Jamaica natura, mare e musica

come viaggiare low cost in alta stagione... come poter collegare la natura e il mare all'amore per la musica...

Diario letto 12238 volte

  • di cibergaia
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ferie forzate dal 24 dicembre al 7 gennaio, che fare se non partire…nonostante l’alta stagione!

Dovevo trovare una meta che mettesse d’accordo Matteo e me…

Io indirizzata verso mare, immersioni, pesci, natura… lui interessato a musica e negozi di dischi… L’unica meta possibile era la Giamaica!

Leggendo racconti, navigando per forum e motori di ricerca vari, finalmente trovo una serie di voli che considerata l’alta stagione erano abbastanza favorevoli.

Periodo 28 dicembre - 8 gennaio, ci emozionava passare il 31 dicembre al caldo e soprattutto in Jamaica.

Voli.

Pisa-Londra con Ryanair, prezzo 230 (caro…ma eravamo vicino al 31 dicembre); Londra-Kingston con Virgin Atlantic, prezzo 743 euro (in offerta); Londra-Pisa con easyjet, ritardo di 4 ore per neve, prezzo 60 euro; Totale voli 1030 euro a persona.

Avevamo suddiviso il nostro itinerario in modo da avere un assaggio delle varie realtà giamaicane: arrivo a Kingston e spostamento a Porto Antonio; 5 giorni a Porto Antonio, poco turistica; 3 giorni a Runaway Bay tra i Resort; 2 giorni a Kingston nella capitale.

Alloggi.

Port Antonio: “Ocean Crest Guest House”, 18 $/notte/persona in camera doppia con bagno. Avevo contattato anche “Search me heart” e “Drapers San Guest house” ma erano al completo, c’eravamo decisi ormai troppo in ritardo. L’Ocean Crest si è rivelata comunque in una buona posizione strategica, in una zona silenziosa, relativamente pulita (non era il nostro standard europeo). Qui ci siamo incrociati con vari turisti italiani, svizzeri e americani con cui abbiamo passato serate a chiacchierare in veranda o a fare colazione al mattino scrutando il mare e interrogandoci sul tempo del giornata.

Runaway Bay: Club Ambiente, 80 $/notte/persona tutto compreso…abbiamo optato per un alloggio un po’ più comodo. Stanza enorme, pensione completa e bar free, spiaggia privata, jacuzzi a 38 gradi, ecc Nonostante le comodità non abbiamo fatto amicizia con nessuno, poco socievoli. La clientela era costituita da americani e canadesi perennemente seduti ai bar, dalla colazione alla cena.

Kingston: Knutsford Court Hotel, 40 euro/notte/persona in camera doppia con colazione. L’hotel è moderno, ristrutturato da poco, si costituisce di due immobili separati da un giardinetto e dalla piscina. Camera ampia… ma con moquette! Colazione abbondante ma aria condizionata stile congelatore…

Spostamenti interni.

Per il primo spostamento, dall’aeroporto a Port Antonio, arrivando stanchi, avevamo chiesto un servizio taxi così il figlio di Rita della Guest House, un ragazzone grande e grosso, con un super SUV, ci attendeva all’esterno dell’aeroporto. Costo 120 $ per un tragitto di 2 ore. Una volta a destinazione, ci siamo spostati sempre con mezzi locali, taxi o minibus collettivi (targa rossa), economici e frequenti. Richiedono un certo spirito di adattamento anche perché i taxisti riempiono le vetture al massimo, anche 6-7 persone (solo sul sedile posteriore). Anche in questo modo, strippati come sardine, abbiamo potuto conoscere gente locale: la bambina che voleva imparare i colori e i numeri in italiano, la ragazza che andava al funerale del padre, l’artigiano del mercato, i due che litigavano per le diverse opinioni politiche, l’amico infilato nel bagagliaio, ecc

Escursioni e Spiagge.

Il tempo non è stato clemente, in 10 giorni solo 3 giorni di sole pieno e menomale che era il periodo migliore!!! Siamo andati ugualmente in giro, al mare e a fare escursioni, la temperatura si manteneva sempre alta

  • 12238 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social