Viaggio in Giordania e a Gerusalemme

Itinerario: Mar Morto + Wadi Mujib + Wadi Rum + Mar Rosso + Petra + Gerusalemme + Amman

Diario letto 14764 volte

  • di Bicio27
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Giordania / Gerusalemme, 13 giorni: Mar Morto, Wadi Mujib, Wadi Rum, Mar Rosso, Petra, Gerusalemme, Amman.

Innanzitutto 2 cose importanti:

1) ho fatto l'istituto tecnico industriale, quindi non vi descriverò come farebbe un sommelier il profumo del tramonto nel deserto o le emozioni dei primi raggi di sole sul tesoro di Petra... darò solo indicazioni pratiche su quello che ho vissuto... sperando almeno di aver imparato la grammatica di base in quei 5 anni...

2) non saranno le cose migliori o i metodi infallibili... sono rimasto al massimo 2/3 giorni per posto quindi ci saranno sicuramente cose che si potevano fare meglio, più velocemente e a minor prezzo... ma se io avessi avuto notizie su come attraversare Allenby Bruidge per esempio non mi sarei scervellato alla ricerca di informazioni

Volo Ryanair a/r da Bergamo su Amman (primo errore, con il senno di poi avrei fatto il volo di ritorno da Tel Aviv senza dover tornare in Giordania)... 244 per due persone con un bagaglio da stiva, posti prenotati ed una priorità... parcheggiato all'Orio big Park che è stato sequestrato dalla finanza proprio il giorno prima del nostro ritorno (ndr poche bestemmie). Prima di partire abbiamo fatto il Jordan pass sul sito ufficiale jordanpass.jo. Ci sono 3 possibilità, l'unica differenza è che cambia il prezzo in base al numero di entrate a Petra. Noi abbiamo fatto l'explorer a 75 jod che prevede l'ingresso per 2 giorni a Petra. Conviene farlo? Se si atterra ad Amman sicuramente perché il Jordan pass comprende il visto di ingresso in Giordania se ci si dorme almeno 3 notti (che sarebbero già 40 jod), come dicevo Petra (ingresso singolo 50 jod), Jerash (10 jod), Wadi rum (5 jod), cittadella e teatro romano di Amman (3 jod), castelli di karak e Shobak e altre cento cose inutili (dai, per capirci, non insultatemi). Appena arrivati abbiamo fatto 2 sim per internet, fondamentale soprattutto per Google map. Io consiglio la Umniah, che con 18 euro mi dava 30 giga e 30 minuti di telefonate verso l'italia e 1000 in Giordania (c'era anche da 15 euro, ma durava 10 giorni, mentre con 18 euro 1 mese). Per sicurezza di ricezione l'altra l'abbiamo fatta con un altro operatore, Orange: 15 euro per 5 giga senza telefonate. I banchetti sono al piano terra dell'aeroporto di fronte agli autonoleggi. (cambio: cambiate il meno possibile all'aeroporto ovviamente, noi 30 euro a 0,67 contro il 0,78 medio poi) Autonoleggi: noi abbiamo prenotato con la Dollar tramite Rentalcars, 167 euro per 8 giorni senza la protezione annullamento franchigia (tanto quando ce l'hanno data era già piena di graffi, non si sarebbero comunque mai accorti se ne avessi fatti di nuovi :-) ). Un consiglio perché l'anno scorso a Santorini non mi volevano consegnare l'auto: se non fate l'annullamento franchigia, siate sicuri di avere il denaro disponibile sulla carta di credito della franchigia danni; questa volta era solo 500 dollari, ma a Santorini era 1500 euro, 100 li avevo usati per il noleggio, la mia carta tirava 1500... e bel casino... dovevo fare un'assicurazione loro di 150 euro (La mia banca con un avviso di 3 giorni aumenta per il mese in corso il limite di spesa della carta di credito.)

