Fuerteventura: un piccolo deserto in Europa

Un'isola che ti fa dimenticare di essere in Europa: selvaggia e tropicale

Diario letto 3563 volte

  • di borghettina
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Partecipanti: Milena (autrice del presente diario) e Michele (marito di Milena, pigro e mai contento).

Quest’anno decidiamo di comune accordo, su proposta di Michele, di non andare in Grecia e di cambiare un po’ ambiente. Io personalmente sono dispiaciuta ma anche io desiderosa di uscire dai confini greci alla scoperta di nuove terre. Cerca e ricerca propongo Fuerteventura come meta a mio marito che accetta senza troppo entusiasmo. Dovete sapere che mio marito vive un viscerale rapporto di amore-odio verso il mare: da una parte gli piace ed è entusiasta di andare in vacanza ma dall’altra si stanca di fare la vita da pensionato, come la chiama lui, spiaggia-piscina-giretto. Contrariamente però a questo, non vuole nemmeno girare e quindi vive sempre la vacanza un po’ come costrizione ma, di contro, ne sente il bisogno. Non mi dilungherò su questo dubbio amletico di Michele sull’andare o non andare al mare e quindi . . . cominciamo!

In realtà Fuerteventura non è una terra a noi completamente sconosciuta in quanto nell’estate del 2010 ci siamo recati a Corralejo per 14 giorni. In quell’occasione non abbiamo girato molto, se non un giorno a El Cotillo, e quindi quest’anno decidiamo di andare a sud noleggiando un’automobile per poter essere autonomi fin dall’atterraggio. Questo non vuole essere un vero e proprio diario di viaggio in quanto, spesso, la nostra vita da pensionati, per utilizzare un termine di mio marito, si è svolta tra spiaggia e ristoranti.

Questo racconto contiene più che altro una serie di consigli e di osservazioni sull’isola e sulle impressioni che abbiamo avuto noi.

VOLI: per arrivare a Fuerteventura esistono diversi voli ma, purtroppo, tantissimi non sono diretti. Mi spiego meglio: i pacchetti, carissimi, venduti dai tour operator vi propongono un volo diretto a fronte di una spesa eccessiva. Se invece, come noi, optate per il fai da te dovete muovervi in estremo anticipo; per agosto, non più tardi di marzo. Esistono dei voli di IBERIA che fanno scalo a Madrid e che, salvo ritardi e cancellazioni, in circa 7/8 ore vi portano a Fuerteventura. E’ sempre un rischio, secondo me, fare scalo anche se con la stessa compagnia non dovreste avere problemi di valigie smarrite o coincidenze perse ma . . . non si sa mai! I voli diretti per noi lombardi sono RYANAIR da Bergamo con orari, almeno per quest’anno non favolosi in quanto all’andata, partendo di pomeriggio, perdete un giorno. Oppure esiste MERIDIANA che opera direttamente su Fuerteventura e ha l’andata alle prime ore del mattino. Noi finora ci siamo trovati bene e non abbiamo subito particolari ritardi. Prenoto a febbraio e il volo, nel giro di due ore, è già salito a 445 euro da 390 a testa con la valigia; a maggio sarà già attorno alle 650 euro. Assurdo!

AUTOMOBILIE: secondo noi è necessaria se si vuol girare un pochino, altrimenti lasciate perdere. Noi, dato il costo irrisorio, abbiamo deciso di prenderla anche perchè altrimenti avremmo dovuto pagare comunque il transfer aeroporto-hotel e alla fin fine, facendo quattro conti, conveniva la macchina. Noi abbiamo pagato 21 euro al giorno prenotando a marzo circa. Non aspettate gli ultimi giorno prima di partire perché i prezzi si alzano anche di dieci euro al giorno e se partite in periodi caldi come agosto, rischiate di arrivare in aeroporto e non trovarne. Prenotate con CICAR, PAYLESS oppure CABRER MERDINA (che dipende da CICAR) che hanno il desk in aeroporto e soprattutto, vi danno la possibilità di pagare in contanti oppure carta prepagata (cosa che invece molti autonoleggi non vi permettono di fare, richiedendo per forza la carta di credito). Con queste compagnie non c’è franchigia, le macchine sono nuovissime e il servizio è puntuale ed efficiente

  • 3563 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social