Il giro del mondo in 79 giorni

E tu? Stai ancora leggendo questa pagina? Prepara la valigia e parti!

Diario letto 15356 volte

  • di davide1984
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Mi chiamo Davide. Faccio l'operaio. Ho sempre adorato viaggiare.

Un bel giorno, mentre stavo cercando un pacchetto volo più hotel in una capitale europea, sono finito per caso nel sito di una compagnia aerea che vendeva i biglietti round the world. Per qualche giorno mi sono divertito a creare un itinerario sognando ad occhi aperti. Come potevo partire? Ho un lavoro fisso, di certo due settimane di ferie non sarebbero state sufficienti. Ma l'idea mi stava tormentando. Chiesi l'aspettativa. L'esito fu negativo naturalmente.

Potevo rinunciare al mio sogno? No. Mi licenziai. E partii. Fu tutto così immediato, così veloce, non mi resi nemmeno conto di essere già a Bangkok. Solo, in una delle città più grandi del mondo. Un altro mondo rispetto all'Italia. L'aria era irrespirabile, un caldo che unito all'umidità e all'inquinamento non mi permetteva di stare all'aperto per più di venti minuti. Di certo non potevo permettermi di dormire in albergo per quasi tre mesi. Optai per l'ostello. Quando si pensa all'ostello in Italia si immagina un vecchio letto maleodorante di polvere e ragnatele; solo in Italia però. Tutti gli stati sono organizzati per ospitare giovani viaggiatori con un budget limitato. Ci sono molti ragazzi e ragazze che viaggiano da soli. Per lo più inglesi, francesi, americani e tedeschi. Quindi è molto facile trovare compagnia negli ostelli. Visitai Bangkok con un ragazzo americano e una ragazza filippina. I templi, il Buddha di Smeraldo, i canali. La settimana volò.

Lasciai la caotica Bangkok per cercare un po' di tranquillità, che trovai a Koh Samet, un'isoletta a sud della capitale Thailandese. Sette giorni di mare, relax, cibo ottimo e leggero. Dopo questa piccola sosta dedicata al relax andai a Singapore. Singapore è il centro del mondo, non c'è una cosa che non si possa trovare in questa città stato. La città più sicura, più pulita, meglio organizzata al mondo a parere di molti tra cui il mio. Anche qui la temperatura unita all'elevata umidità rendeva la mia visita alla città un po' difficoltosa ma nonostante tutto piacevole. Bellissimo passeggiare di notte tra le luci e i bagliori della città, lungo Marina Bay, Orchad Road e Chinatown.

Lasciai l'eterna estate equatoriale per raggiungere l'inverno dell'emisfero australe. Arrivai a Sydney il 6 giugno. L'Australia sembra essere il regno di ogni viaggiatore. Moltissimi i “backpackers” provenienti da ogni parte del mondo. Ognuno ha una storia diversa: c'è chi scappa da una vita infelice, chi vuole divertirsi e lasciare tutto alle spalle, chi vuole semplicemente vedere il mondo. Sydney non è certamente una città economica. Dopo aver visitatato l'Opera House, l'acquario e dopo un po' di serate di svago con un ragazzo romano che incontro in un ostello presi un volo low cost per Surfer Paradise. Lezioni di surf, snorkelling e serate con i numerosi ragazzi provenienti da tutto il mondo resero questo posto indimenticabile. Australia aspettami, un giorno tornerò..

Eccomi in Nuova Zelanda, agli antipodi dell'Italia. Arrivai ad Auckland di sabato sera. Le vie del centro sono un susseguirsi di ragazzi ubriachi, di bottiglie rotte e di gente urlante. La gente è diversa rispetto all'Australia. I “kiwi” in genere hanno un carattere piuttosto chiuso. Auckland è anche un insieme di culture. Sono molti gli asiatici, gli indiani, gli europei presenti nella città. Visitai la Sky Tower al crepuscolo; un mix di luci e colori davvero emozionante. Per il resto la città non ha molto da offrire, così presi una corriera per la capitale Wellington. Dopo 11 ore di viaggio dove conobbi un ragazzo scozzese giunsi nella capitale. Wellington è una piccola cittadina, la visitai tranquillamente a piedi; da ricordare il Papa Museum che ripercorre la storia di questo popolo. Molti ragazzi mi parlarono della piccola cittadina di Rotorua, immersa in un parco naturale. Perché no? In fondo avevo ancora un po' di giorni a disposizione prima del prossimo volo. Ne valse la pena. Tra gayser, laghi blu cobalto e paesaggi selvaggi rimasi strabiliato

  • 15356 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. freccianera
    , 31/1/2012 22:58
    ti sei dimenticato il costo di tutto quel che hai fatto.
  2. ELENAMAX
    , 29/11/2011 21:12
    Complimenti davvero, hai avuto molto coraggio a fare una cosa del genere. Stendiamo un velo pietoso su chi ha dubitato di te, che facciano a meno di leggere i diari se vedono il marcio dappertutto!
    Sei stato veramente un grande!
  3. davide1984
    , 11/10/2011 10:42
    Un post fasullo? Ho detto di aver comprato il biglietto su staralliance.com solo quando mi è stato chiesto. Chi non mi crede mi può contattare direttamente su facebook dove sono presenti le foto del mio viaggio. Se vi servono consigli sono ben lieto di aiutarvi, Davide.
  4. giovanni.mascia
    , 9/10/2011 08:35
    Secondo me questo e' un post fasullo per farvi venir voglia di prenotare il pacchetto around the world di Star Alliance.
  5. davide1984
    , 30/9/2011 17:07
    ciao, scusa per il ritardo... la spesa totale del mio viaggio è stata di circa 7000 euro compresi i 3500 euro per il biglietto comprato su staralliance.com.
    non mi sono affidato a nessun tour operator, mi sono arrangiato prenotando gli ostelli su internet.
    La spesa poteva essere molto inferiore a questa evitando paesi come Australia e nord America.
    Se posso darvi un consiglio.. fatelo da soli! La vostra vita cambierà..
  6. bisa
    , 24/9/2011 23:09
    Anch'io voglio fare il giro del mondo.....chi viene con me???
  7. RTW81
    , 11/9/2011 14:28
    ciao amico, anche io e la mia compagna stiamo ripercorrendo le tue "sensazioni", ci siamo licenziati da un lavoro che non offriva nulla in termini di umanità e professionalità e stiamo optando anche noi per il RTW!!
    Ci consigli qlc compagnia "sicura" in termini organizzativi del viaggio? Visto che anche noi dormiremo in ostelli, possiamo chiederti quanto sei venuto a spendere in totale alla fine del tuo viaggio?
    Inoltre, che tour ci potresti consigliare visto che cmq al posto dell'Americo del nord (come hai fatto tu) noi vorremmo fare quella del Sud (Perù e Brasile)??
    Attendo tuo cortese riscontro, per noi è importante confrontarci con una persona come te che ha già vissuto quello di cui ognun essere umano vorrebbe (e dovrebbe!!!) vivere....grazie, a presto
    Luca & Mary
  8. Bri Bellina
    , 1/9/2011 11:14
    ciao!
    bellissima esperienza che vorrei fare anche io il prossimo anno finalmente dopo la laurea:) , non da sola ma con le mie amiche....
    posso chiederti il sito della compagnia aerea??io avevo visto una cosa simile ma erano diverse compagnie a seconda delle mete che sceglievi...
    grazie mille
  9. cristallo1976
    , 22/8/2011 12:34
    Meraviglia! Complimenti per il "coraggio" che hai avuto di fare qualcosa che molti temono di fare.
    Il viaggio è vita, non si può rinunciare.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social