Le strade sono belle... bisogna solo stare attenti a quei maledetti dossi per ridurre la velocità che sono ovunque... io una volta ero distratto e stavo per volare... sono enormi...! Poi è facile trovare capre e cammelli a bordo strada... o anche sulla strada... quindi mai esagerare con la velocità. Parecchi controlli, ma bastava mostrare il passaporto e si ripartiva...non mi hanno mai chiesto la patente internazionale che comunque avevo. In parte alle strade parecchia sporcizia...soprattutto centinaia di copertoni di camion...

1° tappa Mar Morto: visto che era già tardi e non siamo appassionati di arte, abbiamo saltato la tappa Madaba... quindi dritti al monte Nebo, visita alla chiesa con la famosa croce della foto di Papa Wojtyla (ingresso 2 jod) dove si ha una bella vista sul mar morto e sulla terra santa (la leggenda dice che da qui per la prima volta la vide pure Mosè), ma quasi sempre nella zona c'è foschia ed il panorama non è così spettacolare. Poi dritti fino al Dead Sea Spa Resort... 74 euro camera e colazione per 2 sul sito della Ryanair... (con il 10% cash back per il prossimo volo). Purtroppo in zona è difficile trovare sistemazioni economiche... ma il resort è bello, ha la propria spiaggia privata sottostante ha i famosi fanghi del mar morto gratuiti in spiaggia, 2 belle piscine...asciugamani da spiaggia free... lo sceglierei ancora. Nuotare nel Mar Morto è un'esperienza da provare... è veramente impossibile nuotare a rana perché ti rovescia, si è nel punto più basso della terra (400 metri sotto il livello del mare) e la percentuale salina dell'acqua ti tiene con più di mezzo corpo fuori dall'acqua... La temperatura dell'acqua a metà maggio sarà stata sui 23 °C credo... comunque non consiglierei di fermarmi più di mezza giornata. La sera siamo andati a cena al Rovers Return, un ristorante all'interno di un centro commerciale, dove abbiamo cambiato pure i primi soldi. Cena stile pub inglese, buona ma nulla di eccezionale

2° tappa, Wadi al-Mujib: dopo una gran bella colazione in hotel, abbiamo fatto una ventina di minuti di auto verso sud per fare tappa al Wadi Mujib Adventure Center... lo si trova facilmente sulla sinistra della strada principale con google map. È un canyoning di un paio d'ore... praticamente si risale a piedi questo fiume tra 2 splendide pareti rocciose... e poi si ridiscende facendo qualche scivolata sulla roccia e qualche tuffo. Il prezzo è di 21 jod, un po' esagerato per quello che offre, ma se si passa lo consiglio vivamente perché lo scenario è proprio bello; forniscono un giubbotto salvagente, bisogna andare con scarpe da ginnastica (oppure quelle da scoglio, ma secondo me quelle da ginnastica meglio... assolutamente no scalzi o infradito). Poi se avete quelle borse impermeabili, altrimenti non portatevi niente (io avevo solo scarpe, pantaloncini, t-shirt e la gopro... le chiavi della macchina si lasciano a loro) perché si è ammollo in diversi punti. Sarà che nella zona dove vivo ci sono dei percorsi molto più impegnativi, ma questo è proprio semplice... ovviamente ci vuole un po' di allenamento per camminare controcorrente per un'oretta (in alcuni punti non si tocca e ci si attacca a delle corse preesistenti) e per fare delle mini arrampicate su dei sassi. Negli unici 2 punti un po' impegnativi c'è uno dello staff che suggerisce come passare (indi per cui trovo veramente inutile prendere una guida, a meno che non si faccia il percorso più lungo che non so in cosa consista). A metà maggio la corrente era fortina in alcuni punti e la temperatura dell'acqua sarà stata sui 20°C. Lì ci sono solo degli spogliatoi (parecchio sporchi) dove cambiarsi, niente docce

  • 14764 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social