Inghilterra in caravan e camper

- LONDON, WALES, CORNWALL - Dopo anni in giro per l’Europa continentale, quest’anno (2004) abbiamo finalmente attraversato la Manica per visitare Londra e dintorni, Galles e Cornovaglia. In tre caravan ed un camper siamo partiti da Bologna nel tardo pomeriggio ...

Diario letto 22162 volte

  • di squalo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo

Proseguendo per Fleet Street dove ritroviamo negozi, uffici e banche, si arriva alla storica Trafalgar Square, poi all’animatissima rotonda di Piccadilly Circus, dalla quale hanno inizio le famosissime “shopping street” di Londra quali Piccadilly St., Old Bond St., Oxford St., Regent St., con lussuosi negozi e vetrine di ogni genere: dalla moda, alla gioielleria, agli antiquari, ai ristoranti ... Terminiamo così l’intensa giornata tra i prati e le aiuole fiorite del Regent’s Park, poi, nei pressi del museo delle cere Madame Tussaud’s, riprendiamo il metro per ritornare in campeggio.

Da Londra abbiamo raggiunto in auto la graziosa ed affascinante cittadina universitaria di Cambridge con i suoi college, vere e proprie opere d’arte, immersi nel verde lungo le rive del fiume Cam che è possibile percorrere su barchette noleggiabili nelle vicinanze.

Il 13 agosto abbiamo ripreso il viaggio verso ovest sulla M4 fermandoci al Park Hall Caravan, un tranquillo camping dell’entroterra gallese nelle vicinanze di St. David’s; l’ideale sarebbe stato riuscire a fermarci al Caerfai Bay Caravan Park, posto vicino al paese e con una stupenda vista panoramica sul mare, però a ferragosto non c’era posto per tutti.

In auto, percorrendo anche stradine strette, abbiamo visitato, verso sud, il castello di Pembroke, in posizione dominante sia sul fiume che sul paese, con interni ben arredati, dove si può assistere, nell’ampio piazzale interno, alla rievocazione storica di eventi di quel tempo ad opera di una compagnia teatrale in costumi dell’epoca; molto bello è l’incantevole centro costiero di Tenby, con le sue case color pastello ed il vasto arenile sabbioso.

Percorrendo la A487, tra ampi prati verdi e belle vedute sul mare, in un’alternanza di sole e qualche scorcio di pioggia, abbiamo raggiunto la cittadina di Aberystwyth, nel Galles centrale, da dove, con un trenino a vapore, abbiamo risalito la verdissima valle del Rheidol River, dove tra ruscelli e laghetti pascolavano cavalli, mucche e pecore, fino a raggiungere il piccolo borgo di Devil’s Bridge, nelle cui vicinanze c’è un parco con delle cascate.

Da non perdere sono sia il pittoresco paesino e centro d’arte di St. David’s, con la sua preziosa cattedrale e i ruderi del Bishop’s Palace, che la fantastica Witesands Bay, una lunga cala di sabbia posta a qualche miglia dal paese, contornata da verdi colline e prati di erica, da cui parte il sentiero panoramico del trekking costiero, denominato Pembrokeshire Coast Path, percorrendo il quale si possono scoprire scorci suggestivi e raggiungere belle insenature.

Dopo ferragosto ci siamo trasferiti in Cornovaglia, sistemandoci presso l’ottimo Camping Treloy, nelle vicinanze di Newquay sulla costa ovest. Il tempo bello e soleggiato ci ha permesso di apprezzare nel migliore dei modi questo lembo di Inghilterra dai colori intensi, dall’azzurro del cielo e del mare al verde della spettacolare Cornwal Coast, spesso alta e frastagliata, dove si aprono ogni tanto ampie spiagge di sabbia chiara e finissima, quali la Watergate Bay e la Padstow Bay.

Bellissimo il paesino di St. Ives con le caratteristiche file di case colorate, lo spettacolare villaggio di Padstow, posto sulle rive di un fiordo, e Tintagel dove si ritrovano, su una roccia a strapiombo sul mare, le rovine del castello di Re Artù.

Da non mancare, attraverso una bella stradina panoramica, il raggiungimento di Land’s End, l’estrema punta ovest della Cornovaglia, da dove si gode di una vista straordinaria sulla costa e sul mare

  • 22162 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social