Vacanze di Natale in Giordania

Itinerario di dieci giorni: Madaba - Wadi Musa - Wadi Rum - Jerash - Amman

Diario letto 3030 volte

  • di Gi4r
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

La Giordania è un’ottima meta per le vacanze invernali perché, nonostante le non troppe ore di luce, permette di visitarla quasi interamente in una decina di giorni, presenta un clima per lo più secco (anche se ovviamente è maggiormente probabile in questo periodo incontrare pioggia) e temperature nettamente superiori a quelle italiane. Per quanto riguarda le condizioni del paese possiamo confermare che è un paese sicurissimo e molto tranquillo da visitare. Praticamente tutte le persone sanno l’inglese (almeno da poter comunicare lo stretto necessario) ed è facilissimo girare con un’auto a noleggio. Inoltre il mondo del turismo è estremamente organizzato e sviluppato per cui in tutti gli alberghi e ristoranti in cui siamo stati la qualità e i prezzi sono stati decisamente buoni. Prenotando con qualche mese di anticipo (ma nel nostro caso stiamo parlando delle vacanze di Natale, per cui più trafficate di altri periodi) si può dormire in ottimi alberghi in eccellenti posizioni per meno di 40 euro a notte e mangiare al ristorante spendendo tra i 30 e 50 euro (ovviamente dipende dalle portate scelte). Praticamente ovunque (anche in molti negozi, dal benzinaio e nei baracchini di Petra) è accettata la carta di credito per cui non è necessario prelevare molto contante.

Ovviamente è estremamente consigliato comprare prima della partenza il Jordan Pass, che conviene portare stampato (magari in duplice copia).

La nostra vacanza è stata così strutturata:

  • Giorno 1: Arrivo in Giornania, ritiro auto e soggiorno a Madaba
  • Giorno 2: Madaba, Monte Nebo e giro sul Mar Morto
  • Giorno 3: Strada dei re, Umm al-Rasas, Karak, Shobak e arrivo Wadi Musa
  • Giorno 4: Petra
  • Giorno 5: Petra e Piccola Petra
  • Giorno 6: Wadi Rum
  • Giorno 7: Risalita Giordania, sud Mar Morto, bagno e arrivo a Jerash
  • Giorno 8: Jerash, consegna auto e arrivo ad Amman
  • Giorno 9: Amman
  • Giorno 10: Ritorno a casa

Diario di viaggio

Giorno 1 – ARRIVO IN GIORDANIA

Una volta atterrati ad Amman, in aeroporto è necessario passare prima dei controlli di sicurezza, presso il desk del visto/Jordan Pass nel quale vi verrà messo il timbro sul passaporto. In aeroporto consigliamo di prelevare un po’ di contanti e di fare una sim locale. Noi abbiamo comprato la sim della umniah Turist line con validità 10 giorni con 10 GB di traffico dati e anche 15 minuti di telefonate internazionali (11JOD). Per quanto riguarda il noleggio auto ci siamo affidati alla Auto Nation Amman: agenzia poco fuori dall’aeroporto. Una persona ci aspettava all’uscita dell’aeroporto per portarci in sede, dove le vicende di affitto auto si sono rivelate abbastanza veloci. Dall’aeroporto a Madaba ci vuole meno di mezz’ora di auto, mentre se si vuole andare ad Amman si devono affrontare circa un’ora di viaggio e il traffico cittadino, parecchio intenso.

GIORNO 2 – MADABA, MONTE NEBO e MAR MORTO

La giornata è stata l’unica piovosa di tutta la vacanza ed è andata bene, perché tra tutti i posti in Giordania, Madaba è la cittadina con più siti “al coperto”. In giro per la città abbiamo passato la mattinata nella quale abbiamo visto la chiesa di San Giorgio con il famoso mosaico della cartina della regione, la chiesa della decapitazione di San Giovanni (dove si può salire sul campanile anche se non si ha una gran vista) (entrambe le chiese costano 1 JOD e non sono comprese nel Jordan Pass), e due siti archeologici diversi con mosaici e resti romani e bizantini (queste comprese nel Jordan Pass)

  • 3030 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social