Visitando il Giappone tra storia, cultura, modernità, tradizione. Singapore e Ko Lipe, passando per Langkawi

Giappone partendo da Tokyo e passando per Nikko, Mt. Fuji (Lago Kawaguchico), Hiroshima, Mijayima, Kyoto, Osaka, Takayama. Raggiunto Singapore, via Langkawi, soggiorno e ralax a Ko Lipe.

Diario letto 6425 volte

  • di massimopaturzo68
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Ci siamo, io e mia moglie quest’anno siamo pronti per la nuova avventura, però a differenza di altri anni dove eravamo in due, questa volta abbiamo il battesimo del viaggio di nostro figlio Francesco, 19 mesi alla partenza. La tensione e l’emozione e tanta, anche perché il viaggio è molto impegnativo. Ci fermeremo per due settimane nell'affascinante Giappone, qualche giorno nella moderna Singapore, e il finale nella bellissima Ko Lipe (Thailandia).

Giorno 19 febbraio - Volo Napoli – Parigi con Air France (Jooin), e siamo a Parigi Charles De Gaulle. Il nostro piccolo già inizia a correre impazzito di gioia, corre impazzito di gioia, sul tappeto dell’aeroporto che ci porta ai voli intercontinentali. Raggiungiamo subito il gate di partenza del nostro volo, che sempre con Air France ci porterà a Tokyo dopo 12 ore di volo. Atterriamo ad Haneda, secondo aeroporto di Tokyo. Il volo è stato perfetto, la compagnia di bandiera francese ci ha offerto un servizio a bordo eccellente. Quindi iniziamo carichi l’avventura in Giappone.

Giorno 20 febbraio - ore 12:00 siamo accolti all‘ uscita dell’aeroporto da Mika, la nostra guida, che Travel Arrange dove lavora Marco Ferrari, Marchino in Giappone, per il web. Nell’attesa del Limousine Bus, delle 13 e 05, che ci porterà allo Shinjuku Washinghton Hotel, andiamo a convalidare il Japan Rail Pass, il quale servirà per Shinkansen, treni locali, e la Yamanote line, Chuo line. Cioè tutte le linee Jr, sono incluse. Dopo 50 minuti raggiungiamo il nostro hotel. Mentre moglie e figlio, dopo il Check in prendono possesso della camera, con Mika raggiungiamo la biglietteria Jr della Stazione di Shinjuku. Dove procediamo alla prenotazione dei treni, che ci permetteranno di spostarci, nei giorni successivi alla visita di Tokyo. Al ritorno in hotel percorriamo la galleria che si unisce alla stazione, e impressionante la quantità di ristoranti e attività commerciali presenti. Raggiunto la famiglia, facciamo solo un piccolo giro nei dintorni, e dopo una cena nel ristorante dell’Hotel si va a letto.

Giorno 21 febbraio - Mika mi raggiunge in Hotel, alle h. 09:00 con puntualità nipponica, per questa prima giornata di escursione della città di Tokyo. Ho scelto di farla con la guida, per superare le iniziali difficoltà di spostamento con la metropolitana. Tokyo è una metropoli modernissima, ed ha numerose linee della metropolitana. Oggi comunque sono senza moglie e figlio, restano per riposo da jet lag in hotel. Raggiunta la Stazione di Shinjuku, prendiamo la linea Yamanote, detta Circle Line, famosa per l’ora di punta zeppa di pendolari. Raggiungiamo Yanaka Ginza Shopping Street. Sopravvissuta ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, rappresenta una opportunità di visitare una Tokyo reale, senza palazzoni. Poi un po’ più avanti raggiungiamo il Yanaka Cementary. Mi colpiscono le cisterne di acqua con mestoli in legno, e Mika mi spiega che secondo le usanze dei Giapponesi, i quali bagnano le lapidi in marmo sulle tombe, per dissetare i defunti. Sempre con Yamanote Line raggiungiamo Ueno Park, dove visitiamo il Tempio Toshogu Shrine, santuario shintoista, costruito in onore del signore della guerra che unificò il Giappone. Bellissima la porta dorata. I giardini sono ben curati, e non oso immaginare, la bellezza nel periodo dell’hanami. Dopo la visita del santuario, raggiungiamo shinobazuno pond. Dove c’è la vista di un bellissimo lago, con la cornice di enormi palazzoni. Terminata questa visita, andiamo a visitare lo Zoo di Ueno, dove facciamo una ora di fila per vedere in 20 secondi una bellissima coppia di panda, donati dalla Cina al Giappone. In zona giusto in tempo per visitare il famoso e caotico mercato di Ameyoko Shopping Street. Sono le 13 e approfittiamo per pranzare e visitare quel che resta del vecchio Tsukiji Market. Anche se l’asta del pesce si è trasferita a quello nuovo, il mercato con le sue bancarelle da strada di pesce e altro rimane con il suo fascino

  • 6425 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Bordeline
    , 11/6/2019 16:23
    Tutto molto bello, ben raccontato ma ho una domanda: il senso di portarsi dietro tuo figlio di 18 mesi?
    La maggior parte dei giorni sei andato in giro da solo, tua moglie relegata a curare il bambino.
    Viaggiare così è semplicemente egoistico considerato il viaggio allucinante che un bimbo così piccolo ha dovuto affrontare per la sua età e che molto probabilmente non ha capito nulla dei posti visitati.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social