno nella piscina termale interna, ma l'acqua è decisamente troppo calda. Il pomeriggio passa veloce e decidiamo di fare un salto al vicino centro commerciale per trascorrere la serata. Cena con pizza turca non proprio di nostro gradimento al costo di 25 lt.

23-8-2013

Risveglio bagnato... nuvoloni e temperatura in calo ci fanno decidere di partire subito per la nostra prossima meta Ayvalik anziché trascorrere la mattinata in piscina.

Sbagliamo strada e ci mettiamo 3 ore per raggiungere la cittadina turca dalle quale ci dobbiamo imbarcare alla volta dell'isola greca di Lesvos. Davanti al porto facciamo il biglietto in un'agenzia locale al costo di 20 euro per la sola andata dal momento che il ritorno lo faremo in aereo volando da Lesvos a Salonicco. Trascorriamo poi il resto della giornata a gironzolare per le stradine di Ayvalik. Non so se sia sempre così affollata o se sia perchè è venerdì giorno di festa per i mussulmani, ma c'è davvero tanta gente e una bella folla di turisti. Nelle strade si aprono negozi di ogni genere e non mancano bancarelle di frutta dove acquistiamo nuovamente un kilo di fichi per 2 euro. Alle 17 siamo davanti all'ufficio dell'Almira Car e come d'accordi presi , il gentilissimo Sedran ci accompagna in porto .Dobbiamo aspettare un ora e c'è anche da fare il controllo dei passaporti, ma poi, finalmente siamo sulla barca

  • 6251 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social